David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 21 Feb 2009 - 20:18

Les étapes de la réponse immunitaire

Posté le 29/01/2009 par David Servan-Schreiber Envoyer par mail
Mot-clés: Système immunitaire Cancer




Il existe deux grands types de réponse immunitaire : D’une part, la réponse non-spécifique, qui constitue « l’immunité innée » (nommée ainsi parce qu’elle est présente dès la naissance), agit en ne tenant pas compte de la nature du micro-organisme qu’elle combat; La seconde, la réponse spécifique qui passe par la reconnaissance de l’agent à attaquer et la mise en mémoire de cet événement : c’est « l’immunité acquise ».

La réponse immunitaire non spécifique




La première ligne de défense




La peau et les muqueuses sont les premières barrières naturelles auxquelles se heurtent les assaillants. La peau est le plus grand organe du corps et offre une protection très efficace contre les infections. Elle offre un milieu hostile aux microbes : sa surface est légèrement acide et plutôt sèche, et elle est couverte de « bonnes » bactéries. Cela explique pourquoi l’hygiène excessive n’est pas nécessairement une bonne chose pour la santé.

La bouche, les yeux, les oreilles, le nez, les voies urinaires et génitales offrent tout de même des voies de passage pour les microbes. Ces voies ont aussi leur système de protection. Par exemple, les réflexes de la toux et de l’éternuement expulsent les micro-organismes des voies respiratoires.

L’inflammation est une protection



L’inflammation est la première barrière que rencontrent les micro-organismes pathogènes qui franchissent notre enveloppe corporelle. Tout comme la peau et les muqueuses, ce type de réponse immunitaire agit sans connaître la nature de l’agent qu’il combat. Le but de l’inflammation est d’inactiver les agresseurs et de mettre en oeuvre la réparation des tissus (en cas de lésion). Voici les principales étapes de l’inflammation.

La vasodilatation et une plus grande perméabilité des capillaires dans la zone atteinte ont pour effet d’augmenter l’afflux sanguin (responsable de la rougeur) et de permettre l’arrivée des acteurs de l’inflammation.

La destruction des pathogènes par les phagocytes : un type de globule blanc qui est capable d’englober des microorganismes pathogènes ou d’autres cellules malades et de les détruire. Il en existe plusieurs types : les monocytes, les neutrophiles, les macrophages et les cellules tueuses naturelles (cellules NK).


La réponse immunitaire spécifique



C’est ici qu’interviennent les lymphocytes, un type de globules blancs dont on distingue deux classes : les lymphocytes B et les lymphocytes T.
Les lymphocytes B
comptent pour environ 10 % des lymphocytes qui circulent dans le sang. Lorsque le système immunitaire rencontre un agent étranger, les lymphocytes B sont stimulés, se multiplient et se mettent à produire des anticorps, c’est le point de départ de la destruction du pathogène.
Les lymphocytes T
représentent plus de 80 % des lymphocytes en circulation. Il existe deux types de lymphocytes T : les cellules T cytotoxiques qui, lorsqu’elles sont activées, détruisent directement les cellules infectées par des virus et les cellules tumorales, et les cellules T facilitatrices, qui contrôlent d’autres aspects de la réponse immunitaire.

La réponse immunitaire spécifique crée l’immunité acquise, celle qui se développe au fil des ans en conséquence des rencontres que notre organisme fait avec des molécules étrangères spécifiques. Ainsi, notre système immunitaire garde en mémoire les bactéries et virus particuliers qu’il a déjà rencontrés afin de rendre la seconde réaction beaucoup plus efficace et rapide. On estime qu’un adulte a en mémoire de 109 à 1011 protéines étrangères différentes.
David è un famoso neurologo ,ha avuto 2 volte il cancro nel giro di 15 anni ,sto leggendo il suo libro bellissimo ,mi fa ricordare il mio passato ,e mi trasmette emozioni condivise.


Ultima modifica di XENA il Lun 15 Feb 2010 - 0:43, modificato 2 volte

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da Ospite il Sab 21 Feb 2009 - 20:19

Brava Xena ...ora traduzione ..... Merci Wink

Nous sommes en Italie ih ih ih

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 21 Feb 2009 - 20:21

i'm speak only english Very Happy

mon'amour ...arrangè clown

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da thegame il Sab 21 Feb 2009 - 23:10

tradotto con google






Ci sono due tipi principali di risposta immunitaria: in
primo luogo, la non-risposta specifica, che è "innata" (chiamato così
perché è presente dalla nascita), che delibera senza tener conto del natura del
microrganismo che lotta; La seconda, la risposta specifica attraverso il
riconoscimento della attaccare agente e la conservazione di questo evento: è
"acquisito l'immunità








La mancata risposta immunitaria specifica

La prima linea di difesa


La pelle e le mucose sono i primi ostacoli naturali da attaccanti. La pelle è
il più grande organo del corpo e fornisce una protezione molto efficace contro
le infezioni. Essa fornisce un ambiente ostile per i microbi: la superficie è
leggermente acida e molto secca, ed è coperta di batteri "buoni".
Questo spiega perché eccessiva igiene non è necessariamente un bene per la
salute.


La bocca, occhi, orecchie, naso, del tratto urinario e
genitale offrono i mezzi di passaggio per i microbi. Questi percorsi sono anche
la loro protezione. Ad esempio, i
riflessi della tosse e starnuti espellono i microrganismi dalle vie
respiratorie.











L'infiammazione è una protezione


L'infiammazione è il primo ostacolo incontrato da microrganismi patogeni che
entrano nel nostro corpo il confezionamento. Come la pelle e le mucose, per
esempio della risposta immunitaria è senza conoscere la natura della lotta che
l'agente. Lo scopo è di infiammazione per inattivare gli aggressori e attuare
la riparazione dei tessuti (in caso di infortunio). Principali fasi di
infiammazione.

Vasodilatazione e aumentata permeabilità dei capillari nella zona interessata
hanno l'effetto di aumentare il flusso sanguigno (responsabile per
l'arrossamento) e consentire l'arrivo di giocatori di infiammazione.

La distruzione degli agenti patogeni da fagociti: un tipo di globuli bianchi
che possono contenere microrganismi patogeni o di altre cellule malate e
distruggerli. Ci sono diversi tipi: monociti, neutrofili, dei macrofagi e delle
cellule natural killer (NK cellule).








La specificità della risposta immunitaria


Ciò è dove i linfociti, un tipo di globuli bianchi che sono divisi in due
classi: i linfociti B e


linfociti T



Linfociti B
rappresentano circa il 10% dei linfociti circolanti nel sangue. Quando il
sistema immunitario incontra un agente straniero, le cellule B sono stimolati a
moltiplicarsi e cominciare a produrre anticorpi, è il punto di partenza per la
distruzione degli agenti patogeni.



Linfociti T
rappresentano oltre il 80% dei linfociti in circolazione. Ci sono due tipi di
cellule T: cellule T citotossici che, quando attivato, distruggere direttamente
le cellule infettate da virus e cellule tumorali, le cellule T e facilitatori,
che il controllo di altri aspetti della risposta immunitaria.

La risposta immunitaria specifica crea acquisito l'immunità, che si sviluppa
nel tempo come risultato di incontri che la nostra organizzazione è con
specifiche molecole estera. Così, il nostro sistema immunitario ricorda
specifici batteri e virus che ha già incontrato per fare il secondo di reazione
molto più efficiente e veloce. Si stima che un adulto in memoria da 109 a 1011 proteine diverse.

thegame
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 2036
Età : 57
Località : torino
Data d'iscrizione : 18.02.08

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da mara il Sab 21 Feb 2009 - 23:29

Grazie Ste! smile bacio

mara
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 5443
Età : 46
Località : san mauro
Data d'iscrizione : 18.05.08

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 26 Feb 2009 - 0:39


___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 26 Feb 2009 - 11:10


Azioni sul documento




i comportamenti positivi per rafforzare il sistema immunitario

Inviato il 29/01/2009 da David Servan-Schreiber Envoyer per mail
Parola-chiave: Sistema immunitario cancro




Ecco alcune delle pratiche di vita che forniscono le migliori possibilità di conservare un sistema immunitario coraggioso.


Le pratiche alimentari favorevoli all'immunità




- Il contributo adeguato in calorie ed in proteine.

- Cinque ad otto vetri d'acqua al giorno.

- Il consumo sufficiente di frutta e di verdure più fresche possibile, di grani interi, di leguminose e di buoni grassi.

Fatto interessante, i risultati di studi epidemiologici e clinici segnalano che il consumo regolare di (aglio, cipolla, porro, scalogno, erba cipollina) permette di ridurre le infezioni e l'incidenza di vari tipi di cancro.


L'attività fisica moderata



Si conoscono i vantaggi multipli per la salute che procura l'attività fisica svolta regolarmente: una migliore forma cardiovascolare, un buono mantenimento della massa muscolare, la normalizzazione della tensione arteriosa, il controllo del peso e la riduzione di molti fattori di rischio associati alle malattie croniche. Oltre a contribuire all'immunità favorendo una buona salute globale, può darsi che l'esercizio abbia anche un effetto diretto sull'immunità. Inizialmente, migliorando la circolazione sanguigna, si crede che le cellule e le altre sostanze del sistema immunitario possano circolare più facilmente nel corpo.


Il controllo dello sforzo



Senza dubbio, lo sforzo ha un effetto nocivo sulla salute. I ricercatori che si interessano al legame tra lo sforzo e l'immunità non si attardano allo sforzo specifici, a breve scadenza, ma piuttosto allo sforzo frequenti e costanti (ad esempio, conciliare le esigenze del lavoro alla vita di famiglia o prendere cura di un parente malato). Lo sforzo cronico comporta la liberazione di ormoni dello sforzo, come il cortisol. Esistono numerosi attrezzi di rilassamento che aiutano ad attraversare un episodio di vita più stressante. Fra questi, notiamo la meditazione, l'istruzione somatica e le discipline orientali (Qi Gong, tai-chi, yoga).

Dott. David Servan-Schreiber,
[/url]

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da minerva il Ven 17 Apr 2009 - 15:55

Infatti il mio ginecologo mi ha dato da prendere tutti i gg Phellinus linteus per la tiroidite autoimmune, pero' questo prodotto nasce come anticancro al seno e mi sembra anche al polmone. E' un fungo.
avatar
minerva
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 2498
Età : 55
Località : Emilia Romagna
Data d'iscrizione : 27.12.07

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 15 Mag 2009 - 23:56


___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 22 Mag 2009 - 9:12

dal blog di David

come un sentimento di amicizia ,radicato e profondo -anche a distanza di centinaia di km e decenni - possa aiutare nella guarigione e soprattutto nelle difficoltà delle cure oncologiche ,
il non sentirsi solo è FONDAMENTALE
molto interessante sotto il profilo scientifico ed umano


Le reti d'amico (e) s è così importante come l'amore dei parenti per lottare contro il cancro


da parte di David Servan-Schreiber Dernière modifica 21/05/2009 16:43



Inviare per mail Parole chiave:




Non è lo sforzo che può spingere un cancro a crescere più rapidamente, ma piuttosto la sensazione d'impotenza che sviluppiamo a volte di fronte allo sforzo. Quando si prolunga troppo a lungo, le anomalie del cortisol che lo accompagnano generalmente possono impedire al sistema immunitario di fare il suo lavoro ed aumentare l'infiammazione nel corpo. La migliore difesa contro la sensazione d'impotenza, sono di trovare del sostegno attorno a sé. È ciò che proporte la località www.guerir.fr.


Per alcune persone, siccome Mish di cui ho citato la lettera al capitolo 5 di Anticancer, è l'amore di un parente marito o donna, ragazza o figlio chi ci tiene la mano ad ogni tappa e ci permette di porre la nostra testa stancata sulla sua spalla che ci permette di attraversare le prove senza sentirle impotente. Ma studi recenti mostrano che la rete dei nostri amici o amiche può a volte svolgere un ruolo così importante nella cura o la sopravvivenza, bene oltre delle statistiche.

In un libro pubblicato nel 2009, Jeffrey Zaslow dice la storia di 11 amiche d'infanzia negli Stati Uniti che si sono diffuse in tutto il paese dopo l'istituto universitario. (1) la loro amicizia è sopravvissuta per quasi quaranta anni a tutte le cime e fondo della vita: i successi ed i fallimenti universitari, i matrimoni, i divorzi, e le difficoltà dei bambini. Nel settembre 2007, Kelly, una fra essa intende il suo medico dirgli che essa ad un cancro al seno e che avrà bisogno del sostegno della sua famiglia. Ma anziché girarsi verso la sua famiglia, sono il sue vecchie copines che Kelly previene per posta elettronica, così lontano siano. Ed è come se ricevesse “una doccia d'amore istantanea„, per posta elettronica, per telefono, con la posta sotto forma di carte e di pacco. Quando la sua chemioterapia gli dà aphtes penosi, una delle ragazze gli invia un apparecchio per fare milk-shakes che rammolliscono le mucose. Un'altra, che ha perso la sua figlia di una leucemia, gli lavora a maglia un berretto di lana perché non abbia freddo quando perderà i suoi peli, ed un terzo dei pyjamas in un tessuto speciale per aiutarlo durante i sudori notturni… E Kelly dice anche che gli è spesso più facili parlare a sue copines che ai suoi medici di ciò che vive. “Ci conosciamo così da a lungo di quanto con queste donne si può parlare importa che„ detto essa gaiement. (2)

La ricerca conferma il ruolo principale che può svolgere una rete di amiche o di amici. Nel grande studio sugli infermieri americani (“Nurses Health study„), le donne con un cancro al seno che potevano citare dieci amici (o amiche) avevano quattro volte tanto possibilità che le altre di essere sopravvissuto alla malattia che le altre. E la prossimità delle loro amiche non vi era per nulla. È il semplice fatto di essere in legame che sembra essere protettivo. (3) e per gli uomini anche, l'amicizia svolge un ruolo principale. Quindi importante nella protezione contro le malattie cardiache, in uno studio svedese di 736 uomini, che il fatto di essere sposato. (4) solo il fatto di fumare, in questo studio, influivano tanto sulla salute che il fatto di sentirsi solo.

È avendo questi studi allo spirito che abbiamo voluto creare www.guerir.fr a seguito della pubblicazione di Anticancer. Il mio obiettivo: che nessuno non debba più sentirsi solo. Che tutti possano avere accesso ad una Comunità “di amici„. Indipendentemente dalla sua situazione personale.

Partecipando ai vostri scambi e leggendo i vostri messaggi, ho la sensazione che possiamo attuare con successo. Grazie a tutti coloro che contribuiscono a quest'avventura!



BIBLIOGRAFIA

1. Zaslow, J., The Girls from ames: A Story of Women and Friendship. 2009, New York, NY: Penguin Group.

2. Parker-Pope T., What Are Friends foro? A bordare LIFE, in The New York Times. 2009: New York, USA.

3. Kroenke, C.H., ed al., social networks, social support, and survival after breast cancer diagnosis. Giornale lontano Clinical Oncology, 2006. 24 (7): p. 1105-11.

4. Orth-Gomer, K., A. Rosengren, and L. Wilhelmsen, Lack of social support and incidence of coronary heart disease in middle-aged Swedish men. Psychosomatic Medicine, 1993. 55 (1): p. 37-43.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da grazia il Ven 22 Mag 2009 - 13:28

si dice che l'amore compia miracoli...questo articolo lo conferma. ANche io ero convinta di poter aiutare mia mamma con il mio amore, così non è stato... Tuttavia, si può senza ombra di dubbio affermare che pur senza operare miracoli, l'amore aiuta a star meglio, fa vivere in un clima di serenità e soprattutto non fa sentire la solitudine . Affrontare una malattia in solitudine è una cosa crudele...questo non dovrebbe mai accadere per messun essere umano... arcobaleno
avatar
grazia
Utente Senior
Utente Senior

Numero di messaggi : 2515
Data d'iscrizione : 28.03.08

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 29 Mag 2009 - 18:30

d blog:

Dalla sua messa davanti nella prima edizione di Anticancer, molte informazioni hanno circolato su Internet che denigrano lo sciroppo di agave. Il punto sui vantaggi e l'inconveniente di questo prodotto. Queste critiche dello sciroppo di agave citano il fatto che si tratta soprattutto di fruttosio e che a causa di ciò, contribuirebbe a fare ampliare più dello zucchero, ed anche a fare montare i tenori di trigliceridi (degli acidi grassi presenti nel sangue e fabbricati dal fegato in presenza di zucchero). Altri dicono che il fruttosio contribuirebbe più alla resistenza all'insulina (una delle caratteristiche famosi “della sindrome metabolica„ associata al peso eccessivo e l'ipertensione arteriosa) dello zucchero abituale. Infine, si trovano a volte menzioni “di un processo chimico„ con il quale lo sciroppo di agave sarebbe estratto della pianta e che non avrebbe nulla di natura. E ciò è stato effettivamente mostrato per sciroppi adulterati prodotti in condizioni incerte. In realtà, lo sciroppo di agave di buona qualità (e, meglio ancora, “bio„), è estratto in modo molto a fatto naturale, senza prodotti chimici, della stessa pianta di quella che è utilizzata per fare tequila. È completamente vero che è costituito quasi al 90% di fruttosio. È del resto la ragione principale per la quale non fa montare il tasso di glucosio nel sangue (“indici glycémique„ bassi) come lo fanno di altri tipi di zuccheri o di farine bianche raffinate. È perfettamente vero anche che il fruttosio fa ampliare, ma non più dello zucchero abituale (“il sucrose„ che è un miscuglio di glucosio e di fruttosio). Verità anche per i trigliceridi: tutti gli zuccheri métabolisés dal fegato in trigliceridi quando sono in eccesso nei contributi alimentari rispetto alle spese energetiche. È vero del fruttosio e del glucosio. Non ci sono studi alla mia conoscenza che suggeriscono che il fruttosio contribuisca più dello zucchero bianco alla resistenza all'insulina. (Se esistono e che non li ho identificati, sarei felici se me li segnaliate). La forma che assume una piccola parte del fruttosio nello sciroppo di agave è particolarmente interessante. Trattandosi dell'inulina (molte molecole di fruttosio legate insieme), agisce come “una fibra„ piuttosto che come uno zucchero, e contribuisce a costituire la flora intestinale favorevole (i famosi “probiotiques„), come pure all'assorbimento del magnesio e del calcio. Infine, lo sciroppo di agave ha un potere che zucchera superiore allo zucchero. Occorrono generalmente 2/3 di un cucchiaio di sciroppo di agave per sostituire un cucchiaio di zucchero bianco. Ciò che permette normalmente di consumarne meno. Ma ATTENZIONE: lo sciroppo di agave resta uno zucchero… Il suo profilo nutrizionale favorevole non deve indurrli ad utilizzare quantità importanti. Come tutti gli zuccheri, se è consumato in eccesso, (più di un cucchiaio a minestra al giorno), vi farà inevitabilmente ampliare e rischia effettivamente di indurre una hypertriglycéridemie. Come per il cioccolato nero (che fa ampliare s' è consumato in eccesso), occorre approfittarne in moderazione…

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 30 Ott 2009 - 23:23


___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 30 Ott 2009 - 23:34

stò 3d non se lo ca.a nessuno
eppure è moltoooo interessante ,il prof. insiste sul rafforzamento del sistema immunitario e da consigli anche pratici ...... Very Happy

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da GRINGO il Sab 31 Ott 2009 - 0:28

è sbagliato il titolo...

GRINGO
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 3130
Età : 45
Località : ROMA
Data d'iscrizione : 13.01.08

http://leonisinasce.forumattivo.com/forum.htm

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 31 Ott 2009 - 0:37

GRINGO ha scritto:è sbagliato il titolo...


forse hai ragione, io pensavo a David Servan...

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da GRINGO il Sab 31 Ott 2009 - 0:38

cambialo, prova..

GRINGO
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 3130
Età : 45
Località : ROMA
Data d'iscrizione : 13.01.08

http://leonisinasce.forumattivo.com/forum.htm

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 31 Ott 2009 - 10:35

GRINGO ha scritto:cambialo, prova..

no no grazie del suggerimento ,preferisco così titolo al grande autore .

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da GRINGO il Sab 31 Ott 2009 - 15:09

XENA ha scritto:
GRINGO ha scritto:cambialo, prova..

no no grazie del suggerimento ,preferisco così titolo al grande autore .

poi non dire che non te l'avevo detto è???????

GRINGO
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 3130
Età : 45
Località : ROMA
Data d'iscrizione : 13.01.08

http://leonisinasce.forumattivo.com/forum.htm

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 31 Ott 2009 - 15:43

sai ci ho ragionato non è logico anteporre l'argomento all'autore malato di cancro operato per ben 2 volte e ora guarito,logicamente il punto focale è la SUA guarigione, poi secondariamente in questo caso è, il sistema immunitario .
mi hai dato una dritta cmq per aprire un 3d specifico.

grazie che ti sei preoccupato,ma io sempre faccio di testa mia
Very Happy

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da GRINGO il Sab 31 Ott 2009 - 15:55

si vede si vede...

il tuo ragionamento è logico se rimane nella tua sfera ( intesa come capoccia ) se vuoi rendere accattivante un articolo/notizia, non puoi sparare il nome di un tale che pochi hanno sentito...non attira...

se invece dai risalto alla notizia poi molti conosceranno anche il protagonista....

ti do volentieri una mano, cosi confermo che le tue paure alla mia presenza come danno al forum, sono solo tue...

ma tu fai sempre tutto con la tua testa...

GRINGO
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 3130
Età : 45
Località : ROMA
Data d'iscrizione : 13.01.08

http://leonisinasce.forumattivo.com/forum.htm

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 31 Ott 2009 - 16:13

grazie ma non condivido la tua tesi,chi legge d'informazione relativa all'integrazione non può non conoscere l'autore ,
quindi la capoccia mia è a posto in quel senso....Very Happy

per quanto riguarda il forum so bene come gestirlo al di fuori e soprattutto al di dentro,esperienza docet
Very Happy

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 3 Dic 2009 - 23:13

Influenza A - I raccomandare il vaccino, se la vostra salute è indebolita
di David Servan-Schreiber Ultima modifica 03/12/2009 18:06
Inviare per posta

Dovrebbero essere vaccinati contro l'influenza? Sì, se avete il cancro o sono in fase di elaborazione. Oppure, se avete qualche altro pregiudizio per la salute che renderebbe le gravi conseguenze di influenza, che di solito non è grave.

Mi si chiede quasi ogni giorno se essere vaccinati contro l'influenza A.

La mia risposta è semplice: i rischi del vaccino stesso esiste, ma le complicanze gravi sono rare. Influenza A, è più spesso benigne, ma non tra le persone che sono indeboliti da altre malattie. Tra di essi, può causare gravi complicazioni. Il mio parere è iscritto che molti oncologi: se si ha il cancro, sono in fase di elaborazione, o se fare solo un trattamento che fortemente indebolito, penso che sia importante ottenere vaccinati. E 'anche il parere di tre esperti della Lega contro il cancro dipartimentale nella regione di Tolosa, lo so: il professor Roland Bugat, oncologo, il professor Paul Léophonte, pneumologo, e il professor Jean-Louis Montastruc, farmacologo .



Essi hanno rilevato nella loro dichiarazione che le persone con il cancro è "un gruppo di pazienti fragili che l'influenza può minacciare la loro vita, o perché l'influenza colpisce le funzioni di un organo il cui tumore ha alterato la fisiologia (ad esempio, insufficienza respiratoria acuta in un paziente con cancro del polmone), o perché l'infiammazione indotta da influenza può contribuire a modificare una più generale condizione di precarietà e anche dare un impulso allo sviluppo del cancro. Non correre il rischio di un'ondata di avant-garde estesa che offre la possibilità di attuare una prevenzione collettiva e individuale, sarebbe un errore, soprattutto tra i più vulnerabili "



Allo stesso modo, penso che dovremmo vaccinare i bambini indebolito da una malattia cronica come l'asma o fibrosi cistica, o persone con sclerosi multipla, insufficienza cardiaca, ecc.


Per gli altri, la questione rimane aperta. Il primo passo è quello di rafforzare il campo con l'alimentazione, attività fisica, gestione dello stress, e, in particolare, dosi adeguate di vitamina D3 (2 000 o 3 000 UI al giorno per le persone che don ' non hanno accesso alla luce del sole più volte alla settimana) che può essere preso come un integratore dietetico senza prescrizione medica. (vedi mio precedente post: Protect infezioni virali). Attenzione le persone con malattie renali o di calcoli renali dovrebbero consultare il proprio medico prima di prendere queste dosi di vitamina D3.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 10 Dic 2009 - 23:17

Pistacchi Mangiare ridurrebbe alcune forme di cancro
Inviato il 09/12/2009 da Isabelle Arobaz Invia via mail


Pistacchi Mangiare ridurrebbe alcune forme di cancro

Versare nella sua dieta una dose giornaliera di pistacchi può prevenire l'insorgenza di tumori tra cui il cancro ai polmoni, secondo i dati presentati al congresso dell'American Association for Cancer Research (AACR), per la prevenzione del cancro a Houston questa settimana.





Pistacchi contengono gamma-tocoferolo, una delle diverse forme di vitamina E, ben noto per il suo ruolo e la sua azione antiossidante protettiva contro alcuni tipi di cancro. Con l'uso regolare, di conseguenza, aumentare l'assorbimento di gamma-tocoferolo, che ridurrebbe il rischio di cancro ai polmoni e sarebbe anche utile contro il cancro alla prostata.

I ricercatori hanno raggiunto questa conclusione confrontando il tasso di tocoferolo tra un gruppo di controllo e di un gruppo che ha ricevuto una iniezione di pistacchi di 68 g al giorno, o circa 117 pistacchi. Dopo poche settimane, tra coloro che ingerendo pistacchi tariffa giornaliera di gamma-tocoferolo è stata significativamente maggiore rispetto per gli altri.

Frutta a guscio come noccioline o noci pecan, olio di soia e mais, sono anche fonti molto buono di gamma-tocoferolo.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 10 Dic 2009 - 23:21

Chi è David Servan Schreiber .... che sbadato!

David Servan-Schreiber (Neuilly-sur-Seine, 21 aprile 1961) è uno psichiatra e ricercatore scientifico francese, che ha lavorato a lungo negli Stati Uniti. È condirettore del laboratorio clinico di Neuroscienze Cognitive presso l'Università di Pittsburgh, dove esercita anche come psichiatra.



Biografia

Figlio del noto giornalista (fondatore de L'Express), scrittore e uomo politico Jean-Jacques Servan-Schreiber (autore del libro La sfida americana e segretario, per breve tempo, del Partito repubblicano, radicale e radical-socialista), ha studiato medicina all'ospedale Necker di Parigi, dove nel 1980 ha aperto un laboratorio di microinformatica con i primi computer Apple II. Quindi, ha proseguito la sua formazione medica in Quebec, dapprima alla Laval University e poi alla McGill University, dove si è specializzato in psichiatria. Nel 1991 ha conseguito un Ph.D. in intelligenza artificiale presso la Carnegie Mellon University, dove ha utilizzato le reti neurali per studiare i meccanismi neuronali alla base di patologie psichiatriche come la depressione e la schizofrenia.
Studi, attività e sperimentazioni [modifica]

Il suo principale argomento di ricerca è attualmente stabilire un legame fra le neuroscienze e la psicanalisi. Dal 1991 è, inoltre, membro del comitato direttivo statunitense dell'organizzazione "Medici Senza Frontiere", e una volta all'anno interrompe le sue ricerche per passare qualche settimana in un paese del terzo mondo dove l'organizzazione ritiene che la situazione sanitaria sia particolarmente critica. A Pittsburgh si sono svolte la maggioranza dei suoi studi sulle medicine alternative applicate alle patologie psichiche, in sostituzione o affiancate alla psicoanalisi e agli psicofarmaci.
I sette metodi terapeutici di Guarire [modifica]

Questi studi clinici hanno portato alla pubblicazione del libro best-seller Guarire in cui vengono delineati sette metodi di cura: la ricerca della "coerenza cardiaca" (controllo della variabilità del battito cardiaco, una tecnica ispirata da alcune forme di meditazione e autoipnosi), la rimozione dei traumi psichici con i movimenti oculari (EMDR), l'energia della luce, l'agopuntura, l'assunzione degli acidi grassi Omega-3, l'attività sportiva, la comunicazione emotiva non violenta (legata anche alla solidarietà sociale) per la cura di depressione, stress, ansia, sindrome maniaco-depressiva e disturbi da shock post-traumatici.

La tecnica di cura dello psichiatra francese (che egli definisce "medicina integrale") risente dell'influsso delle medicine tradizionali cinesi e tibetane, nonché degli studi occidentali sulle medicine alternative, si basa sulla limitazione dei farmaci per porre, in modo umanistico, la persona nel suo intero (senza separare il fisico dallo psicologico) al centro, e, tramite le interazioni corpo-cervello già descritte da Freud sul finire della propria vita, riequilibrare la psiche, con possibilità di curare anche gravi patologie.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 10 Dic 2009 - 23:31

08 ott. - INTERVISTA di Giovanni Zambito.

Ieri pomeriggio, presso la Sala dell'Associazione della Stampa Estera di Roma, il dottor David Servan-Schreiber ha presentato il suo libro "Anticancro" (Sperling & Kupfer, pp. 305, € 19,00), che gode del patrocinio della Lega Italiana per la lotta contro i tumori.

Quando scoprì di avere un cancro al cervello David Servan-Schreiber (già famoso per un altro best-seller, "Guarire") era un ricercatore trentunenne con un brillante futuro nelle neuroscienze. Mise in campo allora tutte le sue competenze di scienziato per informarsi sulla sua malattia.
Dopo quindici anni, in cui ha lottato e sconfitto il cancro, ha deciso di scrivere in un libro la sua esperienza e le conoscenze che ha accumulato parlando con oncologi e ricercatori di tutto il mondo. In parte racconto personale, in parte rivoluzionario piano di prevenzione, Anticancro è un appassionante viaggio verso una vita più sana che offre una nuova visione della biologia del cancro e lancia un messaggio forte: per lottare contro questa malattia occorre fare appello anche alle nostre difese naturali.
Servan-Schreiber propone un nuovo punto di vista sui meccanismi del cancro e un approccio integrato, che comprende premunirsi contro gli squilibri ambientali; rivedere la propria alimentazione per evitare le sostanze che favoriscono i tumori, includendo invece quelle in grado di combatterli; comprendere e superare le ferite della psiche che alimentano i meccanismi biologici delle neoplasie; migliorare il rapporto con il proprio corpo per stimolare il sistema immunitario e calmare le infiammazioni che favoriscono i tumori. ClandestinoWeb l'ha intervistato. "Quando ho scoperto di avere il cancro - confessa - come medico sapevo di non avere molta tutela contro la malattia, ma ero consapevole della possibilità di prevenirne lo sviluppo. Stiamo vivendo in un periodo di epidemia di cancro".
Come mai?
"Dagli anni Quaranta in poi si è assistito a un esponenziale aumento di consumi di prodotti quali zucchero e alimenti con omega 6, si è molto esposti a sostanze chimiche, c'è un alto livello di sedentarietà ed è cambiata la rete delle interazioni sociali".
Certe scelte alimentari dannose ci sono imposte però dalla pubblicità e dal mercato...
"E' vero. I governi mettono regole rigide su come guidare ma dovrebbero metterle sugli alimenti che uccidono anche se in un lungo arco di tempo".
Che cosa ha appreso dal suo doloroso percorso?
"La medicina convenzionale mi ha salvato la vita: sono stato operato due volte e mi sono sottoposto alla chemioterapia. La medicina compie un attacco frontale al tumore ma non insegna come modificare il terreno, la base, a non sminuire le difese naturali e al contrario a rafforzarle".
Come fare?
"Ci sono dei piccoli accorgimenti: non fumare, non bere più di due bicchieri d'alcol al giorno, esercizio fisico per 30 minuti al giorno, frequenti pasti a base di frutta".
Basta davvero così poco?
"E' importante iniziare con piccole cose da aggiungere alle nostre abitudini magari bevendo tè verde, mangiando broccoli, aglio e cipolla, olio d'oliva, cioccolata amara. Bisogna prendere sempre più coscienza del proprio desiderio di cambiare per il meglio. Gradualmente sarà più facile e naturale introdurre altri elementi, come andare a piedi al lavoro e apportare ulteriori cambiamenti".
Consiglia dunque di seguire il suo esempio?
"I miei consigli non sono un rimedio definitivo contro il cancro, non ho soluzioni in tasca. I rimedi possono prevenire gran parte dei casi e rallentare la crescita di malattie nel caso in cui ne soffriamo. Seguendo uno stile di vita diverso sono certo che non ci pentiremmo mai: l'unica cosa che può accadere è stare meglio. Personalmente sono più in salute adesso che non prima di avere il tumore".
Quale reazione si ha quando si viene a sapere di avere un cancro?
"Conoscere la diagnosi può costituire un trauma psicologico che come conseguenza porta ad avere insonnia, iperattività o un'estrema irritabilità. A volte il trauma viene causato dal trattamento cui si è sottoposti. Personalmente con i miei pazienti adotto il metodo EMDR basato sul movimento degli occhi, affatto invasivo. Poi c'è l'approccio tramite la meditazione e lo yoga: io lo pratico ogni mattina".
Un suo collega, anch'egli malato, di notte aveva l'incubo di un vampiro che voleva morderlo. Lei ha mai dato un volto alla sua paura?
"E' la prima volta che mi fanno questa domanda: devo ammettere che anch'io facevo lo stesso brutto sogno forse perché è un'immagine ricorrente quella del vampiro associato alla morte".
Come dottore e malato di cancro, secondo la sua esperienza, quale sbaglio compie maggiormente la scienza?
"Un medico deve stare attento a non dare false speranze alla gente e ci sono tante prove scientifiche sul fatto che i pazienti possono aiutare se stessi dall'interno, sia per prevenire il cancro che per gestire meglio la malattia. Quando non diamo queste informazioni è lì che sbagliamo: diamo loro un falso senso di impotenza come se non potessero fare niente. Spero che il mio libro possa trasmettere invece questo senso di potere e di forza che ognuno ha su se stesso". Giovanni Zambito.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da klodia il Ven 11 Dic 2009 - 15:45


Questo é un libro che tutti dovrebbero leggere.

klodia
forista esperto
forista esperto

Femmina
Numero di messaggi : 631
Età : 47
Località : ovunque
Data d'iscrizione : 14.01.08

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da klodia il Ven 11 Dic 2009 - 15:54

A proposito dell' EMDR

Fonte http://www.emdr-france.org/article.php3?id_article=70[/size[/url" target="_blank" rel="nofollow">]



La traduzione é stata fatta con Google quindi é approssimativa
Il principio di EMDR

Quando esperienze inquietanti accadere, sono memorizzati nel cervello, con tutte le immagini, i suoni, i pensieri ei sentimenti che accompagnano il momento della manifestazione. Quando una persona è stata traumatizzata, il cervello sembra incapace di trattare l'esperienza come dovrebbe fare normalmente. Pertanto, i pensieri ei sentimenti negativi dell'evento traumatico sono "intrappolati" nel sistema nervoso. Dato che il cervello non è in grado di elaborare queste emozioni, esperienze e / o le sensazioni che accompagnano sono spesso repressi dalla coscienza. Tuttavia, la sofferenza continua a verificarsi nel sistema nervoso che provoca disturbi nel funzionamento della persona emotiva.
La tecnica EMDR fa due cose molto importanti. In primo luogo, "sblocca" i ricordi e le emozioni negative memorizzati nel sistema nervoso, quindi aiuta il cervello a ri-considerare l'esperienza (ai sensi di elaborazione delle informazioni del computer) per renderlo " digerito.
Il professionista lavora delicatamente con il paziente, lo guida a guadagnare progressivamente ulteriori visite per l'episodio traumatico. Quando la memoria viene evocata, rifare l'esperienza pazienti sensazioni e le emozioni di un modo nuovo. EMDR può acquisire la comprensione di sé e la prospettiva che permetterà al paziente di scegliere le sue azioni, piuttosto che sentirsi impotenti le loro reazioni. Questo processo può essere complesso, se ci sono molte esperienze collegate alle emozioni negative. Le sedute di terapia EMDR continuerà fino alla ricordi e le emozioni sono scomparsi traumatico.
[url=http://www.emdr-france.org/article.php3?id_article=70#]

EMDR può curare le fobie? Agorafobia? Attacchi di panico?

C'è molto di informazioni aneddotiche suggeriscono che l'EMDR è efficace nel trattamento delle fobie. Purtroppo, gli studi che hanno seguito il trattamento EMDR delle fobie, attacchi di panico e agorafobia non sono conclusivi. Anche se questi risultati sono dovuti in parte alle limitazioni metodologiche in vari studi, è anche possibile che l'EMDR può non essere altrettanto efficace con queste malattie. De Jongh, Ten Broeke, e Renssen (1999) suggeriscono che l'EMDR è un trattamento particolarmente efficace per i ricordi traumatici e le malattie ad essi connessi. Può essere che l'EMDR è più efficace nel trattamento di stress-related disorders in seguito ad una esperienza traumatica (ad esempio, la fobia dei cani, dopo un morso di cane), e meno efficace per coloro il cui punto di partenza è sconosciuta ( ad esempio, la fobia dei serpenti sin dalla nascita).
L'utilità clinica è una considerazione importante nella scelta del trattamento. L'uso di esposizione in vivo può essere impossibile per gli operatori che hanno accesso facile l'oggetto temuto nei loro uffici (ad esempio, ragni) o, nel caso di fobie limitata a specifici eventi (ad esempio , temporali) o luoghi (ad esempio, ponti). La terapia EMDR può essere trattato, allora più conveniente che l'esposizione in vivo, e l'aspetto in vivo spesso può essere aggiunto come lavoro supplementare (De Jongh et al., 1999).
Tre studi hanno indagato il trattamento di EMDR con o senza agorafobia. I primi due sono stati gli studi preliminari (Feske e Goldstein, 1997 Goldstein & Feske, 1994) e ha fornito un corso breve (sei sedute) per attacchi di panico. I risultati sono stati promettenti, ma limitato dalla breve durata del trattamento. Feske Goldstein e scrivere: "anche 10-16 sedute di trattamento più potenti hanno raramente portato ad una normalizzazione dei sintomi di panico, soprattutto quando sono complicati da agorafobia" (p. 1034). Gli effetti di EMDR sono state generalmente mantenute dopo diverse settimane di follow-up senza ulteriore trattamento. Un terzo studio (Goldstein et al, 2000) è stato intrapreso per valutare i benefici di un trattamento più lungo. Questo studio si è concentrato su una diversa popolazione bersaglio e agorafobico pazienti trattati. Partecipanti che soffrono di attacchi di panico e agorafobia non hanno reagito bene a EMDR. Goldstein (cit. in Shapiro, 2001) suggerisce che questi partecipanti bisogno di una fase di preparazione più importante è stato fornito allo studio, per sviluppare una tolleranza allo stress. Gli autori suggeriscono che l'EMDR non può essere efficace come la terapia cognitivo-comportamentale nel trattamento di attacchi di panico con o senza agorafobia, ma non esistono studi che hanno confrontato direttamente i due trattamenti è stata intrapresa per il momento.

EMDR tende C'è qualche problema psicologico? Schizofrenia? Demenza?

La terapia EMDR è indicato principalmente per la risoluzione dei sintomi legati ad uno o più eventi traumatici. Alcune fobie o perdita di autostima sono legati a uno o più eventi traumatici. I sintomi possono poi rispondono molto bene al EMDR. Ad esempio, Brown, McGoldrick e Buchanan (1997) hanno osservato remissioni successo in cinque dei sette casi consecutivi di persone che hanno un'immagine molto particolare del loro corpo (per quanto riguarda se stessi come obesi, il naso troppo grande ...) da uno a tre sedute EMDR per il trattamento dei ricordi traumatici legati al problema. Allo stesso modo ci sono state segnalazioni di eliminazione del dolore fantasma dopo che i membri del trattamento EMDR eziologico della memoria e delle sensazioni di dolore (Vanderlaan, 2000, Wilensky 2000, Wilson SA, Tinker, Becker, Hofmann, & Cole, 2000) .
EMDR non trattare la schizofrenia o la demenza. Dal cons, in un paziente stabilizzato su un adeguato trattamento psichiatrico, EMDR può talvolta aiutare come coadiuvante per alleviare alcuni sintomi che sono associati con il trauma emotivo, o di ridurre la frequenza delle recidive legate allo stress.
Ci sono anche diversi studi suggeriscono che l'EMDR può essere utile con disturbi dissociativi (ad esempio, Belle & Berkowitz, 2001; Lazrove & Fine, 1996; Paulsen, 1995), le prestazioni di ansia (Foster e Lendl, 1996; Maxfield & Melnyk, 2000), eccessivo dolore fisico (Grant et Threlfo, 2002) e disturbi di personalità (ad esempio, Korn e Leeds, 2002; Manfield, 1998). Questi risultati sono preliminari e sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter trarre delle conclusioni.

Come faccio a sapere se il lavoro EMDR per me, per il mio problema?

Ci sono molti fattori per vedere se l'EMDR può essere utile in una situazione particolare e la storia di un paziente. Durante il consulto iniziale con un EMDR praticante, tutti i fattori pertinenti dovrebbe essere discussa a fondo in modo da poter decidere insieme se utilizzare l'EMDR.
In generale, però, lei è un buon candidato per la tecnica EMDR se si ... forti paure e inspiegabile, abusi sessuali, è stato vittima o testimone di un crimine o di un grave incidente, sopravvissuto a un disastro naturale, ha subito un evento traumatico, difficoltà confidando altri, paura di restare solo (e), spesso si sentono in colpa, scoppi d'ira, irrazionale cattiva immagine di se stessi ...

EMDR può essere utilizzato con i bambini? E gli adolescenti?

Naturalmente, l'EMDR può essere utilizzato con il bambino, e questo fin da un'età molto giovane (due o tre anni). Si adatta quindi alle sue esigenze e al livello di funzionamento. La collaborazione dei genitori è essenziale. E 'la stessa cosa per gli adolescenti. Da adulti, il numero di sedute può variare da poche unità a una dozzina o più a seconda della difficoltà presentata.

Che cosa succede durante una seduta di EMDR?

Allo stesso modo, come l'EMDR aiuta il cervello nel suo trattamento naturale delle informazioni emozionale, il praticante EMDR aiuta il paziente nel processo di guarigione, diventando il suo partner per un viaggio progettato per eliminare i traumi passati, bloccato nel suo sistema nervoso.
All'inizio di una sessione ordinaria di EMDR, il medico aiuta il paziente a individuare il problema o evento che sarà l'obiettivo del trattamento. Mentre i pensieri ei sentimenti vengono a galla, il medico e paziente lavoro insieme per stimolare i movimenti degli occhi che accompagnano brevemente ricordato l'esperienza. Mentre i movimenti degli occhi sono stimolati, le emozioni vengono rilasciati.
La serie successiva di abbastanza breve e movimenti oculari (30 secondi a parecchi minuti), proseguire fino le emozioni vengono neutralizzati e che l'evento passato si associa con i pensieri del paziente e sentimenti positivi su se stesso, come "Ora mi rendo conto che questa non è stata colpa mia".

Quante sedute sono necessarie prima di iniziare l'EMDR?

Essa dipende dalla complessità della storia del paziente, la sua capacità di "auto-calmare" e utilizzare diverse tecniche di self-control per ridurre il potenziale interruzione che possono verificarsi durante il trattamento. Il praticante deve insegnare queste tecniche per il paziente durante la fase di preparazione. Il tempo necessario per questa fase sarà differente per ogni cliente. Nella maggior parte dei casi, il trattamento attivo dovrebbe iniziare da uno a tre sedute.

Qual è la durata delle sedute di EMDR?

Qual è la durata delle sedute di EMDR? La durata media delle sedute varia da 60 a 120 minuti (90 min sembra più desiderabile).

Qual è la durata del trattamento e del numero di sessioni?

La durata del trattamento e del numero di sedute dipende in gran parte del disturbo o malattia che colpisce il paziente. Generalmente, il professionista in realtà non iniziare la terapia, dopo diversi incontri dedicati a:
La valutazione dei disturbi clinici, le indicazioni, le indicazioni e gli svantaggi di tale terapia.
anamnesi, vale a dire, facendo la storia della vita nel modo più completo possibile.
preparazione del paziente spiegazione della terapia e l'applicazione obbligatoria di alcune tecniche di rilassamento. Diverse sessioni sono spesso necessarie stabilizzazione nei casi di gravi traumi psicologici o complessi. In generale, puramente indicativa, il numero di sedute può variare da poche unità per semplici traumi psicologici (ad esempio, incidente o d'assalto, come adulti ...), alcune decine di sessioni per le esperienze traumatiche vecchio ripetute, alterando l'identità stessa del paziente (ad esempio, ripetuti abusi sessuali durante l'infanzia ...) La frequenza degli incontri varia da uno a tre sedute a settimana in una riunione ogni due settimane. Sottolineare che questi dati sono puramente indicativi, non assoluto, in particolare legate alla natura specifica di ogni singolo caso. Questo dimostra l'importanza delle prime interviste, sia tecniche che umane, si gira, quando l'alleanza terapeutica ... Il professionista può quindi proporre risposte adeguate alle inevitabili domande del paziente.
Quali sono le tariffe per i medici l'EMDR?
Come con terapie più, onorari professionisti EMDR 'sono gratuiti. Essi sono generalmente in linea con recenti raccomandazioni del Consiglio nazionale dell'Associazione medici per tutti i professionisti nel canone libero. Infatti, il Consiglio ricorda che le tasse sono fissati liberamente, ma con tatto e misura ", tenendo conto della durata, la natura, l'importanza dell'atto, ma anche le opportunità economiche del paziente. Anche se la creazione di una gamma specifica è difficile stabilire che essi possono dipendere da diversi fattori, per esempio. 1) La durata delle sessioni: di solito per quanto riguarda le terapie per gli adulti è 60 minuti a 1 ora e 30 minuti o 2 ore o più, in alcuni casi. Può anche essere meno di 60 minuti per quanto riguarda l'analisi dei bambini e giovani adolescenti. 2) Lo status di terapeuti professionisti: psicologi clinici, psicoterapeuti, psichiatri a contratto (Settore I) o contratta in tasse libero (II settore). Medici foglie generalmente, importa, soprattutto se il disturbo da trattare sono elencati in ordine come psicopatologici (ad esempio, disturbi depressivi, attacchi di panico ...), per un rimborso parziale dai fondi di assicurazione; In caso contrario, in tutto o in parte di essere eventualmente supportato da uno all'altro. 3) L'esperienza, anzianità di servizio e la professionalità degli operatori. 4) Il luogo di esercizio può anche avere una influenza: per esempio, il costo della vita (in particolare gli affitti), elevato a Parigi e nelle province.
I pazienti devono essere assolutamente impedito di prendere un appuntamento.

Quali sono i possibili effetti negativi?

Come con qualsiasi forma di psicoterapia, non ci può essere un aumento temporaneo in difficoltà. Ricordi dolorosi irrisolti possono emergere. Alcuni pazienti possono avere reazioni durante una sessione di trattamento che né loro, né il medico avrebbe potuto prevedere un tale livello di emozioni o sensazioni fisiche. Dopo la fine della riunione, il ri-trattamento delle informazioni emotive legate alla incidente o di materiale che è stato menzionato, possono continuare ad essere da lui stesso. Sogni, altri ricordi, altre emozioni inusuali può verificarsi. Di solito è un segno che un in-lavoro approfondito è stato fatto.

È possibile rivivere il trauma così intensamente come prima?

Maggior parte dei pazienti sono consapevoli che l'ombra della esperienza traumatica originaria, mentre altri si sentono un grado maggiore. A differenza di molte altre terapie, i pazienti trattati con l'EMDR non sono invitati a rivivere il trauma intensive o prolungati periodi. Con EMDR, quando vi è un alto livello di intensità, dura solo per pochi istanti e poi decresce rapidamente. Se non diminuisce rapidamente se stesso, il medico è stato addestrato per aiutare a terra. Il paziente è stato inoltre costituito, prima dell'inizio della terapia con EMDR, le tecniche per alleviare il disagio immediato che si sarebbe rivelato troppo intenso.

L'individuazione e la messa in parole del paziente trauma sono un prerequisito e / o un corollario necessario per l'efficacia di EMDR?

In EMDR, la cosa più importante è avere accesso a sensazioni fisiche che accompagnano disturbi emotivi, se l'ansia o la depressione. È preferibile ma non indispensabile, da un ricordo perfettamente identificati. E 'possibile iniziare il trattamento da una situazione difficile, nel presente, e il ritrattamento di queste informazioni senza avere accesso a una memoria "originale".

In mancanza di consapevolezza da parte del paziente del suo "trauma originario", come funziona questa tecnica, e scopre che è l'efficacia?

L'EMDR è scontato che tutti i ricordi nel cervello sono collegati gli uni agli altri. Una memoria traumatica si manifesta nel presente (da pensieri negativi su se stessi, le emozioni inadeguate, sgradevoli sensazioni fisiche) è collegato a ricordi e le esperienze del passato. Dal cons, queste connessioni non sono necessariamente cosciente o verbale. È quindi possibile accedere, durante il trattamento, con i ricordi del passato che sono principalmente rappresentati da sensazioni fisiche del corpo, non una "storia" che potrebbe essere raccontata con le parole.

Che cosa è la separazione?

Sulla psicopatologia, la dissociazione può essere definita come una violazione delle unità psichica. E 'la prima volta descritta da Pierre Janet nel 1889. Il DSM4 propone una definizione precisa clinica. Dissociazione è un disturbo che colpisce tutte le funzioni normalmente incorporati come coscienza, memoria, identità, capacità percettive e motorie. Disturbi dissociativi può essere secondaria o graduale, transitoria o cronica. Distinguiamo dissociazioni: • Primarie, come quelle che separano in caso di un trauma unico, dico solo investimento in uno stato emotivo, uno stato di personalità apparentemente normale; • secondaria, quando abbiamo a che fare con un multitrauma personalità e hanno sviluppato sistemi di difesa molti; • Terziario, quando, di solito a causa di molti traumi violenti di lungo personalità termine si è frammentato in diversi stati dell'Io distinti e non si riconoscono a vicenda . Alla luce dei recenti progressi delle neuroscienze, processi dissociativi sembrano essere un fenomeno chiave per la comprensione della malattia e apre nuove strade terapeutiche per includere la vasta area della psicotraumatologia.

Interesse di EMDR nel processo di dissociazione

Interesse di EMDR nel processo di dissociazione. L'EMDR si presume che gli stati di disturbo post-traumatico da stress e complessi psychotraumatic sono probabilmente sostenuti da reti di archiviare la memoria disfunzionali, lo stato "congelato" dissociata elementi sensomotorie, emozionali cognitive e le esperienze traumatiche. Mentre ci avviciniamo neurosensoriale e cognitiva, EMDR aiuta a ristabilire un rapporto sano e sostenibile tra cervello emotivo e cognitivo nei casi di trauma semplici e complesse lesioni generare una dissociazione secondaria o terziaria, personalità complessiva persona a ritrovare la sua unità.

Quali sono le differenze tra la PNL e l'EMDR?

PNL e diverse su molti punti EMDR:
Nel senso della lunghezza: PNL è stata creata nel 1975 da Richard Bandler e John Grinder. L'EMDR è stato scoperto da Francine Shapiro nel 1987 e immediatamente sottoposta a verifica sperimentale in uno studio controllato pubblicato la prima volta nel 1989. Il libro seminale del metodo "Eye Movement Desensibilizzazione e ritrattamento, Guilford Press," pubblicato nel 1995.
Per quanto riguarda il metodo: La metodologia della PNL è complessa e non può essere riassunte qui. Essa si basa sia sulla lingua sulla cognitive, come le tecniche di suggestione o di tipo di dissociazione ipnotica (ad esempio la dissociazione Visual / cinestetica VK) o di ancoraggio (per esempio combinazione di emozioni e di d un tocco). Sebbene anche complessa e sottile nella sua applicazione, EMDR combina immagini, pensieri (pensieri negativi e positivi), auto-valutazioni, emozioni e sensazioni corporee ad accordi bilaterali alternati stimolazione sensoriale. Ci sono molte altre differenze tra la PNL e l'EMDR come si può, nel contesto limitato della risposta, un ulteriore sviluppo qui. NLP utilizza qualsiasi osservazione di movimenti spontanei degli occhi per perfezionare la diagnosi, mentre l'EMDR deliberatamente indotta ad un movimento per scopi terapeutici. PNL è il rapporto ad un altro, mentre l'EMDR armonizza lo stato interno del paziente stesso
Per quanto riguarda i fondamenti teorici: Con riferimento alla neurologia nel suo nome, la PNL non si basa sulle neuroscienze, ma di più la lingua e si concentrano sulla grammatica generativa e trasformazionale N. Chomsky (aspetti della teoria sintattica, Paris, Le Seuil, 1971), così come l'analisi del linguaggio e della comunicazione e, come è stato già scritto su osservazione e l'analisi delle pratiche di terapeuti che sembrava più efficace. EMDR è focalizzata sui meccanismi di stoccaggio e trattamento delle informazioni, può essere funzionale o disfunzionale. Anche se la teoria non prende un posto centrale nel EMDR, la ricerca scientifica che ha iniziato (riportata in numerose pubblicazioni scientifiche) ha portato molti ricercatori a concentrarsi tanto per lo sviluppo di protocolli clinici che la funzione neurologici, in particolare il collegamento tra cervello emotivo e cognitivo e il ruolo del trattamento dell'informazione sensoriale.
Per le applicazioni: Basato sul miglioramento dei mezzi di comunicazione, PNL si rivolge in primo luogo per i formatori, insegnanti, allenatori, responsabili delle risorse umane e consulenti. Ha applicazioni sia in terapia individuale che aziendale. Lo scopo principale di EMDR è il trattamento delle reti di memoria disfunzionali, che si manifesta soprattutto in connessione con il trauma psicologico e quindi in tutta la patologia (fobie, delle depressioni, ecc.) . La sua applicazione è essenzialmente clinica e distaccato, che non esclude la ricerca a coppie terapia, per esempio.
Per quanto riguarda il termine: Il numero di sedute necessarie per la cura della PNL è molto superiore a quello richiesto EMDR trattamento.
Alle raccomandazioni internazionali: Solo EMDR è riconosciuta (con CBT) nel trattamento di traumi psicologici da parte delle istituzioni in molti paesi diversi, anche attraverso INSERM in Francia (2004), l'American Psychiatric Association (2004), l'Istituto Nazionale per la clinica eccellenza UK (2005).

EMDR permette ai pazienti di prendere una scorciatoia "e per fornire un lungo processo di introspezione (psicoterapia analitica) per cedere la sua patologia?

Questo è esattamente il caso. EMDR sembra effettivamente fornire una "scorciatoia" per eliminare i sintomi che vengono da eventi del passato che non sono stati "digerito" dal sistema nervoso. Dal cons, EMDR non è un sostituto per il lavoro psicoanalitico rispetto a una maggiore conoscenza di sé a lungo termine. Entrambe le forme di terapia sono spesso utilizzati insieme con profitto.

Ho consultato e BioMedNet PubMed e constatato che non vi è polemica su questo argomento. In particolare, una meta-analisi sembra concludere la non efficacia di questo trattamento (Eye Movement Desensibilizzazione e Reprocessing (EMDR): a meta-analysis. Davidson PR, Parker KC, J Consult Clin Psychol 2001 Apr 69:2 305-16 ). Quali sono i tuoi commenti su questa polemica?

Ci sono tre meta-analisi la conclusione di un notevole efficacia di EMDR (Van Etten e Taylor, 1998; Sack et al. 2001, Maxfield et al., 2002), e trovando il contrario (quello che la citazione da Davidson et al.). Come sempre quando un nuovo trattamento naturale che non riusciamo a capire i meccanismi di azione è introdotto in medicina, affronta un sospetto legittimo e superare lo scetticismo considerevole. Dalla mia esperienza con l'EMDR e quella dei miei colleghi, molti di coloro che lo hanno usato, io sono assolutamente convinto della sua efficacia e la sua rilevanza per la psichiatria del futuro. Tuttavia, si deve ovviamente continuare il processo scientifico che esamina queste convinzioni personali, con una maggiore obiettività. È normale che in questo dibattito scientifico, che le posizioni opposte sono difesi da ricercatori provenienti da entrambi i lati del dibattito. (Per la cronaca, nel 1920, mentre il dibattito sulla fisica quantistica infuriava in Europa, una volta che un giornalista ha chiesto al professor Heisenberg, uno dei fondatori di questa nuova scienza, quanto tempo ci sarebbe voluto per Dipartimenti di Fisica importanti in tutto il mondo finalmente accettare questa rivoluzione nel modo di pensare il mondo. Heisenberg riferito, ha risposto: "Dobbiamo attendere i fautori principali di cattedre di Fisica di oggi sono tutti in pensione ...) .

klodia
forista esperto
forista esperto

Femmina
Numero di messaggi : 631
Età : 47
Località : ovunque
Data d'iscrizione : 14.01.08

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Dom 13 Dic 2009 - 21:39

pollice alto pollice alto pollice alto

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 17 Dic 2009 - 23:21

Curcuma e pepe nero contro il cancro delle cellule staminali
di David Servan-Schreiber Ultima modifica 17/12/2009 18:20
Inviare per posta
Parole chiave:

* Curcuma

Un nuovo studio dimostra che la curcumina miscelazione + limite piperina la crescita delle cellule staminali del tumore al seno. Coloro che sono più difficili da eliminare con i trattamenti convenzionali.

Presso l'Università del Michigan, il mio amico Madhuri Kakarala è un medico, oncologo, e Dr. sc. Ma è anche un nutrizionista. Interessati, come me, al cancro durante gli anni di specializzazione (uno stadio cancro alla tiroide IV), ha messo tutti i suoi talenti, come ricercatori e medici in servizio del proprio trattamento. Ha rapidamente alla conclusione che gli interventi nutrizionali potrebbe agevolare notevolmente la sua risposta al trattamento.


Come anche è di origine indiana, è stata ispirata dalle tradizioni mediche e culinarie del suo paese ed è stato affascinato dagli effetti promettenti della curcuma nella prevenzione e nella cura dei tumori.


Questo mese, Madhuri ha pubblicato un importante articolo sugli effetti della curcuma sulle cellule staminali del cancro al seno. [1] Le cellule staminali sono al centro di una teoria che spiega che il cancro può ripresentarsi nonostante il trattamento a quanto pare efficace. Anche quando tutte le cellule tumorali sono stati eliminati, alcune di queste cellule staminali tumorali sono in grado di riqualificare intere colonie di cellule tumorali. Così, per evitare il ripetersi, dovrebbe essere in grado di sradicare queste cellule staminali. Purtroppo, non si dividono attivamente, trattamenti più esistenti nei confronti di cellule tumorali (radioterapia, chemioterapia) non sono efficaci contro le cellule staminali. Un pezzo intero della ricerca nel settore farmaceutico è dedicato allo sviluppo di nuove terapie per indirizzare queste cellule staminali famosi.


Presso l'Università del Michigan, Madhuri laboratorio è stato studiato per diversi anni l'effetto della curcumina (una delle sostanze più attive nella curcuma) e piperina (l'ingrediente attivo del pepe nero) sul cancro al seno . Nel suo ultimo studio, ha dimostrato che le concentrazioni di curcumina e piperina può essere ottenuta attraverso la dieta o supplementi sono in grado di rimuovere le cellule staminali da tumore al seno, senza causare danni alle cellule normali seno. Non è quindi un effetto di tossicità delle cellule di cancro come quello convenzionale, ma un effetto altamente selettiva sulle cellule staminali.


"Questo studio dimostra che questi composti non sono tossici per il tessuto mammario normale", ha detto il Dott. Kakarala. "Le donne che sono ad alto rischio per il cancro al seno può scegliere di prendere un farmaco come il tamoxifene e raloxifene per la prevenzione, ma maggior parte delle donne non prendono, perché i loro effetti collaterali sono troppo grandi. L'idea che un composto potrebbe aiutare il cibo è attraente, e la curcumina e piperina sembra avere una tossicità molto bassa. "


Infatti, la curcumina piperina e sono stati oggetto di molte ricerche, come gli altri agenti per il trattamento del cancro. Ma questo è il primo studio a dimostrare che questi composti nella dieta può agire sul cancro di mira le cellule staminali.


Inoltre, la droga, come atto di tamoxifene o raloxifene, come i tumori sensibili agli estrogeni. Prendendo di mira le cellule staminali, la curcumina piperina e hanno il potenziale per essere utile in un numero molto maggiore di tumori al seno, in particolare quelli che non sono sensibili agli estrogeni e sono spesso più aggressivi.
In pratica, questo studio è stato ancora fatto in colonie in laboratorio di cellule in piastre di Petri. Siamo ancora lontani da uno studio clinico che consigliamo di prendere le capsule di curcuma a dosaggi specifici per determinati tipi di cancro.


Tuttavia, dal momento che le dosi di alimentari pepe curcuma e nero non sono quasi mai tossici, sembra perfettamente ragionevole per garantire un utilizzo regolare un cucchiaio di curcuma al giorno (con un pizzico di pepe), nella sua cucina, come faccio io da anni ormai.

Si veda anche l'articolo di Dr. Jean-Loup Mouysset il curcuma, il quale ha riferito in merito all'uso di curcuma per il trattamento del cancro (in combinazione con la chemioterapia certo non è raccomandato).



1. Kakarala, M., et al. Targeting cellule staminali del seno con la prevenzione del cancro composti curcumina e piperina. Breast Cancer Research & Treatment, 2009.


http://www.guerir.fr/Members/david_servan_schreiber/anticancer-1/archive/2009/12/17/le-curcuma-et-le-poivre-noir-contre-les-cellules-souches-du-cancer

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

agopuntura contro effetti collaterali famaci in trial randomizzato

Messaggio Da XENA il Dom 10 Gen 2010 - 21:57

Agopuntura doppiamente efficace a ridurre gli effetti collaterali di alcuni trattamenti.
par David Servan-Schreiber Dernière modification 08/01/2010 16:47 da David Servan-Schreiber Ultima modifica 08/01/2010 16:47
Envoyer par mail Inviare per posta
Mots-clés: Parole chiave:

* Acupuncture Agopuntura

Dans une étude publiée le 28 décembre dernier, les chercheurs du Henry Ford Hospital de Detroit ont montré l'intérêt de l'acupuncture pour aider les femmes qui suivent un traitement anti-oestrogénique à supporter ses effets secondaires. In uno studio pubblicato lo scorso 28 dicembre, i ricercatori a Henry Ford Hospital di Detroit ha dimostrato i benefici dell'agopuntura per aiutare le donne che ricevono anti-estrogeni per sostenere i suoi effetti collaterali.


Pour la première fois un grand journal de cancérologie, le Journal of Clinical Oncology, rapporte l'intérêt de l'acupuncture démontré dans une étude randomisée : 50 femmes ayant subi une chimiothérapie et en cours de traitement hormonal ont été séparées en deux groupes de façon aléatoire. Per la prima volta un giornale importante del cancro, il Journal of Clinical Oncology, ha riferito il valore di agopuntura ha dimostrato in un trial randomizzato: 50 donne che hanno subito la chemioterapia e terapia ormonale più sono stati separati in due gruppi in modo casuale. L'un des groupe a reçu pendant 3 mois un médicament antidépresseur (la venlafaxine) proposé habituellement pour diminuer les symptômes vasomoteurs pénibles - bouffées de chaleur et sueurs nocturnes. Un gruppo ha ricevuto per 3 mesi uno antidepressivo (venlafaxina) di solito ha proposto di ridurre i sintomi vasomotori dolorosa - vampate di calore e sudorazioni notturne. Les autres femmes ont bénéficié de séances d'acupuncture deux fois par semaine pendant les quatre premières semaines, puis une fois par semaine pendant huit semaines restantes (pour un total de trois mois elles aussi). Le altre donne che hanno ricevuto l'agopuntura due volte a settimana per quattro settimane, poi una volta alla settimana per otto settimane rimanenti (per un totale di tre mesi, anche).


Non seulement les résultats montrent clairement que l'acunpuncture est aussi efficace que le médicament (les deux options conduisent à une diminution de moitié des bouffées de chaleur et des symptômes dépressifs), mais l'étude montre de surcroît que l'acupuncture a moins d'effets secondaires et plus d'effets bénéfiques au-delà du but recherché. Non solo i risultati mostrano chiaramente che acunpuncture è efficace quanto i farmaci (entrambe le opzioni portare ad un dimezzamento delle vampate di calore e di sintomi depressivi), ma lo studio dimostra anche che l'agopuntura è meno d 'effetti collaterali e le prestazioni supplementari al di là del gol.


En premier lieu, la pratique régulière de l'acupuncture conduit à une diminution des symptômes de façon plus durable que le médicament : trois mois après l'arrêt des séances, les femmes concernées témoignent encore de la diminution des bouffées de chaleur, alors que, dans le premier groupe, celles-ci reviennent immédiatement après l'arrêt du médicament. In primo luogo, la pratica regolare di agopuntura ha portato ad una diminuzione dei sintomi che durano oltre i farmaci: tre mesi dopo le sessioni di cessazione, queste donne testimoniano il calo di vampate di calore, mentre nel primo gruppo, sono tornati subito dopo la sospensione del farmaco.


De plus, le groupe des femmes ayant reçu le traitement par acupuncture témoigne de plus de libido, de bien-être et de clarté d'esprit. Inoltre, il gruppo di donne che hanno ricevuto un trattamento di agopuntura riflette più della libido, il benessere e la chiarezza della mente.


Enfin, les femmes traitées par le médicament ont témoigné d'effets secondaires habituels avec certains antidépresseurs : nausées, bouche sèche, confusion, anxiété. Infine, le donne trattate con il farmaco hanno mostrato effetti indesiderati con alcuni antidepressivi solita nausea, secchezza delle fauci, confusione, ansia.


Eleanor Walker , MD, directeur de la division des services du sein dans le département de radio-oncologie à l'Hôpital Henry Ford conclut que l'acupuncture est donc désormais un traitement indiqué pour réduire les effets secondaires des traitements anti-oestrogéniques du cancer. Eleanor Walker, MD, direttore della divisione di servizi all'interno del Dipartimento di Radioterapia a Henry Ford Hospital conclude che l'agopuntura è un trattamento indicato per ridurre gli effetti collaterali di anti-cancro estrogenici.



BIBLIOGRAPHIE BIBLIOGRAFIA


Walker EM, Rodriguez AI, Kohn B, Ball RM, Pegg J, Pocock JR, Nunez R, Peterson E, Jakary S, Levine RA., Acupuncture Versus Venlafaxine for the Management of Vasomotor Symptoms in Patients With Hormone Receptor-Positive Breast Cancer: A Randomized Controlled Trial. Walker EM, Rodriguez AI, Kohn B, Ball RM, Pegg J, Pocock JR, Nunez R, Peterson E, Jakary S, Levine RA., Acupuncture versus Venlafaxina per la gestione della Vasomotor i sintomi nei pazienti con l'ormone della Receptor-Positive Breast Cancer: A randomized controlled trial. J Clin Oncol. J Clin Oncol. 2009 Dec 28 . 2009 Dicembre 28.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Dom 10 Gen 2010 - 23:45

LO studio di cui sopra pubblicato su Pubmed:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20038728

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da Ospite il Mar 12 Gen 2010 - 17:07

Non ho avuto modo di leggere questo 3d, ma mi propongo di farlo al più presto. Lo trovo veramente, veramente molto interessante.

Complimenti al Forum.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da Ospite il Mer 13 Gen 2010 - 17:26

[justify]RIDERE E SORRIDERE: LE EMOZIONI POSITIVE E IL LORO EFFETTO SULL'ORGANISMO".
3. Gelotologia e psiconeuroimmunologia.
Quando nella metà degli anni '80, l'Università della California conferì la Laurea ad Honoris Causa al giornalista scientifico Norman Cousins (guarito da una tremenda malattia articolare, la spondilite anchilosante, a suon di risate e con l'impiego di dosi massicce di Vitamina C) si sancì di fatto la nascita della "gelotologia"(dal greco ghelos = riso, logos = scienza; "scienza della risata"), una nuova area di ricerca, una disciplina dedicata allo studio sistematico del ridere, del buonumore e del pensiero positivo in funzione terapeutica, come rimedio psicofisico .
La gelotologia getta le sue basi sugli studi di Psiconeuroendocrinoimmunologia (P.N.E.I.) che hanno sostanziato la diretta influenza degli stati mentali, delle emozioni, sul sistema immunitario e viceversa, in una circolarità di interazioni che fanno tramontare, di fatto, sia le ipotesi organicistiche (cioè la prevalenza dei fattori organici nello scatenamento di una malattia) sia l'ipotesi psicosomatica (che privilegia la prevalenza psicologica).
Le emozioni "parlano" direttamente al sistema immunitario attraverso canali neuroendocrini, ed il sistema immunitario (unico garante della nostra salute), riflette il suo stato direttamente sulle emozioni.
Questa verità, sperimentata clinicamente, fino ad oggi veniva assunta solo nelle accezioni negative: lo stress, la tristezza, la rabbia, etc…, possono, alla lunga portare alla malattia.
Ma se è vero questo percorso, sarà anche vero il percorso inverso e cioè che le emozioni positive (amore, gioia, risata, speranza,…etc) possono portare alla guarigione.
La P.N.E.I. sostanzia scientificamente quella che è la visione olistica dell'uomo, cioè che psiche, corpo e anima rappresentano un'inscindibile unità.
Questa rivoluzione in corso d'opera nelle scienze bio-mediche è il prodotto di altrettante rivoluzioni all'interno di discipline tradizionalmente separate: la neurofisiologia, l'immunologia e l'endocrinologia.

3.1. Effetti delle emozioni sull'organismo.
Tra tutte le emozioni positive, il ridere/sorridere è quella più facilmente reperibile.
Nel momento susseguente ad una risata, nel nostro organismo, avvengono una serie di modificazioni fisiologiche benefiche, che sono state evidenziate negli ultimi anni da ricerche e studi scientifici.
Dice David Felten all'epilogo di uno dei più importanti libri sulla P.N.E.I., da lui curato: "Noi abbiamo documentato come fattori stressanti possono essere associati a conseguenze negative sulla salute e all'indebolimento della risposta immunitaria, sfortunatamente però poca attenzione è stata data all'esame scientifico della "controparte", cioè come le emozioni positive possono contribuire a produrre effetti benefici positivi per la salute e il potenziamento della risposta immunitaria.(…)Possono i pazienti contribuire essi stessi alla propria salute usando la via "psiconeuroimmunitaria" ? Possono la gioia, il forte supporto personale e sociale, la determinazione e il superamento delle avversità aiutare il paziente ad uscire da una malattia immuno-mediata o a prevenire una ricaduta?(…) Se noi siamo abili nel trarre le conclusioni dalle osservazioni dei nostri pazienti, la risposta è: è possibile, o anche, è così, è verosimile".

3.1.1. Perché lo stress ci rende più suscettibili alle malattie infettive?
La spiegazione scientifica, in questo caso è alquanto semplice.
La reazione acuta allo stress, come nel caso degli esami scolastici, produce un'attivazione
rapida dell'asse ipotalamico, tramite le fibre del Sistema Simpatico alla midollare del
surrene.
In pochi secondi la midollare produce adrenalina e noradrenalina e, in quantità minore dopamina, le quali producono alterazioni biologiche (aumento della pressione arteriosa, aumento della gittata e della frequenza cardiaca, dilatazione delle pupille e miglioramento dell'attenzione), ma anche un effetto immunosoppressivo diretto e lo stimolo a incrementare la produzione di CRH (o CRF, Corticotropin Releasing Factor - Hormon).
Attivando così l'asse CRH-ACTH (ormone adenocorticotropico)-CORTISOLO , si ha come effetto finale una immunosoppressione derivante dagli effetti del Cortisolo sulla cellula immunitaria.
Ricerche recenti hanno stabilito che il CRH ha esso stesso un diretto effetto sull'immunità, avendo come bersaglio preferito le cellule NK che vengono inibite.
Il CRH è uno stimolo potente all'attivazione del sistema simpatico.
Quindi catecolamine e CRH si sostengono a vicenda per mettere l'organismo in condizione di affrontare quello che viene percepito come un evento minaccioso.
La pressione arteriosa è più alta; il sistema muscolare è pronto all'azione; la fame inibita; l'attenzione e la capacità di concentrazione sono più elevate; ma il sistema immunitario è fortemente depresso.
Da qui aumenta la vulnerabilità alle malattie infettive.
3.1.2. Alcuni esempi di ricerche e studi.
- Mario Farnè da alcuni anni conduce un'indagine sugli effetti dello stress provocato dalle emozioni.
Ha analizzato 500 persone, misurando le variazioni del loro tasso di Immunoglobulina-A (IgA-S), sostanza che si trova nella saliva, nelle lacrime e nelle mucose, che fà da prima barriera contro gli agenti patogeni che aggrediscono le vie respiratorie.
Il risultato è stato sorprendente: l' IgA-S varia allo stesso modo sia di fronte ad uno stimolo fisico aggressivo (come un rumore assordante) sia per uno stress psichico; inoltre, diminuisce notevolmente in seguito ad un'emozione negativa e aumenta col buonumore.
Ha evidenziato inoltre che le emozioni positive stimolano le cellule del sistema nervoso centrale a produrre maggior quantità di Betaendorfine, oppiacei naturali che sono salutari per il sistema immunitario e che aumentano la resistenza al dolore.
- In un'altra recente ricerca effettuata da alcuni medici, della Loma Linda University of California (neuroimmunologi, patologi, anatomopatologi), riguardante la "Modulazione dei parametri neuroimmunologici durante l'eustress associato ad un'allegra risata", in soggetti sani, sono arrivati alla conclusione che la modulazione di tali parametri, poteva fornire effetti benefici alla salute e per il benessere olistico della persona.
- Ronald Glaser e Janice Kielcol-Glaser , effettuarono uno studio ad un gruppo di studenti della Facoltà di Medicina, usando questionari psicologici e prelievi ematici, per verificare l'incidenza che poteva avere una situazione fortemente stressante, come gli esame universitari.
Il risultato dello studi fu univoco.
Evidenziarono che nel corso degli esami vi è una depressione del sistema immunitario: i linfociti T-helper sono in n° minore e i Natural Killer (NK) meno attivi.
Notarono anche un'altra particolarità: i linfociti t e NK diminuivano, ma cresceva invece il livello anticorpale contro il virus Hepstein Barr (HBV) , il che potrebbe sembrare una contraddizione, ma invece evidenzia che, il virus latente, in seguito all' indebolimento del controllo immunitario, diventa attivo e costringe i linfociti B a produrre più anticorpi nel tentativo di renderlo inoffensivo. Ma questa risposta di tipo umorale, contro il virus è perlopiù inefficace e comunque meno efficace di quella che vede in azione i linfociti T (risposta "cellulo mediata"). Si verificava quindi un aumento di malattie infettive durante il corso degli esami.
In più si evidenziava una relazione stretta tra le condizioni psicologico-esistenziali (es. livello di solitudine) e la frequenza con cui si ammalavano, che era più rilevante negli studenti con problemi maggiori di socializzazione[justify]

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 15 Gen 2010 - 17:24

Guidata visualizzazione per la chirurgia
di David Servan-Schreiber Ultima modifica 14/01/2010 22:28
Inviare per posta
Parole chiave: ipnosi Relax
Sono lieto di condividere con voi una registrazione di visualizzazioni guidate è chiamato anche "auto-ipnosi. Esso mira ad aiutare a preparare per la chirurgia.



Attraverso questo lavoro di immagini mentali, tutti noi possiamo imparare a rilassarsi e preparare meglio i nostri corpi a sperimentare un trattamento che è anche sempre un po 'aggressione. L'obiettivo è quello di utilizzare questa forma di rilassamento per ottenere il massimo dalla modalità di funzionamento durante il tentativo di ridurre gli effetti collaterali.



Come è possibile? Perché le immagini si forma nella nostra testa scatenare reazioni fisiologiche. Quando siamo preoccupati, per esempio, i nostri muscoli tesi (collo, spalle, mascella), si produce più cortisolo e noradrenalina (il che significa che si dorme meno), abbiamo urinons più frequentemente, e le nostre cellule immunitarie sono meno efficaci. Invece, se ci immaginiamo le cose piacevoli, la nostra pressione del sangue verso il basso, i nostri muscoli si rilassano, il nostro sistema immunitario è più attivo, il nostro intestino e il nostro lavoro migliore digestione, e così via.



Il protocollo guidata visualizzazione per la chirurgia, che ho registrato qui per voi è basato su protocolli che sono utilizzati in molti ospedali negli Stati Uniti per ridurre gli effetti collaterali dell'intervento. Questo tipo di immagini si è dimostrato nel corso del tempo nel ridurre l'ansia, ma non solo. In uno studio presso l'Ospedale Universitario di Monte Sinai di New York, i pazienti che avevano ascoltato un nastro di immaginazione guidata (più volte) prima di un intervento chirurgico per cancro al seno ha meno dolore, meno complicanze della la risposta e veloce recupero. In totale, questo ha portato anche in una posizione completamente obiettivo: il loro ospedale costava 770 dollari in meno per la loro assicurazione sanitaria! [1, 2]



Gli effetti possono essere ancora più sorprendente. In un altro studio, i pazienti che dovevano essere effettuati hanno ascoltato la descrizione di come il corpo è in grado di deviare il sangue da una regione ad un altro comando emotiva (come quando si arrossisce per esempio, e che il il sangue scorre in modo selettivo al viso). Spiegano come immaginare il proprio sangue potrebbe derivare questo modo lontano dalla zona delle operazioni durante la procedura, per ridurre al minimo le perdite. In effetti, rispetto a un gruppo di controllo che ha ricevuto solo le istruzioni per il relax, erano solo 600 cc di perdita di sangue (misurata con il recupero effettuato in sala operatoria), invece di 1 100 cc per l'altro gruppo! [3]



In tutte le antiche tradizioni mediche, medici, guaritori, sciamani hanno usato la capacità della mente di agire sul corpo per facilitare la guarigione. Infatti l'effetto placebo (il cuore della moderna scienza medica, dal momento che ogni studio scientifico si sviluppa gesta di ingegno e comporta notevoli costi per "controllare" l'effetto placebo), dimostra la potenza di questi corpo "-- spirito ".



Il protocollo di autoipnosi che vi propongo qui non possono sostituire i trattamenti convenzionali per il cancro (chirurgia, chemioterapia, radioterapia, ecc) .. Non è garantito per essere efficace per voi. Per contro, vi posso dire con certezza è che:



1 / E vi faccio del male

2 / Vi aiuterà la sensazione che si prende un controllo poco più di ciò che accade a te e il trattamento. Si vive così in un trattamento meno passiva e meno violenta

3 / Serious studi hanno dimostrato che tali protocolli potrebbe avere effetti drammatici sulla riduzione del dolore e della velocità di recupero dopo i trattamenti come la chirurgia



Infine, devo dirvi la mia esperienza personale. Il mio intervento al cervello la prima volta all'età di 31 anni, finì in un terribile mal di testa, nausea continua, e le crisi di singhiozzo che potrebbe durare diverse ore. Che non ha placato fino a quasi 10 giorni. Non riuscivo a mangiare niente e ho perso parecchi chili. Avevo fatto alcuna preparazione per questa operazione.



Prima della mia seconda operazione di pochi anni più tardi, ho ascoltato una cassetta con un protocollo di auto-ipnosi molto simile a questo. Anche se la seconda operazione è stata più lunga e di aver ricevuto una regione del cervello più ampia, ho lasciato l'ospedale il giorno dopo, senza alcun dolore o nausea.



La mia esperienza personale non è uno studio scientifico e non costituisce una prova. Ma se dovessi avere un intervento chirurgico di nuovo, so che non lo farò senza il mio protocollo per l'auto-ipnosi!



ISTRUZIONI

Il mio consiglio per l'uso di queste registrazioni sono i seguenti:

1 / Hear ogni giorno per una settimana prima dell'operazione

2 / Ascolta la prima (o durante l'intervento chirurgico, a volte è possibile con l'accordo del personale, se questo non interferisce)

3 / Hear it again ogni giorno per alcuni giorni dopo l'operazione, in quanto questo sembra utile. Di ascolto dopo l'intervento è particolarmente importante nel facilitare il recupero.




Prepararsi meglio per la chirurgia
postato da curare. - Video News International.


1. Montgomery, GH, et al., A Randomized Clinical Trial di un breve intervento ipnosi per controllare gli effetti collaterali in pazienti sottoposti a chirurgia della mammella. J. Natl. Cancer Inst., 2007. 99 (17): p. 1304-1312.

2. Spiegel, D., la mente preparata: L'ipnosi in Chirurgia. J. Natl. Cancer Inst., 2007. 99 (17): p. 1280-1281.

3. Bennett, H., D. Benson, e D. Kuiken, una istruzione pre-operatoria per diminuito il sanguinamento durante intervento alla colonna vertebrale. Anesthesiology, 1986. 65: p. A245.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 15 Gen 2010 - 17:34

questo è un grande medico ....

dopo posto il video ...
siete pronti?

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da LUNA il Ven 15 Gen 2010 - 18:10

Sì è un grande medico,mi piace molto è dolce,preparato e pure un bel'omo!!!
ciao Xe e grazie
avatar
LUNA
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 3566
Località : New york
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 16 Gen 2010 - 2:41


___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Sab 16 Gen 2010 - 3:08

Le jus de grenade pour combattre et prévenir le cancer du sein
Posté le 08/01/2010 par Christophe bulle Postez un commentaire Arobaz Envoyer par mail
Mot-clés: Grenade Aromatase Œstrogène

Le jus de grenade pour combattre et prévenir le cancer du sein

Une équipe de chercheurs de l'Ohio State University a étudié les avantages de grenades dans la lutte contre le cancer du sein. Ce fruit rouge rempli de graines juteuses produit naturellement une substance chimique appelée acide ellagique, qui semble contribuer à ralentir et même prévenir la croissance des cellules cancéreuses dans les tissus du sein.

Les chercheurs, Dr Shiuan Chen, directeur de la Division of Tumour Cell Biology, et le Dr Lynn Adams, chercheur au Beckman Research Institute, voulaient déterminer si les composés chimiques présents naturellement dans les grenades pouvaient bloquer l'action d'une enzyme appelée aromatase. Ils ont été surpris du résultat. L'urolithin B de la grenade a inhibé le développement de cellules tumorales en laboratoire de façon significative.


L'aromatase joue un rôle clé dans l'expansion de certaines formes de cancer du sein en aidant l'organisme à produire l'hormone sexuelle féminine appelée œstrogène. Les médicaments utilisés contre le cancer du sein comme l'anastrozole sont conçus pour inhiber l'action de l'aromatase.

Source :

Pomegranate Ellagitannin–Derived Compounds Exhibit Antiproliferative and Antiaromatase Activity in Breast Cancer Cells In vitro



Il succo di melograno per combattere e prevenire il cancro al seno
Inviato il 08/01/2010 da bolla Christopher Invia un commento Arobaz Invia via mail
Parole chiave: Aromatase estrogeni Grenada

Il succo di melograno per combattere e prevenire il cancro al seno

Un team di ricercatori dell'Ohio State University ha studiato i benefici di melograni nella lotta contro il cancro al seno. Questo frutto pieno di semi rossi succosi produce naturalmente una sostanza chimica chiamata acido ellagico, che sembra aiutare a rallentare o addirittura impediscono la crescita delle cellule tumorali nei tessuti del seno.

I ricercatori, il dottor shiuan Chen, Direttore della Divisione di Tumor Cell Biology, e il Dr. Lynn Adams, un ricercatore del Beckman Research Institute, ha voluto determinare se i composti chimici presenti naturalmente nel granata potrebbe bloccare l'azione di un enzima chiamato aromatasi . Sono stati sorpresi del risultato. Il melograno B urolithin inibito lo sviluppo delle cellule tumorali in laboratorio in modo significativo.


Dell'aromatasi svolge un ruolo chiave per l'espansione di alcune forme di cancro al seno, aiutando l'organismo a produrre l'ormone sessuale femminile estrogeno chiamato. I farmaci utilizzati contro il cancro al seno in quanto anastrozolo sono progettati per inibire l'azione di aromatasi.

Fonte:

Melograno Ellagitannin composti derivati Exhibit attività antiproliferativa e gli inibitori dell'aromatasi nel cancro della mammella cellule in vitro

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 22 Gen 2010 - 0:16

Je soutiens les médecins anglais en guerre contre les gras «trans»
par David Servan-Schreiber Dernière modification 21/01/2010 18:06
Envoyer par mail
Mots-clés:

* Graisses
* Gras trans

Au Royaume-Uni, les médecins de la UK Faculty of Public Health publient un «manifeste» : un appel à l’attention des pouvoirs publics, qui demande à éliminer les acides gras trans artificiels de l’alimentation des britanniques. Ces graisses transformées, repérables sur les étiquettes françaises sous l’appellation «huiles végétales hydrogénées ou partiellement hydrogénées», sont encore très largement utilisées par l’industrie agro-alimentaire, malgré le risque avéré pour notre santé.

Les 3.300 médecins anglais qui soutiennent l’Appel, publié le 18 janvier 2010, insistent sur le lien entre ces molécules et l’augmentation du taux sanguin de «mauvais» cholestérol, et aussi de l’inflammation des parois des artères responsables d’accidents cardio-vasculaires et de nombreux décès prématurés. Le Pr. Steve Field, président du Collège royal des médecins généralistes britanniques, déclare sans ambages que « les acides gras trans augmentent le risque d’avoir une maladie cardiaque et peuvent vous tuer. »

Ces graisses sont déjà interdites au Danemark, dans la ville de New York, en Californie, en Suisse et en Autriche. L'OMS estime également que ces acides gras trans artificiels devraient être bannis.

Je soutiens d’autant plus cet Appel de mes collègues que d’autres données sont connues depuis au moins 2008. Elles accusent clairement les acides gras trans dans de nombreux cas de cancer.

Ainsi, l’étude E3N auprès de 19,934 femmes de la MGEN (Mutuelle Générale de l'Education Nationale) menée par le docteur Françoise Clavel-Chapelon (Inserm-Institut Gustave Roussy) a démontré que les femmes ayant des taux élevés d'acide gras trans dans le sang ont un risque d'avoir un cancer du sein presque doublé par rapport aux femmes ayant le taux le plus bas [1]. Aux Pays-Bas, une étude a démontré que ces lipides étaient responsable de plus de décès chaque année que les accidents de la route ! [2]

Il est nécessaire d’agir sur plusieurs fronts. Il faut faire pression dans tous les pays, comme le font mes collègues anglais, pour que les firmes agroalimentaires remplacent ces graisses par d’autres. C’est tout à fait possible. Les industriels utilisent ces graisses pour leur faible coût et pour augmenter la durée de conservation des aliments, mais des alternatives existent. Aux Pays-Bas, en 10 ans, la proportion de ces graisses dans les aliments est passée de 6 à 1%.[3]

D’un autre côté nous pouvons sans attendre changer nos comportements. D’après un rapport très complet de l’AFSSA [4], il suffirait de diminuer notre consommation de produits laitiers (naturellement riches en acides gras trans), de choisir des viandes maigres et de se restreindre en biscuits, viennoiseries et pâtisseries industrielles. C’est un choix d’autant plus raisonnable que beaucoup des produits de panification n’ont pas vraiment d’intérêt nutritionnel.

On peut aussi faire la chasse aux acides gras trans sur les étiquettes, surtout pour les produits manufacturés comme les viennoiseries, pâtes feuilletées, pâtisseries, pommes de terre (dont frites), biscuits, plats préparés, margarine, sauces, soupes déshydratées, charcuterie, huiles, pain et biscottes.

Le dernier point concerne l’affichage obligatoire. Aujourd’hui il faut rechercher la mention «huiles végétales hydrogénées ou partiellement hydrogénées», car la loi n’oblige pas les producteurs à écrire «acide gras trans», ni même à donner leur proportion dans les produits. Les pouvoirs publics s’honoreraient à les obliger à informer les consommateurs.



Nel Regno Unito, i medici presso la Facoltà di sanità pubblica del Regno Unito ha pubblicato un manifesto, un invito all'attenzione del governo, che mira a eliminare i trans artificiali acidi grassi nella dieta del Regno Unito. Questi grassi trasformati, macchiato sull'etichetta francese come "oli vegetali idrogenati o parzialmente idrogenati" sono ancora ampiamente utilizzati dall'industria alimentare, nonostante il comprovato rischio per la salute.

Il 3300 medici inglesi che sostengono l'appello, pubblicato gennaio 18, 2010, sottolineano il legame tra queste molecole e l'aumento dei livelli ematici di colesterolo "cattivo" e anche l'infiammazione delle pareti delle arterie responsabili degli incidenti cardiovascolari e molte morti premature. Il professor Steve Field, presidente del Royal College of General Practitioners Regno Unito, dice senza mezzi termini che "gli acidi grassi trans aumentano il rischio di malattie cardiache e può uccidere. "

Questi grassi sono già vietate in Danimarca, nella città di New York, California, Svizzera e Austria. L'OMS ritiene inoltre che i grassi trans dovrebbe essere vietata.

Appoggio tanto più che chiamare i miei colleghi e altri dati sono noti almeno dal 2008. Hanno chiaramente la colpa grassi trans in molti tumori.

Così, lo studio E3N con 19,934 donne del MGEN (Mutuelle Générale de l'Education Nationale), condotto dal Dr. Francoise Clavel-Chapelon (INSERM, Institut Gustave Roussy), ha dimostrato che le donne con elevati tassi di acidi grassi attraversare il sangue hanno un rischio di cancro al seno è quasi raddoppiato rispetto alle donne con il più basso tasso [1]. Nei Paesi Bassi, uno studio ha dimostrato che questi lipidi sono responsabili per ogni anno più morti degli incidenti stradali! [2]

E 'necessario agire su diversi fronti. Dobbiamo esercitare pressioni in tutti i paesi, come fanno i miei colleghi in inglese, in modo che l'agribusiness sostituire questi grassi da altri. E 'del tutto possibile. L'uso industriale di questi grassi per il loro basso costo e per aumentare la shelf life degli alimenti, ma esistono alternative. Nei Paesi Bassi, in 10 anni, la percentuale di grassi negli alimenti 6-1% [3].

D'altra parte non vediamo l'ora di cambiare il nostro comportamento. Secondo una relazione esauriente dell'AFSSA [4], che consentirebbe di ridurre il consumo di prodotti lattiero-caseari (naturalmente ricco di acidi grassi trans), scegliere carni magre e di limitare in biscotti, dolci da forno e industrie dei beni. Si tratta di una scelta più ragionevole di prodotti della panificazione molti hanno scarso valore nutrizionale.

Si può anche cercare di grassi trans sulle etichette, in particolare per i prodotti finiti come cornetti, sfoglie, torte, patate (comprese le patatine), biscotti, piatti pronti, margarina, salse, zuppe disidratate, carni, oli, pane e biscotti.

L'ultima osservazione riguarda il distacco obbligatoria. Oggi dobbiamo cercare le parole "oli vegetali idrogenati o parzialmente idrogenati", perché la legge non impone ai produttori di scrivere "grassi trans", o anche a dare il loro quota nei prodotti. Il governo sarebbe onorato di obbligarli ad informare i consumatori.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 29 Gen 2010 - 20:10

La socialità nella malattia al seno come fattore positivo +++

(più del marito contano gli amici )


L'isolamento sociale e il cancro al seno
di David Servan-Schreiber Ultima modifica 29/01/2010 10:47
Inviare per posta
Parole chiave: Stress
Un nuovo studio - sui ratti - dimostra che l'isolamento può accelerare la crescita del cancro al seno. Al contrario, significa anche che, per rimanere in contatto con gli altri può rallentare la crescita.

No stress è più grave per un essere umano di essere respinto e gruppo isolato. Ovviamente, è anche vero che per i ratti. Quando femmine di ratto sono stati separati dal loro gruppo subito dopo la nascita e allevati in isolamento, sono particolarmente sensibili allo stress. Sono inoltre in via di sviluppo per tre volte di più tumori al seno rispetto alle donne che vivono in un gruppo, e la loro tumori sono più grandi e più aggressivi. [1]


Il ricercatore Gretchen Hermes, Yale University, ha attribuito i risultati per gli effetti di isolamento di stress sulla fisiologia. Le femmine producono più isolate corticosterone, una famiglia di cortisolo, l'ormone dello stress. Tuttavia, le cellule della mammella hanno recettori per questo ormone. Hermes ritiene che corticosterone è in grado di alimentare la crescita delle cellule tumorali.


Negli esseri umani, è noto infatti che l'isolamento sociale è un grave rischio per la salute, più grave, per esempio, il fumo. E l'isolamento è probabilmente più importante che lo "stress" in sé.


Uno studio australiano ha dimostrato alcuni anni fa, che le donne che hanno sperimentato uno stress maggiore era il rischio non superiore alla media per il cancro al seno negli anni successivi. Donne che hanno avuto alcun rapporto intimo, se la presenza di un partner o semplicemente un link a friend (s) non sono stati, inoltre, sono più a rischio. Ma le donne che hanno sperimentato un maggiore stress e non ha avuto sostegno emotivo nella loro vita, tuttavia, erano 9,5 volte più probabilità di essere diagnosticati con cancro della mammella. [2]


E in un altro studio, questa volta americano, ho già detto in questo blog, gli infermieri che sono stati trattati per tumore al seno sono quattro volte meno probabilità di morire per il loro tumore durante il periodo di osservazione di lo studio se avessero "almeno uno o due amici che contano" (In questo studio, avere un marito o non ha avuto alcun effetto sulla sopravvivenza ... solo gli amici, spesso per gli amici, ha fatto la differenza .) [3]


In totale, questa nuova dimostrazione lez nei ratti, influenza il link agli altri, ci ricorda l'importanza di non lasciarsi sprofondare nella impotenza e disperazione sulla malattia. Invece, la nostra fisiologia sembra in grado di proteggerci da molti degli effetti negativi di stress inevitabile della vita.
Ciò richiede di imparare a chiedere aiuto alle persone intorno a noi, coloro che sono più in grado di dirci. E, soprattutto, dobbiamo essere attenti a non rimanere isolato. Quando il nostro cuore e il nostro corpo si sentono legati agli altri, che stimolano la nostra capacità di meglio resistere alle malattie.

BIBLIOGRAFIA



1. Hermes, G., et al. Dysregulates isolamento sociale stress del sistema endocrino e comportamentale, aumentando onere della spontanea tumori mammari maligni. Proc Natl Acad Sci U S A, 2009. 106 (52): p. 22393-22398
2. Prezzo, MA, et al. Il ruolo dei fattori psicosociali nello sviluppo del carcinoma della mammella: Part II. Eventi stressanti della vita, sostegno sociale, lo stile di difesa e controllo emotivo e le loro interazioni. Cancer, 2001. 91 (4): p. 686-97.
3. Kroenke CH, et al., Reti sociali, il sostegno sociale, e la sopravvivenza dopo la diagnosi del cancro al seno. Journal of Clinical Oncology, 2006. 24 (7): p. 1105-11.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

ottimizzare la risposta al tamoxifene

Messaggio Da XENA il Gio 4 Feb 2010 - 20:11

Ottimizzare la risposta al tamoxifene

di David Servan-Schreiber Ultima modifica 04/02/2010 15:02

Inviare per posta

Parole chiave:


* Farmaci


Scienziati
irlandesi hanno identificato un gene che potrebbe prevedere come le
donne con carcinoma mammario rispondono al trattamento con tamoxifene. Infatti la risposta di ciascuno è diversa, e può essere influenzata da altri prodotti.



Ricercatori
della Facoltà di Farmacia presso la Queen's University di Belfast hanno
recentemente identificato un gene, FKBPL, indicando una risposta
probabile buona tamoxifene per le donne che sono portatori. [1]


Tamoxifene
è il trattamento usuale per tumori ormone-dipendenti nella prevenzione
delle ricadute, prescritto a donne per cinque anni, in generale, dopo
il trattamento iniziale e chirurgia e / o radioterapia. Gli effetti collaterali sono nausea a volte significative, vampate di calore, aumento di peso. E sappiamo che è molto utile per un terzo dei pazienti, ma non è chiaramente quali. Di qui l'importanza di questa scoperta.


In
realtà, Michele ci ha dato una testimonianza al sito della sua
scoperta: i medici non lo sapeva ancora, ma ancor prima della scoperta
del gene FKBPL era già possibile fare il test per vedere se ha alcuni
dei geni tamoxifene che rendono efficace contro ricaduta. (Vedi la testimonianza di Michele qui).


Anche
essere consapevoli del fatto che gli antidepressivi serotoninergici
(Prozac, Deroxat, Zoloft, Seropram, ecc.) Hanno dimostrato di ridurre
l'efficacia del Tamoxifene [2]


Perché
la depressione è un problema comune in donne che sono state trattate
per cancro al seno, questo potrebbe forse spiegare alcune delle lacune
di cui gli studi di tamoxifene.


Si
noti che è dimostrato che altri approcci di lavoro altrettanto bene:
esercizio di 30 minuti 3 volte alla settimana, terapia
cognitivo-comportamentale, EMDR per trauma con persistenti emozioni
negative, o terapia della luce ( 30 minuti al mattino, durante le prime due ore dopo il risveglio). E, naturalmente, non ignorano omega-3 (un grammo di EPA al giorno). Se
omega-3 non ha ancora godere lo stesso grado di prove per la loro
azione i farmaci antidepressivi che hanno il vantaggio di ridurre
l'infiammazione nel corpo in ogni caso, che contribuisce a rallentare
la progressione del cancro.


Un'altra domanda spesso chiesto: si può mangiare soia durante il trattamento con tamoxifene? La soia contiene fitoestrogeni, che possono andare contro gli effetti di blocco degli estrogeni da tamoxifene.


Tuttavia, tale teoria è stata smentita più volte in realtà. La
mostra più recente studio, tra le donne cinesi, il consumo di soia più
alto è associato a un miglioramento della sopravvivenza. Donne
che hanno consumato il più avuto la possibilità di sopravvivenza del
30% in più rispetto ai tumori o non ormone-dipendenti e se o meno il
trattamento con tamoxifene. [3]








BIBLIOGRAFIA


1. McKeen, H., et al. FKBPL Regola Estrogen Receptor Determina di segnalazione e di risposta alla terapia endocrina. Cancer Research, 2010. [Epub ahead of print].

2. Henry,
NL, et al., Interazioni farmacologiche e Farmacogenomica nel
trattamento del carcinoma della mammella e della depressione. American Journal of Psychiatry, 2008. 165 (10): p. 1251-5.

3. Shu XO, et al., L'assunzione di cibo di soia e di sopravvivenza cancro al seno. JAMA, 2009. 302 (22): p. 2437-43.



http://www.guerir.org/Members/david_servan_schreiber/anticancer-1/archive/2010/02/04/optimiser-sa-reponse-au-tamoxifene

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Mer 10 Feb 2010 - 19:15

Il New York Times acclama il libro come uno dei migliori best seller di informazione e prevenzione

avevo visto giusto

http://www.anticancerbook.com/rules.html

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 12 Feb 2010 - 15:26

* Omega 3

Uno studio a Tours dal professor Philippe Bougnoux dimostra che Omega 3 in grado di migliorare l'efficacia della chemioterapia alcuni - e la sopravvivenza del carcinoma mammario metastatico - senza effetti collaterali.

In uno studio pubblicato nel novembre 2009 sul British Journal of Cancer, il professor Philippe Bougnoux, laboratorio INSERM U921, mostra per la prima volta, le capsule di Omega 3 sono in grado di aumentare significativamente la sopravvivenza nei pazienti con tumore mammario metastatico trattati con chemioterapia.

Il ricercatore ha studiato gli effetti di 1.8 g DHA al giorno, aggiunto a chemioterapia con antracicline, in 25 pazienti con carcinoma mammario con metastasi viscerali rapida progressione. Per il gruppo con i livelli più alti di Omega 3 nel sangue, la sopravvivenza mediana globale è stata quasi raddoppiato rispetto al gruppo con il tasso più basso (34 mesi contro i 18 mesi). Va notato che la prognosi dei pazienti nello studio è stata particolarmente scarsa.



Omega3-breast-cancro


I pazienti ricevevano tre capsule con ogni pasto, che ha inizio prima dell'inizio della chemioterapia, e durante i 5 mesi di chemioterapia. La squadra di Philippe Bougnoux non riusciva nemmeno a spiegare perché alcuni pazienti che hanno ricevuto lo stesso numero di capsule di omega 3 rispetto agli altri, avevano livelli ematici diversi.

La chemioterapia è stata utilizzata con il meccanismo dello stress ossidativo, che induce la morte delle cellule cancerose. Essi sono derivati da instabili di ossigeno con un elettrone "scapolo", che reagisce con le membrane cellulari e li distruggono.

Alcune cellule tumorali, tra i più aggressivi, sono più vulnerabili all'ossidazione rispetto alle cellule sane, per fortuna, è proprio questa differenza di reazione che stabilisce l'interesse di farmaci anti-cancro. Sembra che questa differenza di reazione può essere ulteriormente migliorato quando le membrane cellulari sono arricchite in DHA, un acido grasso più sensibili all'ossidazione. In questo studio, i pazienti dovrebbero evitare l'assunzione di anti-ossidanti in aggiunta alla terapia.

L'efficacia della chemioterapia è generalmente dipendente dalla dose, che si è limitato dagli effetti collaterali. Un approccio che migliora l'efficacia della chemioterapia, senza aumentare la dose è molto utile, soprattutto se non ha effetti negativi in sé. Questa scoperta è importante e deve essere seguita da ulteriori recheche ed essere discussa con i pazienti.

In generale, omega-3 aiuta a ridurre l'infiammazione nel corpo, stimolando la produzione di prostaglandine alcuni (PGE3 serie) a scapito di prostaglandine pro-infiammatorie (serie PGE2) derivati da omega-6. È per questo che il piano della salute raccomanda Anticancer comunque nella prevenzione del cancro, durante il trattamento o la prevenzione delle recidive, di ridurre tutte le fonti di omega-6 nella dieta (soprattutto prodotti di origine animale come carni e salumi provenienti dall'industria, olio, mais, girasole e soia) e si concentrano tutte le fonti di grassi Omega-3, come il pesce (in particolare le piccole, come le sardine d salmone d'oliva o lo sgombro, ma selvatici provenienti da aziende in buona qualità), e verdure a foglia verde, noci e semi di lino macinati.


Probabilmente è troppo presto, sulla base di questo studio unico piccolo, consigliamo di prendere le capsule di omega-3 durante la chemioterapia. Tuttavia, sembra perfettamente ragionevole a prendere l'olio di pesce, come integratori alimentari (capsule o un cucchiaio) nella prevenzione della recidiva dopo chemioterapia finita. La dose generalmente utilizzata in questo caso è di 1 a 2 portatili gd'oméga-3 (EPA e DHA e omega-3 di altri, come indicato sul verbale) al giorno.



__________________________________

* Omega 3

Une étude réalisée à Tours par le Professeur Philippe Bougnoux montre que les Oméga 3 peuvent améliorer l’efficacité de certaines chimiothérapies – et la survie du cancer du sein métastatique - sans effets secondaires.

Dans une étude publiée en novembre 2009 dans le British Cancer Journal, le Professeur Philippe Bougnoux, du laboratoire INSERM U921, montre pour la première fois que des capsules d'Oméga 3 ont le potentiel d'augmenter considérablement la survie chez les patients atteints de cancer du sein métastatique, traités par chimiothérapie.

Le chercheur a étudié les effets de 1,8 g de DHA par jour, ajouté à une chimiothérapie à base d'anthracycline, chez 25 patients atteints de cancer du sein avec des métastases viscérales à progression rapide. Pour le groupe ayant le plus fort taux d'oméga 3 dans le sang, la survie globale moyenne a été presque doublée par rapport au groupe avec le taux le plus bas (34 mois contre 18 mois). Il faut noter que le pronostic des patients de l'étude était particulièrement pauvre.



omega3-cancer-sein


Les patients ont reçu trois capsules à chaque repas, en commençant avant le début de la chimiothérapie, puis pendant les 5 mois de chimiothérapie. L'équipe de Philippe Bougnoux n'a pas pu encore expliquer pourquoi certaines patientes, qui recevaient la même nombre de capsules d'oméga 3 que les autres, avaient des taux sanguins différents.

La chimiothérapie utilisée avait recours au mécanisme du stress oxydant, qui induit la mort des cellules cancereuses. Ce sont des dérivés de l'oxygène instables, avec un électron "célibataire" qui va réagir avec les membranes des cellules et les détruire.

Certaines cellules cancereuses, parmi les plus agressives, sont plus vulnérables à l'oxydation que les cellules saines, fort heureusement : c'est cette différence de la réaction qui fonde l'intérêt des médicaments anti-cancer. Il semble que cette différence de réaction peut être encore renforcée quand les cellules des membranes sont enrichies en DHA, l'un des acides gras les plus fragiles à l'oxydation. Dans cette étude, les patients devaient éviter toute prise d'anti-oxydants en plus des traitements.

L'efficacité de la chimiothérapie est généralement dépendante de la dose prescrite, qui elle-même est limitée par les effets secondaires. Toute approche qui permet d'améliorer l'efficacité de la chimiothérapie sans augmenter les doses est donc très utile, surtout si elle ne comporte pas d'effets négatifs en soi. Cette découverte est donc importante et devraient être suivie de nouvelles recheches et être discutée avec les patients.

De façon générale, les oméga-3 contribuent à réduire l’inflammation dans le corps en stimulant la production de certaines prostaglandines (de la série PGE3) au détriment des prostaglandines pro-inflammatoire (série PGE2) issues des acides gras oméga-6. C’est la raison pour laquelle le régime santé Anticancer recommande de toutes façons en prévention du cancer, pendant les traitements, ou en prévention des rechutes, de réduire toutes les sources d’oméga-6 dans l’alimentation (surtout les produits animaux comme la viande et les charcuteries d’origine industrielle, l’huile de mais, de tournesol ou de soja) et de privilégier toutes les sources d’oméga-3 comme le poisson gras (surtout les petits, comme les sardines à l’huile d’olive, ou le maquereau, mais aussi le saumon sauvage ou provenant d’élevages de bonne qualité), et les légumes verts, noix, et graines de lins broyées.


Il est sans doute encore trop tôt, sur la base de cette seule étude de petite taille, pour recommander la prise de capsules d’oméga-3 pendant la chimiothérapie. Toutefois, il me semble parfaitement raisonnable de prendre de l’huile de poisson sous forme de compléments alimentaires (en capsules ou à la cuiller) en prévention des rechutes une fois la chimiothérapie terminée. La dose généralement utilisée dans ce cas est de 1 à 2 g d’oméga-3 combinés (DHA et EPA et autres oméga-3, tels que indiqués sur la notice) par jour.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 18 Feb 2010 - 21:10

Io continuo ad aggiornarvi dal blog di David :
oggi si parla dell'importanza della vit d come fattore di prevenzione cancro ,osteoporosi e malattie circolatorie ,con tanto di rif.scientifici.

La vitamine D est essentielle pour la prévention du cancer, des maladies cardiaques et de l’ostéoporose
par David Servan-Schreiber Dernière modification 18/02/2010 13:11

* Vitamine D

Avec 40 scientifiques internationaux, j'ai voulu mobiliser mes confrères médecins sur la question de la vitamine D. Nous avons signé et diffusé à partir d'aujourd'hui un "Appel des Médecins et Spécialistes de la Vitamine D". Parce que 75% des Européens manquent de vitamine D. Les taux de vitamine D sont au plus bas en ce moment, à la sortie de l’hiver. Or, il s’agit d’une substance naturelle indispensable à de nombreuses fonctions biologiques vitales et utile dans la prévention du cancer.

Voici notre texte, un peu technique, mais nous avons également publié sur le site un dossier à l'intention du grand public.


Appel des Médecins et Spécialistes de la Vitamine D


La vitamine D est indispensable à la santé





Des données scientifiques substantielles existent désormais mettant en évidence le rôle de la vitamine D dans la prévention du cancer. De multiples études ont établi de façon raisonnable qu’un taux suffisant de vitamine D est associé, indépendamment des autres facteurs de santé, avec une incidence plus faible de plusieurs types de cancers, dont, entre autres, les cancers du sein, du colon, des ovaires, des lymphomes non-hodgkiniens.

Les études scientifiques montrent que le statut vitaminique pour la vitamine D (indexé par le niveau sanguin de 25-hydroxyvitamine D) de la plupart des personnes en Amérique du Nord et en Europe doit être grandement amélioré pour obtenir une réduction substantielle de l’incidence et de la mortalité par cancer. En plus du cancer, plusieurs études épidémiologiques ont montré qu’un statut vitaminique D plus élevé est aussi associé à un risque réduit de plusieurs autres maladies chroniques graves, telles que les maladies cardiaques et accidents cérébro-vasculaires, l’ostéoporose, la sclérose en plaque, et le diabète du type 1 chez l’enfant. Plusieurs études ont aussi observé qu’un statut vitaminique D plus élevé est associé à une incidence plus basse et une sévérité moins grande de la grippe, de la pneumonie et de plusieurs autres maladies infectieuses.


La plus grande partie de la population est déficitaire en vitamine D


Plusieurs études récentes ont montré qu’un taux optimal de 25-hydroxyvitamine D devrait se situer entre 75 et 150 nmol/L (30 et 60 ng/mL). On estime qu’aux Etats-Unis près de 80% des personnes – de tout âge – on un statut vitaminique D insuffisant (indexé par un taux de 25-hydroxyvitamine D dans le sang de moins de 75 nmol/L ou 30 ng/mL). En France, l’étude SU.VI.MAX a démontré que plus de 70% des adultes – hommes et femmes – ont un statut insuffisant. S’agissant des femmes ménopausées, une grande étude européenne estime que 79,6% ont un statut insuffisant sur l’ensemble des pays européens. Ce nombre s’élève à 90,4% en France.

Un statut vitaminique plus élevé peut être obtenu en augmentant les apports nutritionnels de vitamine D, ou par une exposition appropriée au soleil (sans augmentation significative du risque de cancer de la peau). L’apport adéquat de vitamine D pour une réduction du risque de cancer dépend pour chaque individu de son âge, de la pigmentation de sa peau (claire ou foncée), de son mode de vie et de la latitude de sa région de résidence. Les études scientifiques récentes indiquent qu’un apport de 1.000 à 2.000 unités internationales (UI) par jour pourrait prévenir une proportion substantielle de cancers et serait aussi efficace pour réduire le risque de chutes, de fractures, de maladies cardiaques, d’accidents vasculaires cérébraux, de sclérose en plaque et de diabète de type I dans l’enfance.

Un apport plus important encore pourrait être nécessaire pour les personnes âgées et celles qui sont rarement à l’extérieur, celles qui évitent l’exposition au soleil, ou celles dont la pigmentation de la peau est foncée et qui vivent dans des pays du Nord, à cause de la diminution de la synthèse cutanée de vitamine D par exposition au soleil. Le choix d’une dose plus importante peut être fait par un médecin sur la base du taux sérique de 25-hydroxyvitamine D mesuré en hiver.

Pour ceux dont le statut vitaminique est évalué par un test sanguin, le niveau idéal de 25-hydroxyvitamine D doit être établi en consultation avec un professionnel médical, sur la base des caractéristiques de chaque individu. Une recommandation générale pour les professionnels de santé qui choisissent d’évaluer le statut vitaminique de leurs patients par une prise de sang est de prendre comme objectif la fenêtre allant de 75 à 150 nmol/L (30 à 60 ng/ml), en dehors de contrindications spécifiques. Les contrindications sont rares et le plus souvent connues des médecins. Aucune intervention médicale n’est totalement exempte de risque, et celle-ci n’est pas une exception.
Les patients devraient être informés dans le détail des risques qui leur sont spécifiques.

A ce jour, la Société Canadienne du Cancer recommande un dosage spécifique pour la supplémentation en vitamine D : 1.000 UI par jour pendant l’automne et l’hiver pour tous les Canadiens, et 1.000 UI par jour toute l’année pour les adultes à plus haut risque de déficit en vitamine D (c.à.d, les personnes âgées, ceux qui ne sont pas à l’extérieur souvent, ou ceux dont la peau est de pigmentation foncée).



Nos recommandations


Un soutien beaucoup plus important à la recherche scientifique sur le rôle de la vitamine D dans la prévention du cancer et d’autres maladies graves est nécessaire. Toutefois, sur la base des faits déjà établis, nous recommandons que :


• Pour la plupart des personnes souffrant d’un cancer, d’une maladie cardiovasculaire, d’ostéoporose, d’une insuffisance rénale chronique, ou d’une autre maladie associée au déficit en vitamine D, pour les personnes au dessus de 60 ans, et pour les personnes dont la pigmentation de la peau est foncée, qu’un test sanguin de 25-hydroxyvitamine D soit obtenu sous l’égide de leur médecin. Sur la base de ce test, nous recommandons une supplémentation nutritionnelle adaptée ou une exposition modérée au soleil qui permette de maintenir un niveau sanguin toute l’année entre 75 et 150 nmol/L (30 et 60 ng/ml).

• Pour la population dans son ensemble, que soit initiée de façon urgente une réflexion de santé publique menée par les autorités de santé de chaque pays sur l’importance de subvenir aux besoins en vitamine D avec une supplémentation nutritionnelle de 1.000 à 2.000 UI par jour, particulièrement pendant les mois d’automne et d’hiver.



Les 40 Signataires



- David Servan-Schreiber, MD, PhD – Clinical Professor of Psychiatry, University of Pittsburgh, USA
- Annie J. Sasco, MD, DrPH, Team Leader, Epidemiology for Cancer Prevention, Inserm and Université Victor Segalen, Bordeaux, France
- Jean-Claude Souberbielle, PhD - Hopital Necker-Enfants malades et Université Paris Descartes, France
- Barbara Boucher, MD, Queen Mary University of London, Blizard Institute of Cell and Molecular Science, London, U.K.
- Carlos A. Camargo Jr, MD, DrPH, Associate professor in the department of Epidemiology, Massachusetts General Hospital, Harvard Medical School, Boston, USA
- Pr. Vincent Castronovo, M.D., Ph.D, Breast Cancer Oncologist, Chairman, Department of Biology, Faculty of Medicine, Director, Metastasis Research Laboratory, Head of GIGA-Cancer, University of Liege, Belgium
- Etienne Cavalier, PhD, Service de Chimie Médicale, CHU Sart Tilman, Liège, Belgique
- Laurent Chevallier, MD, Praticien Attaché au CHU de Montpellier. Enseignement de nutrition à l'Université. Président de la Commission Alimentation du Réseau Environnement Santé
- Catherine Cormier, MD, Service de rhumatologie, Hôpital Cochin , Paris, France
- Heidi Cross, MD, Professor, retired from the Department of Pathophysiology, University of Medicine, Vienna, Austria
- Pr. Harald Dobnig, MD,
Klinische Abteilung für Endokrinologie und Nuklearmedizin, Univ.-Klinik für Innere Medizin,Medizinische Universität, Graz, Austria
- Pr. Patrice Fardellone, chef de service de Rhumatologie, CHU d'Amiens, France
- Pr. François Feron, Neurobiologie des Interactions Cellulaires et Neurophysiopathologie, CNRS UMR 6184, Faculté de Médecine Nord, Université Aix Marseille
- Pr Gérard Friedlander, Chef de service des Explorations Fonctionnelles hôpital Européen Georges Pompidou et hôpital Necker-Enfants malades, Paris.et centre de recherche "croissance et développement", directeur de l'unité Inserm 845 (homéostasie du phosphate), France
- Stephen Genuis, MD, Clinical Associate Professor in the Faculty of Medicine at the University of Alberta, Canada
- Edward Giovannucci, MD, PhD, Professor of Nutrition and Epidemiology, Harvard Medical School, Boston, USA
- Adrian F. Gombart, PhD, Associate Professor, Department of Biochemistry and Biophysics, Oregon State University, USA
- Edward D. Gorham, MPH, PhD, Associate Professor, Moores Cancer Center and Dept of Family and Preventive Medicine, University of California, San Diego, USA
- William B. Grant, PhD - Sunlight, Nutrition and Health Research Center (SUNARC)
- Pierre S. Haddad, Ph.D. Professeur titulaire, Département de pharmacologie, Faculté de médecine, Université de Montréal, Canada
- Robert P. Heaney, MD, John A. Creighton University Professor & Professor of Medicine, Creighton University Medical Center, Omaha, USA
- Martin Hewison, PhD, Professor of Orthopedic Surgery, University of California at Los Angeles, USA
- Michael F. Holick, MD, PhD - Professor of medicine, physiology and biophysics, Boston University School of Medicine, USA
- Bruce W. Hollis, MD, Professor of Pediatrics, and Biochemsistry and Molecular Biology, Director of Pediatric Nutritional Sciences, Medical University of South Carolina
- Christian Jamin MD, spécialiste en médecine interne endorcinologie de la reproduction et cancer du sein, president de l’Association Française pour l'Après Cancer du Sein (AFACS), Paris, France
- Guillaume Jean, MD, Centre de Rein Artificiel, Service de Néphrologie Hémodialyse, Tassin, France.
- Joan M. Lappe, PhD, 
Professor of Medicine,
Creighton University, Omaha, USA
- Pr Jean-Michel Lecerf, Service de Nutrition Institut Pasteur et Centre Hospitalier Universitaire de Lille, France
- Marie France Le Goaziou, MD, Coordonnatrice du DES de médecine générale, Université Claude Bernard LYON1, France
- Pr Ziad Massy, Division de Pharmacologie et Nephrologie, Université de Picardie – Jules Vernes, INSERM ERI-12 et Centre Hospitalier Universitaire d’Amiens, France
- Jean-Loup Mouysset, MD, Medical Oncologist, Polyclinique Rambot-Provençale, Aix-en-Provence, Président de l’association Ressource
- Pr. Charles Pierrot-Deseilligny Service de Neurologie, hôpital de la Salpêtrière, Assistance Publique Hôpitaux de Paris, France
- Stefan Pilz, MD Department of Internal Medicine, Division of Endocrinology and Nuclear Medicine, Medical University of Graz, Austria
- Gregory A. Plotnikoff, MD, Medical Director, Center for Integrative Medicine, Abbott Northwestern Hospital, Minneapolis, MN
- Pr. Dominique Prié, service d'Explorations Fonctionnelles Hôpital Necker-Enfants malades Faculté de médecine Necker, Université Paris-Descartes, France
- Simone Saez, MD, Dr Human Biology, ex Chef de Service, Centre de lutte contre le Cancer, Lyon, France
- Vin Tangpricha MD, PhD, Associate Professor of Medicine, Emory University, Atlanta, GA
- Jean-Paul Viard, MD, PhD, Praticien Hospitalier, Centre de Diagnostic et de Thérapeutique Unité fonctionnelle de Thérapeutique en Immuno-infectiologie (T2i), Hôtel-Dieu, Paris, France
- Susan J. Whiting, PhD, Professor of Nutrition, College of Pharmacy and Nutrition, University of Saskatchewan, Canada
- Armin Zittermann, MD, Department of Cardio-thoracic Surgery, Heart Center North Rhine-Westfalia, Rhur University Bochum, Germany





Réponses à quelques questions fréquentes

• Le déficit en vitamine D est il une cause de maladie ou simplement un symptôme ?
Les études de population ont démontré de façon répétée qu’un statut vitaminique D trop bas est associé avec un risque accru de plusieurs maladies graves. Mais cela est il dû au fait qu’un statut trop bas contribue à la maladie ou serait il possible que ces maladies abaissent le statut vitaminique ? Cette dernière hypothèse est peu probable parce que plusieurs études ayant fait la preuve de cette association ont mesuré le statut vitaminique bien avant l’apparition d’un cancer ou d’une autre maladie grave. De plus, plusieurs études d’intervention ont établi qu’augmenter le statut vitaminique D à travers l’exposition délibérée aux rayons ultra-violets de type B ou avec des suppléments nutritionnels de vitamine D améliore la santé ou réduit le risque d’apparition de plusieurs maladies. Cet effet d’amélioration à été décrit pour les chutes, les fractures non-vertébrales de la personne âgée, l’hypertension artérielle, et, dans une étude pour chaque pathologie, pour le cancer (plusieurs types différents) chez les femmes ménopausées, ou la grippe chez des femmes avec une pigmentation foncée de la peau.

• Le fait de s’exposer au soleil sans protection n’augmente t il pas le risque de cancer de la peau ?
L’exposition solaire sans protection pendant des périodes prolongées est associée à un risque accru de cancers de la peau. Principalement les cancers de type non-mélanome, qui sont facilement traitables quand ils sont détectés tôt. A l’âge adulte, la quantité d’exposition solaire nécessaire à la synthèse de la vitamine D (moins de 20 minutes par jour) n’est pas associée à une augmentation significative de cancer de la peau et spécifiquement pas au risque de mélanome. Par contre, il reste important d’éviter les coups de soleil, particulièrement chez les enfants.

• Qu’en est il des études qui ne montrent pas de bénéfice de la supplémentation en vitamine D pour réduire le risque de cancer ?
La grande étude Women’s Health Study n’a pas montré de réduction du risque de cancer avec un apport quotidien de vitamine D. Toutefois, la dose utilisée dans cette étude était de 400 UI, presque un tiers de la dose qui a amené à une réduction significative des cancers dans une étude plus récente (1.100 UI par jour).

• Qu’en est il du risque d’intoxication à la vitamine D ?
A ce jour, il est encore fréquent que les manuels de médecine mentionnent un risque de toxicité par la vitamine D. Toutefois, la littérature scientifique suggère que ce risque n’existe que pour des doses absorbées très importantes et prises sur des périodes de temps très longues (plus de 10.000 UI par jour pendant plus de six mois). En dehors des personnes souffrant de granulomatose (comme la sarcoïdose ou la tuberculose), le risque est faible (voire inexistant) avec une supplémentationn de 1.000 à 2.000 UI par jour.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 18 Feb 2010 - 23:05

La vitamina D è essenziale per la prevenzione del cancro, malattie cardiache e l'osteoporosi
di David Servan-Schreiber Ultima modifica 18/02/2010 13:11

* La vitamina D

Con 40 scienziati internazionali, volevo alzare la mia colleghi medici in merito alla questione di vitamina D. Abbiamo firmato e rilasciato in data odierna un "Appello dei medici e specialisti della vitamina D". In quanto il 75% degli europei la mancanza di vitamina D. I livelli di vitamina D sono più bassi in questo momento, fuori l'inverno. Tuttavia, è una sostanza naturale essenziale per molte funzioni biologiche vitali e utili nella prevenzione del cancro.

Ecco il nostro testo, un po 'tecnico, ma abbiamo anche pubblicato sulla cartella del sito al pubblico in generale.


Call of Physicians e specialisti della vitamina D


La vitamina D è essenziale per la salute





Sostanziale dei dati scientifici esistenti oggi sottolineando il ruolo della vitamina D nella prevenzione del cancro. Molteplici studi hanno stabilito che un ragionevole tasso sufficiente di vitamina D è associata in modo indipendente di altri problemi di salute, con una minore incidenza di diversi tipi di cancro, compresi, tra gli altri, mammella, colon, ovaie, linfoma non-Hodgkin.

Studi scientifici dimostrano che lo stato di vitamina per la vitamina D (indicizzati da livelli ematici di 25-idrossivitamina D) della maggior parte delle persone in Nord America e l'Europa dovrebbe essere notevolmente migliorato per ottenere una sostanziale riduzione l'incidenza e la la mortalità da cancro. Oltre al cancro, numerosi studi epidemiologici hanno dimostrato che la vitamina D è più alto anche associato con un rischio ridotto di alcune gravi malattie croniche come le malattie cardiache e ictus, l'osteoporosi, più piatto, e diabete di tipo 1 nei bambini. Diversi studi hanno anche osservato uno status più elevato di vitamina D è associata ad una minore incidenza e gravità di meno l'influenza, polmonite e diverse altre malattie infettive.


Gran parte della popolazione è carente di vitamina D


Numerosi studi recenti hanno dimostrato che un livello ottimale di 25-idrossivitamina D dovrebbe essere compreso tra 75 e 150 nmol / L (30 e 60 ng / mL). Si stima gli Stati Uniti circa il 80% delle persone - di qualunque età - è uno stato di insufficienza di vitamina D (indicizzato da una percentuale di 25-idrossivitamina D nel sangue inferiore a 75 nmol / L o 30 ng / mL ). In Francia, SU.VI.MAX ha mostrato che oltre il 70% degli adulti - uomini e donne - sono stato abbastanza. Le donne in post-menopausa, un ampio studio europeo stima che il 79,6% è stato insufficiente in tutti i paesi europei. Questo numero sale al 90,4% in Francia.

Uno status più elevato di vitamina può essere ottenuta aumentando l'assunzione di vitamina D, o una esposizione appropriata alla luce solare (senza aumentare significativamente il rischio di cancro della pelle). L'adeguato apporto di vitamina D per ridurre il rischio di cancro dipende dall'età di ciascun individuo, la pigmentazione della pelle (chiara o scura), il suo stile di vita e la latitudine della sua regione d'origine. Recenti studi scientifici indicano che l'assunzione di 1.000 a 2.000 unità internazionali (UI) al giorno potrebbero impedire una parte sostanziale dei tumori ed è anche efficace nel ridurre il rischio di cadute, fratture, malattie cardiache, ictus , la sclerosi multipla e il diabete di tipo I in età pediatrica.

Un contributo più importante può essere necessario per gli anziani e coloro che sono raramente all'aperto, chi evitare l'esposizione al sole, o quelli la cui pigmentazione della pelle è scuro e vivono in paesi del nord, a causa della pelle diminuita sintesi di vitamina D da esposizione al sole. La scelta di una dose più elevata può essere fatta da un medico sulla base di siero di 25-idrossivitamina D misurati in inverno.

Per coloro il cui stato di vitamina E è stata valutata da un esame del sangue, il livello ideale di 25-idrossivitamina D dovrebbe essere preparata in consultazione con un medico, sulla base delle caratteristiche di ciascun individuo. Una raccomandazione generale per gli operatori sanitari che hanno scelto di valutare lo stato di vitamina dei pazienti da un esame del sangue è considerato come la finestra di destinazione che vanno dal 75-150 nmol / L (da 30 a 60 ng / ml), al di fuori di contrindications specifici. Il contrindications sono rare e di solito conosciute dai medici. Nessun intervento medico è del tutto priva di rischi, e questo non fa eccezione.
I pazienti devono essere informati in dettaglio i rischi specifici a loro.

Fino ad oggi, la Canadian Cancer Society raccomanda un test specifico per la supplementazione di vitamina D: 1.000 UI al giorno durante l'autunno e l'inverno per tutti i canadesi, e 1.000 UI al giorno tutto l'anno per gli adulti più alto rischio di carenza di vitamina D (cioè maggio, gli anziani, coloro che non sono spesso al di fuori, o quelli la cui pigmentazione della pelle è scuro).
I nostri consigli


Un supporto molto maggiore per la ricerca scientifica sul ruolo della vitamina D nella prevenzione del cancro e altre malattie gravi è necessario. Tuttavia, sulla base di fatti già stabiliti, si consiglia di:


• Per la maggior parte delle persone che soffrono di cancro, malattie cardiovascolari, l'osteoporosi, insufficienza renale cronica, o un'altra malattia associata alla carenza di vitamina D per le persone oltre i 60 anni e per quelli la cui pigmentazione della pelle è più scuro, un esame del sangue di 25-idrossivitamina D è ottenuta sotto la guida del loro medico. Sulla base di questo test, si consiglia di adeguati integratori nutrizionali o l'esposizione moderata al sole che mantenere un livello di sangue durante tutto l'anno tra i 75 e 150 nmol / L (30 e 60 ng / ml).

• Per la popolazione nel suo complesso, che è iniziato in maniera urgente una riflessione degli sforzi di salute pubblica da parte delle autorità sanitarie di ogni paese l'importanza di sostenere la supplementazione di vitamina D alimentare con 1.000 a 2.000 UI al giorno soprattutto durante i mesi dell'autunno e dell'inverno.



I 40 firmatari



- David Servan-Schreiber, MD, PhD - Professore di Psichiatria Clinica, Università di Pittsburgh, USA
- Annie J. Sasco, MD, DrPH, Team Leader, Epidemiologia per la prevenzione del cancro, INSERM e Université Victor Segalen, Bordeaux, Francia
- Jean-Claude Souberbielle, PhD - Hopital Necker-Enfants Malades di Parigi e l'Università Descartes, Francia
- Barbara Boucher, MD, Queen Mary University of London, Blizard Institute of Cell and Molecular Science, London, UK
- Carlos A. Camargo Jr., MD, DrPH, Professore Associato presso il Dipartimento di Epidemiologia, Massachusetts General Hospital, Harvard Medical School, Boston, USA
- Prof. Vincent Castronovo, MD, Ph.D., Breast Cancer oncologo, presidente, Dipartimento di Biologia, Facoltà di Medicina, Direttore, Metastasis Research Laboratory, capo della GIGA-Cancro, Università di Liegi, Belgio
- Stephen Cavalier, PhD, Department of Medical Chemistry, University Hospital Sart Tilman, Liegi, Belgio
- Laurent Chevallier, MD, Associate Practitioner presso l'Ospedale Universitario di Montpellier. L'educazione nutrizionale presso l'Università. Presidente della Commissione della Salute Food Network Ambiente
- Catherine Cormier, MD, Dipartimento di Reumatologia, Ospedale Cochin, Parigi, Francia
- Heidi Cross, MD, professore, in pensione dal Dipartimento di Fisiopatologia, Università di Medicina, Vienna, Austria
- Prof. Harald Dobnig, MD, 
 Klinische Abteilung für Endokrinologie und Nuklearmedizin, Univ.-Klinik für Innere Medizin, Medizinische Universität, Graz, Austria
- Patrice Fardellone Professore, Capo Dipartimento di Reumatologia, CHU Amiens, Francia
- Prof. Francois Feron, Neurobiologia di Neurofisiopatologia e le interazioni cellulari, UMR CNRS 6184, Faculté de Médecine Nord, Université Aix Marseille
- Professor Gérard Friedlander, Manager di Functional Explorations Ospedale europeo Georges Pompidou e Hôpital Necker-Enfants Malades, centro di ricerca Paris.et "Crescita e Sviluppo, Direttore della Unità Inserm 845 (omeostasi fosfato), Francia
- Stephen Genuis, MD, Professore associato presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia presso l'Università di Alberta, Canada
- Edward Giovannucci, MD, PhD, Professore di Nutrizione ed Epidemiologia, Harvard Medical School, Boston, USA
- Adrian F. Gombart, PhD, Professore associato, Dipartimento di Biochimica e Biofisica, Oregon State University, USA
- Edward D. Gorham, MPH, PhD, Professore Associato, Moores Cancer Center e del Dipartimento Famiglia e Medicina Preventiva, Università di California, San Diego, USA
- William B. Grant, PhD - Luce del sole, nutrizione e salute Research Center (SUNARC)
- Peter S. Haddad, Ph.D. Professore, Dipartimento di Farmacologia, Facoltà di Medicina, Università di Montreal, Canada
- Robert P. Heaney, MD, John A. Creighton University e Professore Ordinario di Medicina, Creighton University Medical Center, Omaha, USA
- Martin Hewison, PhD, Professor of Orthopaedic Surgery, University of California a Los Angeles, USA
- Michael F. Holick, MD, PhD - Professore di medicina, fisiologia e biofisica, Boston University School of Medicine, USA
- Bruce W. Hollis, MD, Professore di Pediatria e Biochemsistry e Biologia Molecolare, direttore di Scienze della Nutrizione Pediatrica, Medical University of South Carolina
- Christian Jamin MD, specialista in riproduzione endorcinologie Medicina Interna e cancro al seno, presidente della Associazione francese per l'After Breast Cancer (NWAC), Parigi, Francia
- William John, MD, Artificial Kidney Center, Dipartimento di Nefrologia Emodialisi, Tassin, Francia.
- Joan M. Lappe, PhD, Professor of Medicine 
, 
 Creighton University, Omaha, USA
- Prof. Jean-Michel Lecerf, Dipartimento di Nutrizione e l'Istituto Pasteur University Hospital di Lille, Francia
- Francia Marie Le Goaziou, MD, Coordinatore DES Medicina e Chirurgia, Università Claude Bernard Lyon 1, Francia
- Prof. Ziad Massy, Divisione di Nefrologia e Farmacologia, Università di Picardie - Jules Verne, INSERM ERI-12 e Center Hospitalier Universitaire Amiens, Francia
- Jean-Loup Mouysset, MD, medico oncologo, Policlinico Rambot-provenzale, Aix-en-Provence, Presidente dell'Associazione delle risorse
- Prof. Charles Pierrot-Deseilligny Dipartimento di Neurologia, Hôpital de la Salpêtrière, Assistance Publique Hôpitaux de Paris, Francia
- Stefan Pilz, MD Dipartimento di Medicina Interna, Divisione di Endocrinologia e Medicina Nucleare, Università Medica di Graz, Austria
- Gregory A. Plotnikoff, MD, Medical Director, Center for Integrative Medicine, Abbott Northwestern Hospital, Minneapolis, MN
- Professor Dominique Prie, Service d'Explorations Funzionale dell'Ospedale Necker-Enfants Malades Facoltà di Medicina Necker, Université Paris-Descartes, Francia
- Simone Saez, MD, Dr. Biologia Umana, ex capo del Servizio Centro per la lotta contro il cancro, Lione, Francia
- Vino Tangpricha MD, PhD, Associate Professor of Medicine, Emory University, Atlanta, GA
- Jean-Paul Viard, MD, PhD, Ospedale Medico, Centro per la Diagnostica e Terapeutica Unità Funzionale Therapeutics in Immuno-infezione (T2i), Hotel-Dieu, Parigi, Francia
- Susan J. Whiting, PhD, Professor of Nutrition, College of Pharmacy and Nutrition, University of Saskatchewan, Canada
- Armin Zittermann, MD, Dipartimento di Chirurgia Cardio-toracica, Cuore Centro Nord Reno-Westfalia, Ruhr-Universität Bochum, Germania





Risposte ad alcune domande frequenti

• La carenza di vitamina D è una causa di malattia o semplicemente un sintomo?
Gli studi sulla popolazione hanno ripetutamente dimostrato che la vitamina D troppo basso è associato ad un aumentato rischio di molte malattie gravi. Ma questo è dovuto al fatto che un basso status contribuisce alla malattia o è possibile che questi vitamina status inferiore malattia? Quest'ultima ipotesi è improbabile, perché numerosi studi hanno dimostrato l'associazione ha misurato lo stato di vitamina ben prima della comparsa del cancro o un'altra malattia grave. Inoltre, diversi studi di intervento hanno dimostrato che aumentare lo stato della vitamina D attraverso l'esposizione ai raggi ultravioletti deliberata di tipo B o con integratori nutrizionali della salute della vitamina D migliorato o riduzione del rischio di sviluppare diverse malattie. Questo effetto miglioramento è stato descritto per cadute, fratture non vertebrali nei soggetti anziani, l'ipertensione, e in uno studio per ciascuna malattia, il cancro (vari tipi) nelle donne in postmenopausa, o influenza nelle donne con pigmentazione scura della pelle.

• Essere esposti al sole senza protezione che non aumenti non il rischio di cancro della pelle?
L'esposizione al sole senza protezione per periodi prolungati è associato ad un aumentato rischio di cancro della pelle. Soprattutto i tumori non-melanoma, che sono facilmente curabili se identificato precocemente. In età adulta, la quantità di esposizione al sole necessari per sintetizzare la vitamina D (meno di 20 minuti al giorno) non è associato ad un significativo aumento del cancro della pelle e non specificamente a rischio di melanoma. Dal cons, è importante per evitare scottature, in particolare nei bambini.

• What about studi che mostrano alcun beneficio di vitamina D per ridurre il rischio di cancro?
Il grande Women's Health Study ha mostrato alcuna riduzione del rischio di cancro con l'assunzione giornaliera di vitamina D. Tuttavia, la dose utilizzata in questo studio è stato di 400 UI, quasi un terzo della dose che ha portato ad una significativa riduzione dei casi di cancro in uno studio più recente (1100 UI al giorno).

• E il rischio di intossicazione da vitamina D?
Fino ad oggi, è ancora comune per testi di medicina parlare di un rischio di tossicità con la vitamina D. Tuttavia, la letteratura suggerisce che questo rischio esiste solo per dosi molto elevate assorbito e preso per periodi di tempo molto lungo (più di 10.000 UI al giorno per più di sei mesi). Al di fuori di quelli affetti da granulomatosa (come sarcoidosi o tubercolosi), il rischio è basso (o no) con un supplémentationn 1.000 a 2.000 UI al giorno.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 19 Feb 2010 - 16:20

The Story of Dr. David Servan-Schreiber:

At age 31, Dr. Servan-Schreiber was an ambitious physician and neuroscience researcher who reveled in discovery and glittering science projects. He was a founding member of the U.S. branch of Doctors Without Borders and a rising star in neuropsychiatry. When a volunteer for a brain scan experiment failed to show up, he slid into the scanner himself and discovered a tumor in his brain. Further tests revealed that he had brain cancer.

After conventional treatment, he asked his oncologist what he should change so that the cancer would not come back. His answer was perfectly stereotypical: "Go back to your usual way of life. It won't make much difference." So he continued living his life as he had before, eating a diet high in sugar and red meat, exercising little, and abandoning an earlier interest in meditation.

The cancer returned a few years later and he endured a second surgery, chemotherapy and radiotherapy. Dr. Servan-Schreiber then decided to use his medical and scientific training to explore and investigate how he could help his body to better prevent cancer. His discoveries led to the best selling book: Anticancer - A New Way of Life.

"Being a physician and scientist is no protection from getting cancer. But it allowed me to dig deeply into the medical and scientific literature in search of ways to live longer than the few years I was expected to survive."

"I spent months researching the healing powers of food before I fully grasped my own natural cancer-fighting potential. I met with a variety of researchers, scoured medical databases, and combed scientific publications. I traveled all over the world and consulted experts from nearly every continent."

"The first thing I learned is that we all carry cancer cells in us, even if only a few. But we also have natural defenses that usually prevent these cells from becoming an aggressive disease. These defenses include our immune system; the bodily functions that control inflammation; and foods that reduce the growth of blood vessels needed by tumors."
"In my quest, I discovered that the list of anticancer foods is actually quite long. Some foods block natural bodily processes such as inflammation that fuels cancer growth. Others force cancer cells to die through a process that specialists call apoptosis. Still other foods assist the body in detoxifying cancer-causing toxins or protecting against free radicals. But most of them attack the disease on a variety of fronts. And they do it every day, three times a day, without provoking any side effects. To avoid the disease, it's essential to take advantage of this natural protection, and nurture it."

Dr. Servan-Schreiber has happily been in remission for over 16 years and currently resides in Pittsburgh and Paris.

traduzione

Spoiler:
La storia del dottor David Servan-Schreiber:

A 31 anni, il dottor Servan-Schreiber è stato un medico ambizioso e ricercatore neuroscienze che si dilettavano nella scoperta e scintillante progetti scientifici. Era un membro fondatore della filiale statunitense di Medici Senza Frontiere e di una stella nascente in neuropsichiatria. Quando un volontario per un cervello scansione esperimento fallito di presentarsi, fece scivolare nello scanner se stesso e ha scoperto un tumore al cervello. Ulteriori test hanno rivelato che aveva un tumore al cervello.

Dopo il trattamento convenzionale, ha chiesto al suo oncologo che cosa dovrebbe cambiare in modo che il cancro non sarebbe tornato. La sua risposta è stata perfettamente stereotipata: "Torna al tuo modo abituale di vita. Essa non farà molta differenza". Così ha continuato a vivere la sua vita come era prima, una dieta ad alto contenuto di zucchero e carne rossa, esercitando poco, e abbandonando un interesse in precedenza in meditazione.

Il cancro ha restituito pochi anni dopo e che ha subito un secondo intervento chirurgico, la chemioterapia e la radioterapia. Il dottor Servan-Schreiber ha quindi deciso di usare la sua formazione medica e scientifica per esplorare e indagare come avrebbe potuto aiutare il suo corpo per meglio prevenire il cancro. Le sue scoperte ha portato il libro più venduto: Anticancer - Un nuovo modo di vivere.

"Essere un medico e scienziato è alcuna protezione da ottenere il cancro. Ma mi ha permesso di scavare a fondo nella letteratura medica e scientifica in cerca di modi di vivere più di pochi anni ci si aspettava di sopravvivere".

"Ho passato mesi alla ricerca dei poteri di guarigione di cibo prima di tutto afferrato la mia lotta contro il cancro naturale potenziale. Ho incontrato con una varietà dei ricercatori, purgati database medici, pettinati e pubblicazioni scientifiche. Ho viaggiato in tutto il mondo e gli esperti consultati da quasi ogni continente ".

"La prima cosa che ho imparato è che tutti noi portiamo in noi le cellule tumorali, anche se solo a pochi. Ma abbiamo anche le difese naturali che di solito impedire che queste cellule di diventare una malattia aggressiva. Queste difese comprendono il nostro sistema immunitario, le funzioni corporee che infiammazione di controllo, e gli alimenti che riducono la crescita dei vasi sanguigni necessari per i tumori ".
"Nella mia ricerca, scoprii che l'elenco dei cibi anticancro in realtà è piuttosto lungo. Alcuni alimenti blocco del corpo processi naturali, quali l'infiammazione che alimenta la crescita del cancro. A. vigore le cellule tumorali a morire attraverso un processo che gli specialisti chiamano apoptosi. Cibi ancora altri assistono il corpo in disintossicante tossine che causano il cancro o la protezione contro i radicali liberi. Ma la maggior parte di loro attacco della malattia su diversi fronti. E lo fanno ogni giorno, tre volte al giorno, senza provocare alcun effetto collaterale. Per evitare la malattia, è essenziale per usufruire di questa protezione naturale, e alimentarla ".

Il dottor Servan-Schreiber è felicemente in remissione per oltre 16 anni e attualmente risiede a Pittsburgh e Parigi.

Traduzione google


Ultima modifica di XENA il Ven 26 Nov 2010 - 23:37, modificato 1 volta

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum