CIOCCOLATO

Andare in basso

Positivo CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Dom 13 Lug 2008 - 13:36

Il cacao e il cioccolato sono gli alimenti più ricchi di polifenoli e, in particolare, in catechina e in epicatechina, due procianidine. La loro struttura fa delle procianidine dei potenti antiossidanti. Ricerche hanno dimostrato che il loro potere è molto più importante di quello delle vitamine antiossidanti come le vitamine C ed E.

Studi clinici indicano che i polifenoli del cacao:

    • diminuiscono leggermente il colesterolo cattivo LDL e, in alcuni casi, aumentano in modo significativo il colesterolo HDL, rinforzando così la protezione contro l’arteriosclerosi;
    • riducono l’ossidazione del colesterolo LDL, che gioca un ruolo importante nel processo di sviluppo dell'arteriosclerosi;
    • nei fumatori, in cui la funzione endoteliale è danneggiata dal fumo di sigaretta, il consumo di cioccolato ricco di polifenoli migliora in modo significativo la dilatazione indotta dal flusso sanguigno del 37% e riduce del 36% l'attivazione delle placchette, indicando che i polifenoli del cioccolato hanno un effetto benefico significativo sulle funzioni endoteliale e placchettaria;
    • somministrati per 8 settimane a dose relativamente debole (30 mg al giorno), diminuiscono leggermente la pressione sanguigna. Allo stesso tempo, i marcatori sanguigni della funzione endoteliale sono migliorati in modo significativo;
    • anche in dose maggiore (88 mg al giorno), provocano una riduzione più importante della pressione sanguigna;
    • diminuiscono i livelli di enzimi lipossigenasi e di prodotti derivati pro-infiammatori, come i leucotrieni, conosciuti per i loro effetti nefasti per l'endotelio e il normale processo di proliferazione cellulare;
    • negli uomini da 65 a 85 anni, il consumo regolare di cacao per 15 anni dimezzava il rischio di morire di malattie cardiovascolari e diminuiva anche il rischio globale di mortalità;
    • sono associati, in studi epidemiologici, a una riduzione del rischio di incidenti cardiaci gravi. Esercitano i loro effetti protettivi, prima di tutto, rinforzando la funzione endoteliale mantenendo livelli sani di acido nitrico e, in seguito, diminuendo i fattori pro-infiammatori;
    • diminuiscono i livelli di insulina a digiuno e migliorano la sensibilità all’insulina;
    • in vitro, inibiscono la crescita di cellule cancerogene umane della prostata e, in alcuni casi, la bloccano completamente. Questo fenomeno è stato osservato anche, in modo meno importante, su cellule metastatiche. Non hanno d’altro canto alcun effetto negativo sulla crescita di cellule sane;
    • su ratti maschi, somministrati per via orale prima dell’induzione di uno stress ossidante cronico, e poi lungo tutto l’arco della vita degli animali, inibiscono gli effetti di tale stress cronico e aumentano la speranza di vita. Esercitano un’azione antiossidante protettrice sulle funzioni cognitive, combattono le perdite di memoria e stimolano le capacità di apprendimento;
    • in topi diabetici obesi, diminuiscono i livelli di glucosio sanguigno. Questo miglioramento potrebbe essere dovuto al potere antiossidante dell’estratto che migliora l’insulinoresistenza





    CIOCCOLATO Ciocco11

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Dom 13 Lug 2008 - 13:42

Il cioccolato riduce il rischio di cancro all'intestino
Una ricerca americana conferma le proprietà antitumorali di una molecola antiossidante presente del cioccolato, la Procianidina, nel trattamento dei tumori intestinali


CIOCCOLATO _2005110








Mangiare cioccolata puo' servire a combattere il cancro all'intestino. Secondo quanto ha scoperto un team di studiosi americani, infatti, alcune molecole contenute nel cacao chiamate procianidine avrebbero proprieta' antiossidanti e servirebbero a proteggere le cellule dalle degenerazioni tumorali.
Secondo quanto riporta oggi il tabloid britannico Daily Express, gli scienziati della Georgetown university di Washington DC hanno condotto una serie di test con una versione sintetica delle procianidine chiamata GECGC - esaminandone gli effetti su cellule affette da 16 tipi di tumore diverse. Dai risultati e' emerso che il GECGC ha un effetto positivo su quattro tumori, in particolare in due varieta' di cancro all'intestino, dove la sostanza e' riuscita a rallentare del 50% la crescita tumorale.
Le quantita' di GECGC somministrate erano simili alla quantita' di procianidine che una persona assumerebbe mangiando la cioccolata. 'Tutti abbiamo sentito dire che il cioccolato fa bene. Ora questo studio sembra indicare il perche'', ha detto Min Kim, lo scienziato che ha condotto lo studio i cui risultati sono stati pubblicati dalla rivista scientifica Cell Cycle.


Redazione MolecularLab.it (07/07/2008)





___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da LUNA il Dom 13 Lug 2008 - 14:52

Che bella notizia!!!!!CIOCCOLATO Smilel10
LUNA
LUNA
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 3566
Località : New york
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da VITA il Dom 13 Lug 2008 - 16:27

Grazie Xena.
Io sono ghiottissima di cioccolato..........

CIOCCOLATO Safe_i10

prrrr
VITA
VITA
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 3481
Età : 58
Località : TREVISO
Data d'iscrizione : 31.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Dom 13 Lug 2008 - 18:16

dillo a me ... Very Happy
non posso dirti l'ultima volta quanta ne ho mangiata : da guiness smile spara

CIOCCOLATO Ciok10

ora posso solo guardarla No

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Dom 13 Lug 2008 - 20:32

CAMPOBASSO, 19 APRILE 2007
Anche il cioccolato nell’olimpo dei cibi salutari?
Intervista a Giovanni de Gaetano, direttore dei Laboratori di ricerca della sede di Campobasso


articolo pubblicato sul Nuovo Molise del 19 aprile 2007

TE’ e cioccolato. Non si tratta di una nuova ricetta per stimolare i palati più esigenti, ma dell’analisi di un team di ricercatori dell’università di Colonia che li ha messi a confronto per indagarne i rispettivi effetti benefici. Questi due prodotti - fanno sapere gli autori dello studio - rappresentano le fonti di polifenoli più diffuse nel mondo occidentale. Fu il cosiddetto «paradosso francese», una quindicina di anni fa, a portare alla ribalta gli antiossidanti presenti nel vino rosso come potenziali determinanti per proteggerci contro le malattie cardiovascolari; da allora i riflettori della ricerca sono stati puntati verso composti naturali presenti in cibi e bevande. La bevanda di Bacco non è l’unica miniera di questi importanti componenti. I polifenoli, infatti, si trovano in numerosi altri cibi e bevande, come frutta e verdura. E che possano dare gli stessi risultati riscontrati nel vino - senza produrre i potenziali danni dell’alcol - è la ragione che spinge la comunità scientifica ad approfondire gli studi in questa direzione. Questa volta i ricercatori tedeschi, che hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista americana Archives of Internal Medicine, hanno preso in esame cioccolato e tè, riscontrando una interessante differenza: entrambi ricchi in polifenoli, solo il cacao ha dato buoni risultati, rivelandosi capace di abbassare la pressione arteriosa: 4.7 e 2,8 millimetri di mercurio in meno è il risultato messo a segno rispettivamente per la pressione sistolica e diastolica. Nulla di fatto invece per la bevanda più diffusa al mondo, il tè, che non è apparsa ridurre la pressione sanguigna.

La differenza - secondo i ricercatori - starebbe proprio in una particolare classe di sostanze, le procianidine, polifenoli presenti nel cacao ma non nel tè. Abbiamo chiesto a Giovanni de Gaetano, direttore dei Laboratori di Ricerca dell’Università Cattolica di Campobasso di fare il punto su questa ricerca e di illustrarci le prospettive future.

Professor de Gaetano, come spiega il crescente interesse della comunità scientifica verso i polifenoli? «Dal paradosso francese in poi, la lente degli scienziati si è progressivamente spostata verso queste sostanze presenti in natura e che spesso vengono messe in secondo piano a favore dell’uso di farmaci.
Le importanti scoperte sul vino e le sue proprietà protettive contro i fattori di rischio cardiovascolari hanno indicato la strada e ora molti laboratori sono alla ricerca di simili caratteristiche in altri cibi e bevande. Nel marzo scorso si è tenuto a Milano il primo convegno, organizzato dalla Nutrion foundation of Italy che ha discusso proprio i possibili effetti benefici del cioccolato. Segno che il livello di interesse è molto alto e che i tempi sono maturi per ulteriori indagini».

]Come mai tè e cioccolato, sebbene contengano entrambi significative quantità di polifenoli, hanno dato risultati diversi? «I polifenoli sono sostanze molto diverse tra loro, divisi in tante famiglie chimiche. Ecco perché gli effetti possono essere diversi. Basti pensare che anche lo stesso alimento può contenere polifenoli diversi, come nel caso del vino: quello rosso, ad esempio, è molto diverso da quello bianco. Il cacao ha una classe di antiossidanti, le procianidine, che probabilmente sono capaci di abbassare la pressione arteriosa, laddove il tè sembra aver "fallito". Questo non significa che il tè non abbia alcuna proprietà sulla salute, anzi. Questa bevanda è ricca ad esempio di acido gallico, un antiossidante dalle proprietà biologiche interessanti, visto che è capace di ridurre la funzione piastrinica che è determinante per l’insorgenza di alcune malattie cardiovascolari».

Perché i ricercatori tedeschi hanno usato la metanalisi come metodo di studio? «Grazie alle particolari caratteristiche statistiche, la metanalisi riesce a fornire una risposta globale e concreta agli interrogativi che sorgono da studi diversi e talvolta contrastanti. E’ un metodo statististico che permette di ricomporre ed interpretare il puzzle, dove ogni pezzo rappresenta le singole ricerche condotte sul medesimo argomento. Si tratta di un approccio che qui nei
Laboratori di Ricerca usiamo da tempo e che ci ha dato grande soddisfazione. Come ad esempio la metanalisi sulla riduzione della mortalità totale da consumo moderato di alcol, un risultato che ha fatto mesi fa il giro del mondo».


Nella vostra metanalisi sull’alcol avete analizzato dati relativi a oltre un milione di persone. I colleghi tedeschi invece ne hanno considerato poche centinaia. Una differenza che in qualche modo può inficiare i loro risultati? «Effettivamente c’è un abisso numerico. Certamente i risultati devono essere considerati preliminari ed interpretati anche alla luce di questo limite. Prima di balzare a conclusioni affrettate bisognerebbe avere a disposizione maggiori dati, anche perchè la durata degli studi considerati è piuttosto modesta».

In ogni caso, la riduzione della pressione arteriosa registrata ad opera del cioccolato è significativa? «Certo, una riduzione media di 4.7 millimetri di mercurio è sicuramente incisiva e corrisponde agli effetti riscontrabili con farmaci anti-ipertensivi ben collaudati. E se consideriamo che l’ipertensione è uno dei fattori di rischio principali di ictus e infarti, non possiamo che accogliere con soddisfazione ricerche di questo tipo».

I Laboratori di Ricerca della Cattolica stanno facendo ricerche simili? «Al momento stiamo analizzando i dati preliminari dello studio Molisani. Tra le domande del questionario cui i nostri partecipanti sono chiamati a rispondere ci sono anche quelle relative al consumo di cioccolata. Non solo. Il progetto europeo Flora, a cui partecipiamo con altri gruppi internazionali, studia i diversi polifenoli, tra cui anche le procianidine, presenti nel succo di arancia rossa. Quando avremo i primi dati sarà possibile confrontarli con quelli tedeschi relativi al cioccolato e valutare eventuali analogie o differenze».

]Un’ultima precisazione è doverosa in casi come questo. I risultati che sono venuti fuori dallo studio - ammoniscono i ricercatori di Colonia - non rappresentano certo il via libera alle abbuffate incontrollate di cioccolata. Bisogna infatti tenere bene a mente che le barrette sono sì ricche di polifenoli, ma anche di grassi e zucchero.


Marialaura Bonaccio


CIOCCOLATO 6nl810


<table cellSpacing=0 cellPadding=0 width="100%" border=0><tr><td align=left></TD></TR></TABLE>

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da viernes il Lun 14 Lug 2008 - 13:12

Tutti sempre (non mi riferisco ovviamente agli utenti del forum, quando uso il termine tutti) ad osannare le qualità benefiche dell'alimento X o dell'Y... magari stavolta "sponsorizzati" da chi, dalla Nestlè di turno?
Però nessuno dice ai consumatori (ed io sono tra questi, anche se conto di diminuirne progressivamente il consumo) che il cacao e di conseguenza il cioccolato contiene la teobromina, un alcaloide. Ah no, secondo loro il problema sono "i grassi e gli zuccheri" testa al muro

Se conoscete quali sono gli effetti degli alcaloidi sul nostro sistema nervoso, penso possiate comprendere la portata del problema.
viernes
viernes
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 1498
Età : 44
Località : VA
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Lun 14 Lug 2008 - 15:03

Il cacao in gravidanza previene la preeclampsia: merito della teobromina


Via libera al cioccolato in gravidanza, purché sia fondente e ricchissimo di teobromina, un alcaloide che stimola il battito cardiaco, rilassa i muscoli lisci e dilata i vasi sanguigni e che aiuta a prevenire la [url=http://salutenaturale.forumattivo.com/javascript:popup_glossario('http://glossario.paginemediche.it/it/glossario_popup/glossario/search.aspx?text=Preeclampsia',500, 400)]preeclampsia[/url]. Lo dimostrerebbe una ricerca condotta da Elizabeth Triche della Yale University di New Haven che ha indagato sui potenziali benefici garantiti dal cacao fondente su 2.291 donne che avevano partorito. Alle pazienti è stato chiesto di riferire quanto cioccolato avessero assunto nel primo e nel terzo trimestre di gravidanza e i ricercatori hanno anche analizzato le quantità di teobromina nel [url=http://salutenaturale.forumattivo.com/javascript:popup_glossario('http://glossario.paginemediche.it/it/glossario_popup/glossario/search.aspx?text=Sangue',500, 400)]sangue[/url] del cordone ombelicale. Ebbene, le donne che avevano consumato le più elevate quantità di cacao erano anche quelle che avevano partorito bambini con le più alte concentrazioni di teobromina nel loro cordone ed erano le meno esposte al rischio di sviluppare la preeclampsia, un disturbo caratterizzato da un aumento allarmante della pressione sanguigna e da un eccesso di [url=http://salutenaturale.forumattivo.com/javascript:popup_glossario('http://glossario.paginemediche.it/it/glossario_popup/glossario/search.aspx?text=Proteina',500, 400)]proteine[/url] nelle urine.

In particolare, ha spiegato la studiosa statunitense sull’autorevole rivista scientifica [url=http://salutenaturale.forumattivo.com/javascript:popup_glossario('http://glossario.paginemediche.it/it/glossario_popup/glossario/search.aspx?text=EPIDEMIOLOGY',500, 400)]Epidemiology[/url], le donne che assumevano cinque o più porzioni di cioccolata alla settimana nel terzo trimestre di gravidanza avevano una riduzione del rischio di preeclampsia pari al 40% rispetto a quelle che mangiavano solo un pezzo di cioccolato alla settimana. I ricercatori hanno confermato lo stesso collegamento tra cacao e minore rischio di preeclampsia per il consumo di cacao nel primo trimestre (anche se la percentuale di rischio scendeva solo del 19%).

Semaforo verde, quindi, al cioccolato, purché sia assolutamente fondente, altrimenti la quantità di teobromina rischia di essere minore a tutto vantaggio di [url=http://salutenaturale.forumattivo.com/javascript:popup_glossario('http://glossario.paginemediche.it/it/glossario_popup/glossario/search.aspx?text=Zuccheri',500, 400)]zuccheri[/url] e calorie che di certo non fanno bene in gravidanza!
02/05/2008


MFL

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da mara il Lun 14 Lug 2008 - 15:05

Bello e buono questo articolo!Brava Simone'! flower

mara
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 5443
Età : 46
Località : san mauro
Data d'iscrizione : 18.05.08

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Lun 14 Lug 2008 - 15:10

Cosa è la teobromina e qual'è il suo effetto sugli esseri umani?


Sostanze organiche contenenti azoto sono diffuse in tutto il mondo. Tra queste ritroviamo la metilxantina, derivato della caffeina, la teobromina e la teofillina. Queste presentano una struttura molto simile tra loro e con simili proprietá farmacologiche. Sono tutte presenti in circa 60 specie di piante. Esse sono spesso note come alcaloidi. La teobromina è il maggiore alcaloide del cacao; difatti si pensa che esso contribuisca al tipico sapore del cacao.
Un indagine svolta da MAFF sulla metilxantina ed eseguita su una serie di bevande e sul cioccolato ha mostrato che i livelli di teobromina erano bassi, ad eccezione dei prodotti di cioccolato.
Le concentrazioni di teobromina riscontrate nelle bevande in polvere erano dell'ordine tra 85 –520 mg/l con un valore medio di 367 mg/l. Le concentrazioni di teobromina nelle bevande di latte al cioccolato andavano da 141 a 371 mg/l. Le mousse di cioccolato avena un contenuto di teobromina di 386 e 651 mg/kg. Nelle barre di cioccolato i livelli di teobromina andavano da 1300 a 4740 mg/kg. Barre di cioccolato con un contenuto di cacao piú alto (70% di cacao) presentava una concentrazione di teobromina di 10370 mg/kg.
Si pensa che i variabili livelli di teobromina riscontrati nelle barre di cioccolato, riflettono le variabile concentrazione presente nei chicchi di cacao. La quantitá di metilxantina nei chicchi di cacao dipende da vari fattori influenzanti: procedure di trasformazione, genotipi, origini geografiche, grado di maturitá alla raccolta e peso dei chicchi di cacao.
Le metilxantine sono rapidamente assorbite dagli essere umani, mentre i livelli di teobromina vengono dimezzati tra le 6 e le 10 ore successive al loro consumo. Le metilxantine sono stimolanti leggeri, mentre le teobromine non hanno quasi alcun effetto sul sistema nervoso centrale. Tutte le metilxantine hanno mostrato di rilassare i muscoli lisci dei bronchi polmonare, ma è improbabile che questo effetto sia evidente dopo la loro assunzione attraverso cibi e bevande. Tutte le metilxantine hanno un effetto diuretico evidente solo quando vengono consumate con abbondanti quantitá di acqua.
La ricerca svolta in questo campo ha trovato che gli animali domestici, in particolare i cani, sono sensibili alla teobromina. Sono stati riportati diversi casi di avvelenamento di cani in cui la quantitá di cioccolata mangiata era compresa tra 100 g ed 1 kg. I sintomi sui cani erano principalmente di tipo neurologico (tremori e convulsioni), mentre altri hanno mostrato casi di diarrea. La valutazione finale della metilxantina da parte di dietisti e tossicologi è che piante contenenti le metixantine sono state consumate da tempi immemorabili senza causare danni alla salute. La ricerca scientifica ha dimostrato che il consumo di queste sostanze non ha conseguenze finché non è eccessivo. Le metilxantine nei prodotti al cacao non hanno effetti negativi sulla salute umana perché il loro quantitativo nel cioccolato ed altri prodotti alimentari trasformati contenenti cacao sono cosí bassi da rientrare solamente in piccolissime proporzioni nella dieta umana.
Referenze:
Indagine sulla caffeina e sulle metixantine in bevande energizzanti ed altri prodotti contenenti caffeina.(aggiornato). Food Surveillance Information Sheet, (144): 26pp, March 1998 (No 103 revised)
Matissek, R. Evaluation of xanthine derivatives in chocolate - nutritional and chemical aspects. Z. Lebensm. Unters Forsch. A, 205: 175-184, 1997

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Lun 14 Lug 2008 - 15:16

mara ha scritto:Bello e buono questo articolo!Brava Simone'! flower

Grazie Mara CIOCCOLATO An14010 Very Happy Very Happy Very Happy

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da viernes il Lun 14 Lug 2008 - 15:30

Farmaco alcaloide (=stessa famiglia naturale della morfina e della cocaina) naturale contenuto nel cacao, con azione broncodilatatrice, stimolante del sistema nervoso centrale; riduce il tempo di sistole ventricolare, incrementa la filtrazione glomerulare.

Può dare diversi effetti collaterali: irritabilità, insonnia, irrequietezza, capogiro, cefalea, convulsioni, palpitazioni, nausea, vomito, diarrea, gastralgia, ulcera, emorragie intestinali.
viernes
viernes
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 1498
Età : 44
Località : VA
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Lun 14 Lug 2008 - 15:34

viernes ha scritto:Farmaco alcaloide (=stessa famiglia naturale della morfina e della cocaina) naturale contenuto nel cacao, con azione broncodilatatrice, stimolante del sistema nervoso centrale; riduce il tempo di sistole ventricolare, incrementa la filtrazione glomerulare.

Può dare diversi effetti collaterali: irritabilità, insonnia, irrequietezza, capogiro, cefalea, convulsioni, palpitazioni, nausea, vomito, diarrea, gastralgia, ulcera, emorragie intestinali.

A quali dosaggi???

anche la belladonna è un veleno mortale eppure in omeopatia è usata .

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da viernes il Lun 14 Lug 2008 - 16:00

Non parla di dosaggi nella pagina da cui ho fatto cut&paste... credo a rigor di logica che si faccia riferimento a dosaggi ritenuti "normali" (che cosa poi significhi questo, tradotto all'atto pratico, non lo so)
viernes
viernes
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 1498
Età : 44
Località : VA
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da LUNA il Lun 14 Lug 2008 - 16:08

Anche il dottor Duranti,consiglia il cioccolato fondente perchè ricco in polifenoli!!!!!!!
EVVIVA IL CIOCCOLATO Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy Very Happy
LUNA
LUNA
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 3566
Località : New york
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da Dezeb il Mer 16 Lug 2008 - 8:45

CIOCCOLATO Archiv10
Dezeb
Dezeb
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 1431
Età : 50
Località : N
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Mer 16 Lug 2008 - 10:18

CIOCCOLATO 213302 pollice alto

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da Ospite il Mer 16 Lug 2008 - 10:31

CIOCCOLATO Fontan10

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da Ospite il Mer 16 Lug 2008 - 10:32

CIOCCOLATO Ciocco12

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da XENA il Mer 16 Lug 2008 - 10:33

il solito esagerato CIOCCOLATO 626159

___________________________________________________
CIOCCOLATO 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da lalba il Gio 17 Lug 2008 - 18:37

...ragazzi non potete farmi questo! nooooooooooo!!!!! tutta sta cioccolata, ci vivrei dentro!, Viernes , scusa ...ma che bello essere drogati dalla cioccolata? eiste da qualche parte un mega barattolo di nutella, o una casa di cioccolata invece che di marzapane... che libidine!!!!!! clown
lalba
lalba
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 1013
Località : Forlì
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da LUNA il Gio 17 Lug 2008 - 18:56

Ieri mattina ho acquistato una tavoletta di cioccolato strafondente!100% difficile anche da mandar giù e una all'85%,ne assumo,per i polifenoli che contiene ,due quadretti al giorno....
ma di nutella e varie creme spalmabili ne assumo una quantità industriale.........mamma mia, quelle no che non fanno bene al corpo,ma alla mente sì!!!!
Very Happy
LUNA
LUNA
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 3566
Località : New york
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da minerva il Gio 24 Lug 2008 - 9:03

Io mangio quella al 70%. Buona da matti!
minerva
minerva
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 2498
Età : 56
Località : Emilia Romagna
Data d'iscrizione : 27.12.07

Torna in alto Andare in basso

Positivo Re: CIOCCOLATO

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum