David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Lun 22 Feb 2010 - 19:50



David Servan-Schreiber, M.D., Ph.D. is the author of Anticancer: A New Way Of Life

My Story

At age 31, my life took a sudden turn. I was an ambitious physician and neuroscience researcher who reveled in discovery and glittering science projects. Then, slipping into a brain scanner one evening in place of a subject who hadn't shown up, I was suddenly stripped of my white-coat status and thrown into the gray world of patients: That evening, I discovered that I had brain cancer.

Being a physician and scientist is no protection from getting cancer. But it allowed me to dig deeply into the medical and scientific literature to find out everything I could do to help my body resist the disease most efficiently and try to beat the median survival of a few years.

The first thing I learned is that we all carry cancer cells in us. But I also learned we all have natural defenses that generally prevent these cells from turning into an aggressive disease. These include our immune system, the part of our biology that controls and reduces inflammation, and the foods that reduce the growth of new blood vessels needed by developing tumors.

In the West, one out of three people will develop cancer. But two-thirds will not. For these people, their natural defenses will have kept cancer at bay. I understood it would be essential for me to learn how to strengthen these defenses.

A Cancer Epidemic

My own disease is just one case in a cancer epidemic plaguing western societies. Cancer rates have been climbing steadily in the US since 1940. This is not due simply to the increase use of screening tests or the aging of our population: cancer has been rising in children and adolescents at a rate of 1 to 1.5 percent per year in the past 25 years. [1] And cancers that have no screening test (lymphomas, pancreatic and testicular cancers for example) have been increasing as fast or faster than those that do (breast, colon, prostate). [2]

Asian countries did not experience this rise until recently. [3] Yet, Asian immigrants in the US have the same rates of western cancers as Caucasian Americans after one or two generations [4 , 5]

Not a Genetic Lottery

Thus, cancer is not a genetic lottery. A new model has emerged from the last 10 years of research. It moves away from genetics and squarely into life-style factors that we can learn to control.

A New England Journal of Medicine study conducted by the University of Copenhagen showed that people who were adopted at birth had the cancer risk of their adoptive parents rather than that of the parents who gave them their genes [6]. At most, genetic factors contribute 15 percent to our cancer risk. What matters for 85 percent of cancers is what we do -- or do not do enough of -- with our life [3].

Life-style Choices Trump Genes

Indeed, a new Cambridge University study has shown that people who follow simple healthy life-style rules reduce their chances of dying from cardiovascular disease or cancer by roughly a factor of four. [7]

At Ohio State University, another team followed women with breast cancer (stage II) who all had surgery and conventional treatment. Some did not do any more than that, but others participated in an education group focused on better nutrition, more physical activity, and simple relaxations methods such as "progressive muscle relaxation", similar to yoga. Those who learned to change their life-style were 68 percent less likely to die from their cancer in the next 11 years. [8]

Other recent studies -- from the University of San Francisco -- found that such simple life-style changes in men with prostate cancer, completely change the way genes behave, including the genes of cancer cells. This research shows that life-style choices play on our genes like a pianist's fingers play on a keyboard ... transforming the body's ability to resist cancer growth. [9-11]

And in 2009 a stunning reversal of groupthink on the role of genes in breast cancer: Women with the ominous BRCA-1 or 2 genes (80 percent chance of developing breast cancer), reduce their risk by 73 percent if they eat a good variety of vegetables and fruits, showed University of Montreal researchers. [12] Are these really "breast cancer genes" then, as they've been touted to be all along? Or are they simply junk-food intolerance genes?

Changing the "Terrain"

When it comes to treating cancer, there is no alternative to conventional treatments: surgery, chemotherapy, radiotherapy, immunotherapy or, soon, molecular genetics.

However, these treatments target the tumor much like an army wages war: focusing on destroying the cancerous cells. They do not help prevent the disease if we don't have it, and, if we do, they do not help the body build up it's natural resistance to make the treatments work better.

For prevention or better disease management, it is important to change the environment --- the "terrain" -- that supports the growth of new cancer cells, even if treatment pounds them with targeted attacks.

Modern research suggests that cancer cells grow much faster under three circumstances:

1. When our immune system is weakened and less capable of detecting and destroying budding tumors.

2. When low-grade chronic inflammation in our body supports the multiplication of cells and the invasion of neighboring tissue.

3. When tumors are allowed to develop new blood vessels to expand to a larger size, much like a city expands when allowed to develop new roadways.

When we strengthen our immune system, reduce inflammation and reduce the growth of new blood vessel, we help create an anticancer "terrain".

Anticancer Choices

For better prevention, or better treatment results, nothing can beat the combination of conventional medicine (early screenings, or chemotherapy, surgery, radiotherapy, etc.) with an anticancer way of life: A way of living through which we begin to nourish every aspect of health within our bodies:

1. Cleaning up our diet: reducing sugar -- which feeds cancer growth and inflammation. Refined sugar is abundant in desserts, soft drinks (one can of Coke contains 12 coffee-size packs of sugar...), sauces (Ketchup, ready-made salad dressing, etc.), white flour which is equivalent to sugar as far as the body is concerned (white bread, bagels, muffins, etc.), and reducing pro-inflammatory omega-6 fatty acids (red meats, dairy, corn, sunflower, soybean and safflower oils, and trans-fats).

2. Adding anti-cancer foods: including in our diet every day, three times a day, foods that help fight cancer. Such as anticancer herbs and spices (green tea, turmeric, ginger , thyme, rosemary, mint, basil, sage), omega-3 rich foods (salmon, sardines, mackerel, walnuts, green vegetables), cruciferous vegetables (broccoli, cauliflower, cabbage), garlic, onions and leeks, red berries, plums, blueberries for dessert, dark chocolate (more than 70 percent cocoa), and even a little bit of red wine.

3. Engaging in physical activity: it doesn't have to be marathon training, not even jogging. Just rapid walking 30 minutes six times a week already dramatically reduces the chances of a relapse after breast cancer treatment or the risk of advanced prostate cancer. And physical activity has been found to help survival with many different types of cancer. [13]

4. Managing our response to stress: we can't avoid stress in our life, but we can learn to respond differently than with clenched teeth, stone-hard back muscles and pressure in our chest. Basic breathing techniques that have been around as part of oriental mental and physical hygiene techniques for thousands of years (Yoga, Chi Gong, mindfulness meditation) can transform our response to stress and strengthen our resistance to disease. And simply reaching out to one or two friends during hard times can even reduce the risk of dying from breast cancer by a factor of four. [14]

5. Cleaning up our immediate environment: in-door pollutants, parabens and phthalates in cosmetics, scratched Teflon pans, percholorethylene of dry-cleaning, PVCs and bisphenol A from liquids in contact with hard plastics, radiomagnetic fields of prolonged cell phone exposures are the leading and most easily controlled causes.

Conclusion

As a physician with cancer, I've discovered that we can all create an anticancer biology for ourselves through the choices we make in our lives. They cannot replace the benefits of surgery, chemotherapy or radiotherapy, and do not have the same support from aqs many large controlled trials to back them up. However, the life-style changes discussed above are demonstrated to improve health and new scientific evidence suggests they slow down cancer too.

Indeed, as strange as it may seem, I'm in better health and happier today than before I was ever ill. I feel more at peace, lighter, with more energy and drive and passion for life. A few years ago, my neuro-oncologist unwillingly reminded me of the odds against this happening when he told me "I don't if I should tell you this, but I'm always happy to see you at your follow-up visits, because you're one of the very rare patients I have who is doing well!"

Most people who start on this health journey notice a difference within a few weeks. Recent studies suggest that such life-style changes start improving mood and well-being after two to four months, and can have an impact on cancer statistics within a year or two of follow-up. (Andersen et al. 2004, 2008; Blake-Mortimer et al. 1999; Fawzy et al. 1990, 1993; Monti et al. 2006, Spiegel et al. 1989)
What I've learned in my own journey of 17 years with cancer is that the best way to go on living is to nourish life at all levels of my being: through my meals three times a day, through my walks in nature, through the meaning and purpose in my work, through the flow of love in my relationships, and through the protection of our environment. Science told me that this slows down cancer, but, perhaps even more importantly, it brings to my life, every day, a new light and a new purpose.

References

1. Steliarova-Foucher, E., et al., Geographical patterns and time trends of cancer incidence and survival among children and adolescents in Europe since the 1970s (the ACCIS project): an epidemiological study. The Lancet, 2004. 364(9451): p. 2097-2105.

2. Parkin, D., et al., Cancer Incidence in Five Continents, Volumes I to VIII., in IARC CancerBase No. 7. 2005, World Health Organization: Lyon, France.

3. Stewart, B.W. and P. Kleihues, eds. World Cancer Report. 2003, W.H.O IARC Press: Lyon, France.
4. Yatani, R., et al., Trends in frequency of latent prostate carcinoma in Japan from 1965-1979 to 1982-1986. Journal of the National Cancer Institute, 1988. 80(9): p. 683-7.

5. Sasco, A.J., [Migration and cancer]. Revue de Medecine Interne, 1989. 10(4): p. 341-8.

6. Sorensen, T.I.A., et al., Genetic and environmental influences on premature death in adult adoptees. New England Journal of Medicine, 1988. 318: p. 727-32.

7. Khaw, K.-T., et al., Combined Impact of Health Behaviours and Mortality in Men and Women: The EPIC-Norfolk Prospective Population Study. PLoS Medicine, 2008. 5(1): p. e12.

8. Andersen, B.L., et al., Psychologic Intervention Improves Survival for Breast Cancer Patients: A Randomized Clinical Trial. Cancer, 2008. 113: p. 3450-3458.

9. Ornish, D., et al., Increased telomerase activity and comprehensive lifestyle changes: a pilot study. The Lancet Oncology, 2008: p. doi:10.1016/S1470-2045(08)70234-1.

10. Ornish, D., et al., Changes in prostate gene expression in men undergoing an intensive nutrition and lifestyle intervention. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2008. 105: p. 8369-8374.

11. Ornish, D., et al., Intensive lifestyle changes may affect the progression of prostate cancer. Journal of Urology, 2005. 174(3): p. 1065-9; discussion 1069-70.

12. Ghadirian, P., et al., Breast cancer risk in relation to the joint effect of BRCA mutations and diet diversity. Breast Cancer Research & Treatment, 2009. 117: p. 417-422.

13. World_Cancer_Research_Fund, Food, Nutrition and the Prevention of Cancer: A Global Perspective, W.C.R.F.a.A.I.f.R.o. Cancer, Editor. 2007, World Cancer Research Fund and American Institute for Research on Cancer: London, UK.

14. Kroenke, C.H., et al., Social networks, social support, and survival after breast cancer diagnosis. Journal of Clinical Oncology, 2006. 24(7): p. 1105-11.
Books & More From David Servan-Schreiber, M.D., Ph.D.

Spoiler:
My Story

A 31 anni, la mia vita ha preso una svolta improvvisa. Mi è stato un medico ambizioso e ricercatore neuroscienze che si dilettavano nella scoperta e scintillante progetti scientifici. Poi, scivolando in uno scanner cerebrale, una sera al posto di un soggetto che non si era presentato, fui improvvisamente spogliato del mio status di pelo bianco e gettato nel mondo grigio dei pazienti: Quella sera, ho scoperto che avevo un tumore al cervello .

Essere un medico e scienziato è alcuna protezione da ottenere il cancro. Ma mi ha permesso di scavare a fondo nella letteratura medica e scientifica per scoprire tutto quello che potevo fare per aiutare il mio organismo a resistere la malattia nel modo più efficiente e di tentare di battere la sopravvivenza mediana di pochi anni.

La prima cosa che ho imparato è che tutti noi portiamo in noi le cellule tumorali. Ma ho anche imparato che tutti noi abbiamo le difese naturali che impediscono generalmente queste cellule di trasformarsi in una malattia aggressiva. Questi includono il nostro sistema immunitario, da parte della nostra biologia, che controlla e riduce l'infiammazione, e gli alimenti che riducono la crescita di nuovi vasi sanguigni necessari per lo sviluppo di tumori.

In Occidente, uno su tre persone che svilupperanno il cancro. Ma i due terzi non lo faranno. Per queste persone, le loro difese naturali avrà tenuto a bada il cancro. Ho capito che sarebbe fondamentale per me, per imparare a rafforzare le difese.

Una epidemia di tumori

La mia stessa malattia è solo un caso in una epidemia di tumori che affliggono le società occidentali. I tassi di cancro sono stati salire costantemente negli Stati Uniti dal 1940. Ciò non è dovuto semplicemente ad aumentare l'uso dei test di screening o l'invecchiamento della nostra popolazione: il cancro è in aumento in bambini e adolescenti ad un tasso di 1 a 1.5 per cento l'anno negli ultimi 25 anni. [1] e di tumori che non hanno alcun test di screening (linfomi, tumori del pancreas e dei testicoli, per esempio) sono aumentate più velocemente o più velocemente di quelli che lo fanno (mammella, colon, prostata). [2]

Paesi asiatici non ha esperienza di questo aumento fino a poco tempo. [3] Tuttavia, gli immigrati asiatici negli Stati Uniti hanno le stesse aliquote di tumori occidentali come gli americani del Caucaso, dopo una o due generazioni [4, 5]

Non è una lotteria genetica

Così, il cancro non è una lotteria genetica. Un modello nuovo è emerso dagli ultimi 10 anni di ricerca. Si allontana dalla genetica e in pieno nella vita fattori legati allo stile che si può imparare a controllare.

A New England Journal of Medicine studio condotto dall'Università di Copenhagen ha mostrato che le persone che sono state adottate al momento della nascita era il rischio di cancro dei loro genitori adottivi, piuttosto che quello dei genitori che hanno dato loro i geni [6]. Al massimo, i fattori genetici contribuiscono al nostro 15 per cento il rischio di cancro. Ciò che conta per il 85 per cento dei tumori è quello che facciamo - o non facciamo abbastanza - con la nostra vita [3].

Scelte di vita in stile Trump Geni

Infatti, un nuovo studio dell'Università di Cambridge ha dimostrato che le persone che hanno seguito le semplici regole di vita sano stile di ridurre le loro probabilità di morire a causa di malattie cardiovascolari o il cancro da circa un fattore di quattro. [7]

Alla Ohio State University, un altro team ha seguito le donne con cancro al seno (fase II), che avevano tutti un intervento chirurgico e un trattamento convenzionale. Alcuni non fare di più, ma gli altri hanno partecipato ad un gruppo di educazione incentrata su una migliore nutrizione, l'attività più fisica, e semplici metodi rilassamenti come "rilassamento muscolare progressivo", simile allo yoga. Quelli che ha imparato a cambiare il loro stile di vita è stato del 68 per cento in meno probabilità di morire per il loro cancro nei prossimi 11 anni. [8]

Altri studi recenti - presso l'Università di San Francisco - ha constatato che tale vita semplice cambiamenti di stile negli uomini con tumore alla prostata, cambiare completamente il modo geni si comportano, tra cui i geni delle cellule tumorali. Questa ricerca mostra che la vita le scelte stile di gioco su i nostri geni, come le dita di un pianista suonare su una tastiera ... trasformando la capacità del corpo a resistere la crescita del cancro. [9-11]

E nel 2009 un rovesciamento spettacolare groupthink sul ruolo dei geni nel cancro al seno: le donne con l'inquietante BRCA-1 o 2 geni (80 cento di probabilità di sviluppare il cancro al seno), ridurre il loro rischio del 73 per cento se si mangia una buona varietà di frutta e verdura, hanno dimostrato i ricercatori dell'Università di Montreal. [12] Sono questi in realtà "geni del cancro al seno", quindi, come hanno stata propagandata da tutte insieme? O sono semplicemente junk-geni intolleranze alimentari?

Cambiare il Terrain ""

Quando si tratta di curare il cancro, non vi è alternativa ai trattamenti convenzionali: chirurgia, chemioterapia, radioterapia, immunoterapia o, presto, la genetica molecolare.

Tuttavia, questi trattamenti target del tumore molto simile a una guerra dei salari esercito: ricerca incentrata sulle distruggere le cellule cancerose. Non aiutare a prevenire la malattia, se non abbiamo, e, se lo facciamo, non aiutano l'organismo a costruire è la resistenza naturale per rendere i trattamenti di lavorare meglio.

Per la prevenzione o di una migliore gestione della malattia, è importante per cambiare il contesto --- il terreno "- che sostiene la crescita di nuove cellule tumorali, anche se libra trattamento con attacchi mirati.

La ricerca moderna suggerisce che le cellule tumorali crescono molto più rapidamente in tre circostanze:

1. Quando il nostro sistema immunitario è indebolito e meno in grado di individuare e distruggere i tumori in erba.

2. Quando l'infiammazione di basso grado cronica nel nostro corpo di sostenere la moltiplicazione delle cellule e l'invasione dei tessuti vicini.

3. Quando la malattia è permesso di sviluppare nuovi vasi sanguigni per espandere a una dimensione più ampia, molto simile a una città si espande, quando ha permesso di sviluppare nuove strade.

Quando abbiamo rafforzare il nostro sistema immunitario, ridurre l'infiammazione e ridurre la crescita di nuovi vasi sanguigni, che contribuiscono a creare una antitumorale "terreno".

Antitumorali Choices

Per una migliore prevenzione, o risultati di un trattamento migliore, niente può battere la combinazione della medicina convenzionale (screening precoce, o la chemioterapia, chirurgia, radioterapia, ecc) con un metodo anticancro della vita: un modo di vivere attraverso i quali si comincia a nutrire ogni aspetto della salute all'interno del nostro corpo:

1. Ripulire la nostra dieta: ridurre lo zucchero - che alimenta la crescita del cancro e l'infiammazione. Lo zucchero raffinato è abbondante nella preparazione di dolci, bevande analcoliche (una lattina di Coca-Cola contiene 12 confezioni di caffè dimensioni di zucchero ...), salse (ketchup, ready-made condimenti per insalata, ecc), farina bianca, che è equivalente allo zucchero per quanto come il corpo è interessato (pane bianco, bagel, muffin, ecc), e la riduzione pro-infiammatorie omega-6 acidi grassi (carni rosse, latte, mais, girasole, soia e olio di cartamo, e trans-grassi).

2. L'aggiunta di una dieta anti-cancro: anche nella nostra dieta ogni giorno, tre volte al giorno, i cibi che aiutano a combattere il cancro. Come antitumorali erbe e spezie (tè verde, curcuma, zenzero, timo, rosmarino, menta, basilico, salvia), omega-3 cibi ricchi (salmone, sardine, sgombri, noci, verdure a foglia verde), verdure crocifere (broccoli, cavolfiori, cavolo), aglio, cipolle e porri, frutti rossi, prugne, mirtilli per il dessert, cioccolato fondente (oltre il 70 per cento di cacao), e anche un po 'di vino rosso.

3. Porre in atto un'attività fisica: essa non deve essere allenamento per la maratona, nemmeno jogging. Solo a piedi rapida 30 minuti sei volte a settimana già riduce drasticamente le possibilità di una ricaduta dopo il trattamento del cancro al seno o il rischio di tumore avanzato della prostata. E l'attività fisica è stato trovato per aiutare la sopravvivenza di molti diversi tipi di cancro. [13]

4. Gestire la nostra risposta allo stress: non possiamo evitare di stress nella nostra vita, ma possiamo imparare a rispondere in modo diverso rispetto a denti stretti, muscoli-dura pietra indietro e la pressione nel nostro petto. Tecniche di respirazione di base che sono stati in tutto come parte di tecniche orientali di igiene mentale e fisica per migliaia di anni (Yoga, Chi Gong, meditazione consapevolezza) in grado di trasformare la nostra risposta a stress e rafforzare la nostra resistenza alle malattie. E semplicemente raggiungendo fuori a uno o due amici nei momenti difficili può anche ridurre il rischio di morire di cancro al seno con un fattore di quattro. [14]

5. Ripulire il nostro ambiente circostante: in-inquinanti porta, parabeni e ftalati nei cosmetici, graffiato padelle di teflon, percholorethylene di lavaggio a secco, PVC e bisfenolo da liquidi a contatto con la plastica dura, campi radiomagnetic di esposizioni prolungate telefono cellulare sono i leader e più facilmente controllata cause.

Conclusione

Come un medico con il cancro, ho scoperto che tutti possiamo creare una biologia anticancro per noi stessi attraverso le scelte che facciamo nella nostra vita. Non possono sostituire i vantaggi della chirurgia, la chemioterapia o la radioterapia, e non hanno lo stesso sostegno da AQS molti grandi studi clinici controllati, di farne un backup. Tuttavia, il suo stile di vita di cui sopra sono dimostrato di migliorare la salute e nuove prove scientifiche suggeriscono che rallentano troppo il cancro.

Infatti, come per quanto strano possa sembrare, ho una salute migliore e più felice oggi che prima che io sia mai stato malato. Mi sento più in pace, più leggero, con più energia e di guidare veicoli e passione per la vita. Qualche anno fa, il mio neuro-oncologo a malincuore mi ha ricordato le probabilità contro questo accade quando mi ha detto "Non so se devo dirti questo, ma io sono sempre felice di vederti al vostro visite di follow-up, perché sei uno dei pazienti molto raro che ho, che sta facendo bene! "

Maggior parte delle persone che iniziano in questo cammino di salute notare una differenza entro poche settimane. Studi recenti suggeriscono che la vita come cambia lo stile di cominciare a migliorare l'umore e il benessere dopo due a quattro mesi, e può avere un impatto sulle statistiche di cancro entro un anno o due di follow-up. (Andersen et al. 2004, 2008, Blake-Mortimer et al. 1999; Fawzy et al. 1990, 1993; Monti et al. 2006, Spiegel et al. 1989)
Ciò che ho imparato nel mio viaggio di 17 anni con il cancro è che il modo migliore per continuare a vivere è quello di nutrire la vita a tutti i livelli del mio essere: attraverso i pasti tre volte al giorno, attraverso le mie passeggiate nella natura, attraverso la significato e lo scopo del mio lavoro, attraverso il flusso d'amore nei miei rapporti, e attraverso la tutela del nostro ambiente. Scienza mi ha detto che questo rallenta il cancro, ma, forse ancora più importante, che porta alla mia vita, ogni giorno, una luce nuova e un nuovo scopo.

Riferimenti

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Dom 28 Feb 2010 - 2:50

Peut-on éviter les traitements conventionnels du cancer par la psychothérapie ?
par David Servan-Schreiber Dernière modification 23/02/2010 17:31
Envoyer par mail

La « Biologie totale » et les théories du Dr Hamer ne permettent pas de guérir le cancer.

On me pose souvent la question un peu désespérée de savoir si on peut éviter les traitements conventionnels du cancer. Le message de Joséphine, qui m’écrit au sujet du cancer de son mari, est un exemple de ces dilemmes :

J’ai une formation de naturopathe et je suis professeur de yoga, nous avons une bonne hygiène de vie mais voilà, mon mari a passé un IRM, il a un gliome de type 3 ou 4 situé au cerveau gauche central. D’après un neuro-chirurgien du CHU de Lille, il doit se faire opérer rapidement. Mon mari n’est pas prêt pour la chirurgie, son état général est bon, est-il vraiment nécessaire de passer par là ? Selon le Dr Hamer, cela est dû à un conflit non-résolu, ne pourrait-on pas, rien que par la psychothérapie (EMDR par exemple), résoudre ce conflit et résorber le gliome ?


Je suis convaincu qu’il est absolument vital de stimuler toutes les capacités du corps à nourrir la vie et lutter contre la maladie, quel que soit la maladie ou sa gravité. Pour beaucoup de personnes, cela peut passer, entre autres, par la psychothérapie qui permet de se décharger du poids des événements douloureux du passé.


Et en même temps, il ne faut pas se tromper : aucune médecine naturelle ou alternative aujourd’hui à ma connaissance n’a montré la même efficacité contre le cancer que les traitements conventionnels. En particulier, lorsqu’il s’agit d’une tumeur qui grandit rapidement et qui peut mettre en danger la vie, la chirurgie est indispensable. Elle m’a sauvé la vie deux fois, et si ma tumeur venait à récidiver, j’y ferais appel à nouveau sans hésiter.


Les théories du Dr Hamer postulent que chaque cancer n’est rien d’autre que la manifestation d’un ancien traumatisme psychologique non-résolu. Et il conclut qu’en identifiant ce « traumatisme » on peut faire disparaître la tumeur. Il n’y a aucune démonstration clinique de ces idées.



De plus, de nombreux praticiens qui se référent au Dr. Hamer sont connus pour justifier l’échec de leurs pratiques en expliquant aux patients que s’ils ne sont pas guéris, c’est parce qu’ils n’ont pas suffisamment voulu guérir. Je trouve ces attitudes irrespectueuses et dangereuses. Ralph Moss, PhD, qui a étudié la plupart des approches naturelles et alternatives du cancer dans de nombreux pays depuis plus de 30 ans a récemment publié une analyse très complète de la « Biologie Totale » du Dr Hamer. (1) Je partage complètement son scepticisme.


Et il faut aller plus loin encore. Non, malheureusement, les brocolis non plus, ni le jogging, ni la méditation, ni l’EMDR, ne guérissent le cancer. Ni isolément, ni ensemble. Il ne faut pas se cacher cette réalité. Et en même temps, il ne faut pas oublier non plus que ces approches ont été démontrées de soutenir les capacités du corps à se maintenir en bonne santé et peuvent considérablement améliorer la réponse au traitement. Ce n’est pas OU l’un OU l’autre, mais ET l’un ET l’autre…
BIBLIOGRAPHIE

1. Moss, R.W., ‘GERMAN NEW MEDICINE®’— HOPE OR HOAX?, in Moss Reports, R.W. Moss, Editor. 2009. www.cancerdecisions.com/
***
traduzione
Possiamo evitare i trattamenti convenzionali per la psicoterapia il cancro?
di David Servan-Schreiber Ultima modifica 23/02/2010 17:31

La "biologia totale" e le teorie del Dr. Hamer non curano il cancro.

Ho spesso la questione un po 'disperata per sapere se siamo in grado di evitare trattamenti convenzionali per il cancro. Il messaggio di Josephine, che scrive per il cancro del marito è un esempio di questi dilemmi:

Josephine:
Io
sono di formazione sono una naturopata e insegnante di yoga, abbiamo una
vita sana, ma ora mio marito ha avuto una risonanza magnetica, era un
tipo di glioma 3 o 4 si trova nel cervello centrale di sinistra. Secondo un neuro-chirurgo, CHU de Lille, deve aver subito un intervento chirurgico. Mio marito non è pronto per la chirurgia, la sua condizione generale è buona, è davvero necessario seguire questa strada? Secondo
il Dott. Hamer, ciò è dovuto a un conflitto non risolto, non si
potrebbe semplicemente psicoterapia (EMDR per esempio), la soluzione di
questo conflitto e ridurre glioma?


Risposta David Servan:

Sono
convinto che è assolutamente indispensabile la chirurgia per stimolare la capacità
di tutto il corpo ,per nutrire la vita e la lottare contro la malattia,
qualunque sia la malattia o la sua gravità.
Per molti, questo può accadere,
tra le altre cose, la psicoterapia può soddisfare l'onere di eventi dolorosi del passato

E
allo stesso tempo, non lasciatevi ingannare: nessuna medicina naturale
o alternativa oggi, a mia conoscenza si è rivelato altrettanto efficace

contro il cancro che le terapie convenzionali.
In particolare, quando un tumore cresce rapidamente può mettere in pericolo la vita, la chirurgia è necessaria,
mi ha salvato la vita due volte, e se il mio cancro ritornerà, la utilizzerei di nuovo senza esitazione.

Le teorie del Dr. Hamer danno per scontato che tutti i tumori sono manifestazioni dei traumi psicologici irrisolto E conclude con la descrizione del "trauma" è possibile rimuovere il tumore.
Non vi è alcuna prova clinica di queste idee.

Inoltre,
molti professionisti che fanno riferimento al dottor Hamer sono noti
per giustificare il fallimento delle loro pratiche spiegando ai
pazienti che non sono guariti perché non sono stati sufficientemente convinti nel curare i traumi.
Trovo questi atteggiamenti irrispettosi e pericoloso.
Ralph
Moss, PhD, che ha studiato gli approcci più naturali e alternative per
il cancro in molti paesi per oltre 30 anni ha recentemente pubblicato
un'analisi globale del "Total Biology" Dr. Hamer. (1) Sono pienamente d'accordo con il suo scetticismo.

E dobbiamo andare oltre.
No, purtroppo, broccoli o fare jogging, o la meditazione, o EMDR, non curano il cancro. Né singolarmente né insieme. Non si deve nascondere questa realtà.
E
allo stesso tempo, non dobbiamo dimenticare che questi approcci sono
stati dimostrati per sostenere la capacità del corpo di mantenere una
buona salute e si può migliorare notevolmente la risposta al trattamento.
Questo è complementare , un trattamento non deve escludere l'altro

BIBLIOGRAFIA


1. Muschio, RW, 'Nuova Medicina ®' - Speranza o Hoax?, In Relazioni Moss, RW Moss, Editor. 2009. www.cancerdecisions.com/

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

vischio

Messaggio Da XENA il Ven 12 Mar 2010 - 23:35

Un remède de druide contre le cancer
par David Servan-Schreiber Dernière modification 11/03/2010 10:52
Envoyer par mail
Mots-clés:

* Phytothérapie

Un extrait de Gui a fait ses preuves contre le cancer du cerveau dans une étude allemande



Je suis fasciné par cette étude : A l’université de Cologne, dans le département de pointe de neurochirurgie stéréotactique, la Dre Doris Lenartz et le Pr Beuth ont complété le traitement de 19 patients avec un cancer au cerveau (stade III ou IV) avec un extrait de Gui à la suite de leur opération et radiothérapie. Un autre groupe de 19 patients n’avait reçu que les traitements conventionnels. Le traitement de viscum album (le nom latin et médicinal des extraits de gui) se faisait sous forme de deux injections sous-cutanées par semaine pendant trois mois d’une dose infime d’une formulation standardisée (1 nanogramme/Kg de poids à chaque injection).



Après un suivi de 50 mois ( près de 4 ans), les patients qui avaient reçu ces injections avaient survécu en moyenne deux fois plus longtemps que ceux qui n’avaient bénéficié que du traitement conventionnel.







Le gui est utilisé depuis les temps les plus reculés par les druides de toute l’europe. C’est une plante parasite qui se fixe sur certains arbres en y plantant des petits « suçoirs » qui captent la sève de l’arbre hôte. Les druides européens lui avaient découvert de nombreuses propriétés médicinales : il était utilisé contre les engelures, mais aussi contre les troubles nerveux – y compris l’épilepsie – les troubles du rythme cardiaque et la digestion. Mais le plus incroyable c’est qu’ils avaient découvert qu’il fallait éviter de le couper avec une lame en métal – c’est la raison pour laquelle ils utilisaient une serpe d’or. On a pu montrer depuis que le contact de la rouille avec les principes actifs de la plante peut effectivement oxyder les éléments phytochimiques du gui et les rendre inutiles !



Aujourd’hui, le gui est considéré principalement par les praticiens des médecines naturelles comme un immunomodulateur. C’est à dire une substance qui permet au système immunitaire de mieux fonctionner. Ce serait la principale explication pour son action bénéfique dans certains cas de cancer. Comme il n’est pas brevetable – comme toute substance naturelle -- il est difficile de trouver des fonds pour initier des études de grande envergure sur son utilité possible dans le traitement du cancer. Mais je dois me rendre à l’université de Cologne dans quelques semaines, et j’essaierai d’en apprendre plus pour vous sur les promesses futures de cette plante venue des temps celtiques.







BIBLIOGRAPHIE

1. Lenartz, D., et al., Survival of glioma patients after complementary treatment with galactoside-specific lectin from mistletoe. Anticancer Research, 2000. 20(3B): p. 2073-6.

***

Sono affascinato da questo studio: Presso l'Università di Colonia, Dipartimento di neurochirurgia stereotassica avanzate, Dr. Doris Lenartz e il professor Beuth completato il trattamento di 19 pazienti con tumore al cervello (stadio III o IV) con Vischio estratto dopo la loro chirurgia e la radioterapia. Un altro gruppo di 19 pazienti hanno ricevuto solo trattamenti convenzionali. Trattamento di Viscum album (il nome latino ed estratti medicinali di vischio) è stato fatto in due iniezioni sottocutanee a settimana per tre mesi, con una piccola dose di una formulazione standard (1 nanogrammi / kg ogni iniezione).


Dopo un follow-up di 50 mesi (quasi 4 anni), i pazienti che hanno ricevuto le iniezioni erano sopravvissuti in media due volte più lunghi di quelli che avevano ricevuto solo la terapia convenzionale.


Vischio è stato usato fin dai tempi più antichi dai druidi di tutta l'Europa. Si tratta di una pianta parassita che si attacca ad alcuni alberi da piantare piccole "ventose" che cattura la linfa della pianta ospite. I druidi d'Europa aveva scoperto molte proprietà medicinali: è stato usato contro il congelamento, ma anche contro i disturbi nervosi - tra cui l'epilessia - disturbi del ritmo cardiaco e la digestione. Ma la cosa più sorprendente è che avevano scoperto la necessità di evitare il taglio con una lama di metallo - è per questo che hanno usato un falcetto d'oro. E 'stato dimostrato in quanto il contatto di ruggine con i principi attivi della pianta può effettivamente ossidare sostanze fitochimiche vischio e renderli inutili!



Oggi, il vischio è considerata principalmente da professionisti della medicina naturale come un immunomodulatore. Vale a dire una sostanza che consente al sistema immunitario di funzionare meglio. Questo sarebbe il motivo principale per il suo effetto benefico, in alcuni casi di cancro. In quanto non è brevettabile - come qualsiasi sostanza naturale - è difficile trovare i fondi per avviare studi su larga scala sulla sua potenziale utilità nel trattamento del cancro. Ma devo andare alla Università di Colonia, in poche settimane e cercare di imparare di più per lei per la promessa futura di questa pianta veniva da tempi dei Celti.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Lun 15 Mar 2010 - 13:16

Cancer Treatment From the Ancient Druids Cancer Treatment Dal antichi druidi

Extract of mistletoe proves it is useful against brain cancer Estratto di vischio dimostra che è utile contro il cancro al cervello

March 14th, 2010 - By: Dr. 14 marzo 2010 - Con: Dr. David Servan-Schreiber David Servan-Schreiber



I visited Prs. Ho visitato Prs. Beuth and Lenartz at the University of Cologne at the beginning of March. Beuth e Lenartz presso l'Università di Colonia, all'inizio di marzo. They confirmed that they had been impressed with the results of their study and that they would recommend mistletoe injections of that type especially incancers that have a strong sensitivity to immune reactions : this includes melanomas, kidney cancers, and cervical cancers. Hanno confermato che erano stati colpiti con i risultati del loro studio e che avrebbero consigliato iniezioni di vischio di quel tipo in particolare nei tumori che hanno una forte sensibilità alle reazioni immunitarie: questo include i melanomi, i tumori del rene, e carcinomi del collo dell'utero. They suggested that it be supervised by a physician or practitioner well-versed in the uses of this ancient treatment, which, unfortunately, is not always easy to find outside of continental Europe. Hanno suggerito che sia controllato da un medico o un professionista molto esperto nel settore degli usi di questo trattamento antica, che, purtroppo, non è sempre facile da trovare al di fuori dell'Europa continentale.

Bookmark and Share
BIBLIOGRAPHY BIBLIOGRAFIA

1. 1. Lenartz, D., et al., Survival of glioma patients after complementary treatment with galactoside-specific lectin from mistletoe. Lenartz, D., et al. Sopravvivenza dei pazienti con glioma dopo il trattamento complementare con galattoside-lectina specifica da vischio. Anticancer Research, 2000. Anticancer Research, 2000. 20(3B): p. 20 (3B): p. 2073-6. 2073-6.


© 2010 All Rights Reserved © 2010 Tutti i diritti riservati
Testo Inglese originale:
Today practitioners of complementary and alternative medicine mostly value mistletoe as an immunomodulator: in other words, it helps the immune system to work better.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Mar 16 Mar 2010 - 11:32

Riposto la traduzione perchè chiusa in uno spoiler e quindi non leggibile di primo impatto,
ritengo sia meglio renderla più-supervisibile ,perchè si parla di come la genetica influisca (?) nelle malattie,
esempio incredibile è la ricerca che mette in rilievo che figli adottati ,quindi con corredo genetico che niente a che spartire con i genitori adottivi, siano predisposti alle malattie genetiche di quest'ultimi.

My Story

A 31 anni, la mia vita ha preso una svolta improvvisa. Mi è stato un medico ambizioso e ricercatore neuroscienze che si dilettavano nella scoperta e scintillante progetti scientifici. Poi, scivolando in uno scanner cerebrale, una sera al posto di un soggetto che non si era presentato, fui improvvisamente spogliato del mio status di pelo bianco e gettato nel mondo grigio dei pazienti: Quella sera, ho scoperto che avevo un tumore al cervello .

Essere un medico e scienziato è alcuna protezione da ottenere il cancro. Ma mi ha permesso di scavare a fondo nella letteratura medica e scientifica per scoprire tutto quello che potevo fare per aiutare il mio organismo a resistere la malattia nel modo più efficiente e di tentare di battere la sopravvivenza mediana di pochi anni.

La prima cosa che ho imparato è che tutti noi portiamo in noi le cellule tumorali. Ma ho anche imparato che tutti noi abbiamo le difese naturali che impediscono generalmente queste cellule di trasformarsi in una malattia aggressiva. Questi includono il nostro sistema immunitario, da parte della nostra biologia, che controlla e riduce l'infiammazione, e gli alimenti che riducono la crescita di nuovi vasi sanguigni necessari per lo sviluppo di tumori.

In Occidente, uno su tre persone che svilupperanno il cancro. Ma i due terzi non lo faranno. Per queste persone, le loro difese naturali avrà tenuto a bada il cancro. Ho capito che sarebbe fondamentale per me, per imparare a rafforzare le difese.

Una epidemia di tumori

La mia stessa malattia è solo un caso in una epidemia di tumori che affliggono le società occidentali. I tassi di cancro sono stati salire costantemente negli Stati Uniti dal 1940. Ciò non è dovuto semplicemente ad aumentare l'uso dei test di screening o l'invecchiamento della nostra popolazione: il cancro è in aumento in bambini e adolescenti ad un tasso di 1 a 1.5 per cento l'anno negli ultimi 25 anni. [1] e di tumori che non hanno alcun test di screening (linfomi, tumori del pancreas e dei testicoli, per esempio) sono aumentate più velocemente o più velocemente di quelli che lo fanno (mammella, colon, prostata). [2]

Paesi asiatici non ha esperienza di questo aumento fino a poco tempo. [3] Tuttavia, gli immigrati asiatici negli Stati Uniti hanno le stesse aliquote di tumori occidentali come gli americani del Caucaso, dopo una o due generazioni [4, 5]

Non è una lotteria genetica

Così, il cancro non è una lotteria genetica. Un modello nuovo è emerso dagli ultimi 10 anni di ricerca. Si allontana dalla genetica e in pieno nella vita fattori legati allo stile che si può imparare a controllare.

A New England Journal of Medicine studio condotto dall'Università di Copenhagen ha mostrato che le persone che sono state adottate al momento della nascita era il rischio di cancro dei loro genitori adottivi, piuttosto che quello dei genitori che hanno dato loro i geni [6]. Al massimo, i fattori genetici contribuiscono al nostro 15 per cento il rischio di cancro. Ciò che conta per il 85 per cento dei tumori è quello che facciamo - o non facciamo abbastanza - con la nostra vita [3].

Scelte di vita in stile Trump Geni

Infatti, un nuovo studio dell'Università di Cambridge ha dimostrato che le persone che hanno seguito le semplici regole di vita sano stile di ridurre le loro probabilità di morire a causa di malattie cardiovascolari o il cancro da circa un fattore di quattro. [7]

Alla Ohio State University, un altro team ha seguito le donne con cancro al seno (fase II), che avevano tutti un intervento chirurgico e un trattamento convenzionale. Alcuni non fare di più, ma gli altri hanno partecipato ad un gruppo di educazione incentrata su una migliore nutrizione, l'attività più fisica, e semplici metodi rilassamenti come "rilassamento muscolare progressivo", simile allo yoga. Quelli che ha imparato a cambiare il loro stile di vita è stato del 68 per cento in meno probabilità di morire per il loro cancro nei prossimi 11 anni. [8]

Altri studi recenti - presso l'Università di San Francisco - ha constatato che tale vita semplice cambiamenti di stile negli uomini con tumore alla prostata, cambiare completamente il modo geni si comportano, tra cui i geni delle cellule tumorali. Questa ricerca mostra che la vita le scelte stile di gioco su i nostri geni, come le dita di un pianista suonare su una tastiera ... trasformando la capacità del corpo a resistere la crescita del cancro. [9-11]

E nel 2009 un rovesciamento spettacolare groupthink sul ruolo dei geni nel cancro al seno: le donne con l'inquietante BRCA-1 o 2 geni (80 cento di probabilità di sviluppare il cancro al seno), ridurre il loro rischio del 73 per cento se si mangia una buona varietà di frutta e verdura, hanno dimostrato i ricercatori dell'Università di Montreal. [12] Sono questi in realtà "geni del cancro al seno", quindi, come hanno stata propagandata da tutte insieme? O sono semplicemente junk-geni intolleranze alimentari?

Cambiare il Terrain ""

Quando si tratta di curare il cancro, non vi è alternativa ai trattamenti convenzionali: chirurgia, chemioterapia, radioterapia, immunoterapia o, presto, la genetica molecolare.

Tuttavia, questi trattamenti target del tumore molto simile a una guerra dei salari esercito: ricerca incentrata sulle distruggere le cellule cancerose. Non aiutare a prevenire la malattia, se non abbiamo, e, se lo facciamo, non aiutano l'organismo a costruire è la resistenza naturale per rendere i trattamenti di lavorare meglio.

Per la prevenzione o di una migliore gestione della malattia, è importante per cambiare il contesto --- il terreno "- che sostiene la crescita di nuove cellule tumorali, anche se libra trattamento con attacchi mirati.

La ricerca moderna suggerisce che le cellule tumorali crescono molto più rapidamente in tre circostanze:

1. Quando il nostro sistema immunitario è indebolito e meno in grado di individuare e distruggere i tumori in erba.

2. Quando l'infiammazione di basso grado cronica nel nostro corpo di sostenere la moltiplicazione delle cellule e l'invasione dei tessuti vicini.

3. Quando la malattia è permesso di sviluppare nuovi vasi sanguigni per espandere a una dimensione più ampia, molto simile a una città si espande, quando ha permesso di sviluppare nuove strade.

Quando abbiamo rafforzare il nostro sistema immunitario, ridurre l'infiammazione e ridurre la crescita di nuovi vasi sanguigni, che contribuiscono a creare una antitumorale "terreno".

Antitumorali Choices

Per una migliore prevenzione, o risultati di un trattamento migliore, niente può battere la combinazione della medicina convenzionale (screening precoce, o la chemioterapia, chirurgia, radioterapia, ecc) con un metodo anticancro della vita: un modo di vivere attraverso i quali si comincia a nutrire ogni aspetto della salute all'interno del nostro corpo:

1. Ripulire la nostra dieta: ridurre lo zucchero - che alimenta la crescita del cancro e l'infiammazione. Lo zucchero raffinato è abbondante nella preparazione di dolci, bevande analcoliche (una lattina di Coca-Cola contiene 12 confezioni di caffè dimensioni di zucchero ...), salse (ketchup, ready-made condimenti per insalata, ecc), farina bianca, che è equivalente allo zucchero per quanto come il corpo è interessato (pane bianco, bagel, muffin, ecc), e la riduzione pro-infiammatorie omega-6 acidi grassi (carni rosse, latte, mais, girasole, soia e olio di cartamo, e trans-grassi).

2. L'aggiunta di una dieta anti-cancro: anche nella nostra dieta ogni giorno, tre volte al giorno, i cibi che aiutano a combattere il cancro. Come antitumorali erbe e spezie (tè verde, curcuma, zenzero, timo, rosmarino, menta, basilico, salvia), omega-3 cibi ricchi (salmone, sardine, sgombri, noci, verdure a foglia verde), verdure crocifere (broccoli, cavolfiori, cavolo), aglio, cipolle e porri, frutti rossi, prugne, mirtilli per il dessert, cioccolato fondente (oltre il 70 per cento di cacao), e anche un po 'di vino rosso.

3. Porre in atto un'attività fisica: essa non deve essere allenamento per la maratona, nemmeno jogging. Solo a piedi rapida 30 minuti sei volte a settimana già riduce drasticamente le possibilità di una ricaduta dopo il trattamento del cancro al seno o il rischio di tumore avanzato della prostata. E l'attività fisica è stato trovato per aiutare la sopravvivenza di molti diversi tipi di cancro. [13]

4. Gestire la nostra risposta allo stress: non possiamo evitare di stress nella nostra vita, ma possiamo imparare a rispondere in modo diverso rispetto a denti stretti, muscoli-dura pietra indietro e la pressione nel nostro petto. Tecniche di respirazione di base che sono stati in tutto come parte di tecniche orientali di igiene mentale e fisica per migliaia di anni (Yoga, Chi Gong, meditazione consapevolezza) in grado di trasformare la nostra risposta a stress e rafforzare la nostra resistenza alle malattie. E semplicemente raggiungendo fuori a uno o due amici nei momenti difficili può anche ridurre il rischio di morire di cancro al seno con un fattore di quattro. [14]

5. Ripulire il nostro ambiente circostante: in-inquinanti porta, parabeni e ftalati nei cosmetici, graffiato padelle di teflon, percholorethylene di lavaggio a secco, PVC e bisfenolo da liquidi a contatto con la plastica dura, campi radiomagnetic di esposizioni prolungate telefono cellulare sono i leader e più facilmente controllata cause.

Conclusione

Come un medico con il cancro, ho scoperto che tutti possiamo creare una biologia anticancro per noi stessi attraverso le scelte che facciamo nella nostra vita. Non possono sostituire i vantaggi della chirurgia, la chemioterapia o la radioterapia, e non hanno lo stesso sostegno da AQS molti grandi studi clinici controllati, di farne un backup. Tuttavia, il suo stile di vita di cui sopra sono dimostrato di migliorare la salute e nuove prove scientifiche suggeriscono che rallentano troppo il cancro.

Infatti, come per quanto strano possa sembrare, ho una salute migliore e più felice oggi che prima che io sia mai stato malato. Mi sento più in pace, più leggero, con più energia e di guidare veicoli e passione per la vita. Qualche anno fa, il mio neuro-oncologo a malincuore mi ha ricordato le probabilità contro questo accade quando mi ha detto "Non so se devo dirti questo, ma io sono sempre felice di vederti al vostro visite di follow-up, perché sei uno dei pazienti molto raro che ho, che sta facendo bene! "

Maggior parte delle persone che iniziano in questo cammino di salute notare una differenza entro poche settimane. Studi recenti suggeriscono che la vita come cambia lo stile di cominciare a migliorare l'umore e il benessere dopo due a quattro mesi, e può avere un impatto sulle statistiche di cancro entro un anno o due di follow-up. (Andersen et al. 2004, 2008, Blake-Mortimer et al. 1999; Fawzy et al. 1990, 1993; Monti et al. 2006, Spiegel et al. 1989)
Ciò che ho imparato nel mio viaggio di 17 anni con il cancro è che il modo migliore per continuare a vivere è quello di nutrire la vita a tutti i livelli del mio essere: attraverso i pasti tre volte al giorno, attraverso le mie passeggiate nella natura, attraverso la significato e lo scopo del mio lavoro, attraverso il flusso d'amore nei miei rapporti, e attraverso la tutela del nostro ambiente. Scienza mi ha detto che questo rallenta il cancro, ma, forse ancora più importante, che porta alla mia vita, ogni giorno, una luce nuova e un nuovo scopo.

Riferimenti

References

1. Steliarova-Foucher, E., et al., Geographical patterns and time trends of cancer incidence and survival among children and adolescents in Europe since the 1970s (the ACCIS project): an epidemiological study. The Lancet, 2004. 364(9451): p. 2097-2105.

2. Parkin, D., et al., Cancer Incidence in Five Continents, Volumes I to VIII., in IARC CancerBase No. 7. 2005, World Health Organization: Lyon, France.

3. Stewart, B.W. and P. Kleihues, eds. World Cancer Report. 2003, W.H.O IARC Press: Lyon, France.
4. Yatani, R., et al., Trends in frequency of latent prostate carcinoma in Japan from 1965-1979 to 1982-1986. Journal of the National Cancer Institute, 1988. 80(9): p. 683-7.

5. Sasco, A.J., [Migration and cancer]. Revue de Medecine Interne, 1989. 10(4): p. 341-8.

6. Sorensen, T.I.A., et al., Genetic and environmental influences on premature death in adult adoptees. New England Journal of Medicine, 1988. 318: p. 727-32.

7. Khaw, K.-T., et al., Combined Impact of Health Behaviours and Mortality in Men and Women: The EPIC-Norfolk Prospective Population Study. PLoS Medicine, 2008. 5(1): p. e12.

8. Andersen, B.L., et al., Psychologic Intervention Improves Survival for Breast Cancer Patients: A Randomized Clinical Trial. Cancer, 2008. 113: p. 3450-3458.

9. Ornish, D., et al., Increased telomerase activity and comprehensive lifestyle changes: a pilot study. The Lancet Oncology, 2008: p. doi:10.1016/S1470-2045(08)70234-1.

10. Ornish, D., et al., Changes in prostate gene expression in men undergoing an intensive nutrition and lifestyle intervention. Proceedings of the National Academy of Sciences, 2008. 105: p. 8369-8374.

11. Ornish, D., et al., Intensive lifestyle changes may affect the progression of prostate cancer. Journal of Urology, 2005. 174(3): p. 1065-9; discussion 1069-70.

12. Ghadirian, P., et al., Breast cancer risk in relation to the joint effect of BRCA mutations and diet diversity. Breast Cancer Research & Treatment, 2009. 117: p. 417-422.

13. World_Cancer_Research_Fund, Food, Nutrition and the Prevention of Cancer: A Global Perspective, W.C.R.F.a.A.I.f.R.o. Cancer, Editor. 2007, World Cancer Research Fund and American Institute for Research on Cancer: London, UK.

14. Kroenke, C.H., et al., Social networks, social support, and survival after breast cancer diagnosis. Journal of Clinical Oncology, 2006. 24(7): p. 1105-11.
Books & More From David Servan-Schreiber, M.D., Ph.D.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 18 Mar 2010 - 18:08

La progéniture des souris nourries avec des oméga 3 mieux protégée du cancer
Posté le 17/03/2010 par Christophe Arobaz Envoyer par mail
Mot-clés: Omega 3

La progéniture des souris nourries avec des oméga 3 mieux protégée du cancer

Chez la souris, une alimentation renforcée en huile de poisson (riche en graisses poly-insaturées oméga 3) est associée à une diminution des risques de tumeurs mammaires dans la descendance femelle.




Dans cette étude [2], publiée dans le British Medical Journal le 6 mars 2010, deux groupes de souris ont été nourries deux semaines avec 10% d'huile. Un premier groupe avait droit à de l'huile de maïs (50% d'omega 6, pas d'omega 3) et un autre à de l'huile de colza (20% d'omega 6, 10% d'omega 3).

Quant aux petits souriceaux, après le sevrage, ils ont été tous nourris de la même façon.

À 130 jours d'âge, les femelles de la deuxième génération dont les mères avaient bénéficié du régime riche en oméga 3 avaient significativement moins de tumeurs par souris, et le poids moyen de leurs tumeurs était inférieur de moitié à celui de l'autre groupe. À 170 jours d'âge, le taux de croissance de la tumeur était diminué de moitié par rapport au groupe contrôle.

Cette étude chez les souris n'est pas directement transposable chez l'humain, mais remplacer les huiles dépourvues d'omega 3 par une huile qui en contient beaucoup comme l'huile de colza est un changement de régime alimentaire qui se fait sans difficulté. Et ce petit effort pourrait bien réduire le risque de cancer du sein chez votre descendance.

Par ailleurs une étude du Karolinska Institutet à Stockholm [1] publiée en mars dans le FASEB Journal a montré pour la première fois que le DHA, une des substances actives des omega 3, et ses sous-produits, ont tué les cellules cancéreuses d'un neuroblastome.
Sources :
1. Helena Gleissman et al., “Docosahexaenoic acid metabolome in neural tumors: identification of cytotoxic intermediates,” FASEB J. 24, no. 3 (Mars 1, 2010): 906-915.
2. Gabriela Ion, Juliana Akinsete, et W. Elaine Hardman, “Maternal consumption of canola oil suppressed mammary gland tumorigenesis in C3(1) TAg mice offspring,” BMC Cancer 10, no. 1 (2010): 81.



Prole di topi alimentati con omega 3 meglio protetti dal Cancer


Nei topi, un olio di pesce maggiore alimentare (ricco di grassi polinsaturi omega 3) è associata a ridotto rischio di tumore mammario nella prole di sesso femminile.

In questo studio [2], pubblicato sul British Medical Journal 6 marzo 2010, due gruppi di topi sono stati alimentati due settimane con 10% di olio. Un gruppo aveva il diritto di olio di mais (50% omega 6, non omega 3) e un altro con olio di colza (20% omega 6, 10% omega 3 ).

I cuccioli dopo lo svezzamento, erano tutti alimentati allo stesso modo.

A 130 giorni di età, le femmine di seconda generazione, le cui madri avevano ricevuto la dieta ricca di omega 3 hanno avuti tumori significativamente meno, e il peso medio dei tumori sono stati meno della metà di quello del gruppo di altri . A 170 giorni di età, il tasso di crescita del tumore è stata ridotta della metà rispetto al gruppo di controllo.

Questo studio sui topi non sono direttamente trasferibili agli esseri umani, ma sostituire l'olio privo di omega 3 da un olio che contiene tanto quanto l'olio di colza è un cambiamento di dieta che si verifica senza difficoltà. E questo piccolo sforzo potrebbe ridurre il rischio di cancro al seno nella tua prole.
Inoltre uno studio del Karolinska Institutet di Stoccolma [1], pubblicato nel marzo del FASEB Journal mostra per la prima volta che 3 DHA, il principio attivo omega, e dei suoi prodotti, hanno ucciso le cellule tumorali di neuroblastoma.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 18 Mar 2010 - 18:25


___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Lun 22 Mar 2010 - 10:39

Servan-Schreiber: « Mon combat contre la maladie»
L'invité du dimanche. David Servan-Schreiber publie une nouvelle édition d' «Anticancer».
Servan-Schreiber: « Mon combat contre la maladie»
Servan-Schreiber: « Mon combat contre la maladie»

David Servan-Schreiber est psychiatre. Il a écrit plusieurs best-sellers, dont « Guérir », et « Anti-cancer » (Robert Laffont).

LA DÉPÊCHE DU DIMANCHE : Pourquoi avoir révélé que vous avez été atteint d'un cancer ?

David SERVAN-SCHREIBER : Pendant longtemps, je n'en ai pas parlé. Je gardais ma maladie confidentielle. J'ai fini par être convaincu par mes proches qui me disaient que mon expérience, d'autres approches de santé, pouvaient bénéficier à des malades. Et je ne regrette pas de l'avoir fait. J'ai rendu des services.

DDD : Vous avez fait une rechute. Guérit-on d'un cancer, ou bien faut-il continuer à vivre avec cette épée de Damoclès ?

D. S.-S. : Cela dépend des cas. Il y a des petits cancers dépistés tôt et opérés et pour lesquels on obtient parfois des guérisons. Et d'autres cancers qui ne se guérissent pas, ce qui est mon cas avec une tumeur au cerveau. Il faut vivre avec, en renforçant tout ce qui nourrit la vie dans son corps. Il faut tenir la maladie à distance.

DDD : Le nombre de cancers explose dans les pays occidentaux depuis les années 1940. Vous y voyez plusieurs explications. Lesquelles ?

D. S.-S. : Cela vient en partie du vieillissement de la population. De la systématisation du dépistage. Chez les enfants, le cancer progresse de 1 à 1,5 % par an. Il y a aussi des facteurs sociétaux. Comme le bouleversement de notre alimentation, la sédentarité. Avant guerre, les pesticides n'existaient pas ; la généralisation des contaminants chimiques contribue à la progression du cancer. La réduction massive du réseau social, qui est notre principale protection contre les effets négatifs des grandes crises de la vie sur notre corps, influe également beaucoup. Le manque d'exposition au soleil également. Tout cela est arrivé en même temps.

DDD : Vous avez été soigné par les méthodes conventionnelles. En proposez-vous une nouvelle dans notre livre ?

D. S.-S. : Non. L'opération et la chimiothérapie sont nécessaires. Mais il y a la tumeur, et le terrain. La médecine moderne doit s'occuper des deux.

DDD : Précisément. Vous donnez des conseils très précis pour rester en bonne santé : marcher, bien se nourrir. Les aliments de base ?

D. S.-S. : Très simplement, dans nos assiettes, il faut changer les proportions. Plutôt qu'un gros steak, un petit morceau de viande ou de poisson : 20 % de produits animaux, et 80 % de légumes. Les meilleurs légumes sont les choux, l'oignon, l'ail.. J'ajouterai les herbes, le thym, le romarin, le basilic. Je préconise de boire trois tasses de thé vert par jour, en dehors des repas, et d'introduire le curcuma dans son assiette. Le curcuma est l'inflammatoire naturel le plus efficace : un quart de cuillère à café trois par semaine suffit.

DDD : Vous êtes psychiatre. Le moral, dans le combat contre la maladie, cela compte énormément, non ?

D. S.-S. : Bien sûr. Ce sujet est d'ailleurs un chapitre que j'ai entièrement repris dans mon livre pour être très clair. Le stress ne cause pas le cancer, mais on voit que certaines réponses au stress, le désespoir prolongé, interfèrent avec la capacité du corps à se défense, à mieux lutter. Une femme atteinte d'un cancer et qui va être soutenue par un réseau de copines va multiplier ses chances de guérison.

DDD : Pensez-vous que les chercheurs trouveront l'arme absolue contre le cancer ?

D. S.-S. : Non. Il n'y aura pas de traitement miracle. Le cancer, c'est un peu comme le dérèglement climatique : la conclusion ultime d'une mauvaise gestion des ressources. Il va falloir vivre avec, mobiliser les ressources de son corps, l'aider à se détoxifier.

Interview Sabine Bernède


David Servan-Schreiber è uno psichiatra.
Ha scritto numerosi best seller, tra cui "guarigione" e "anti-cancro" (Robert Laffont).
Intervista:
L'invio della DOMENICA: Perché ha dichiarato che le è stato diagnosticato un cancro?

David Servan-Schreiber: Per anni, non ho parlato. Ho mantenuto la mia malattia riservata. Ho finito con l'essere convinto da miei parenti, mi ha detto che la mia esperienza, altri approcci to di salute ne potevano beneficiare altri patienti. E non mi pento di aver reso questo servizio.

DDD: Lei ha avuto una ricaduta. Si è Guariti da un cancro, o dobbiamo continuare a vivere con questa spada di Damocle?

D. S.-S. : Dipende. Ci sono piccoli tumori diagnosticati precocemente e gestiti e per i quali a volte le curesono risolutive. E altri tipi di cancro che non guariscono, che è il mio caso con un tumore al cervello. Dobbiamo vivere conesso, rafforzando qualsiasi cosa che alimenta la vita nel suo corpo. SI Deve tenere la malattia a distanza.

DDD: Il numero di tumori che esplode nei paesi occidentali sin dal 1940. Si vedrà diverse spiegazioni. Quale?

D. S.-S. : Questo è in parte l'invecchiamento della popolazione. Dallo screening sistematico. Nei bambini, il tumore progredisce 1-1,5% all'anno. Ci sono anche fattori sociali. Dopo la caduta della nostra dieta, inattività fisica. Prima della guerra, i pesticidi non esistevano e la diffusione di contaminanti chimici contribuisce alla progressione del cancro. La drastica riduzione della rete sociale, che è la nostra principale protezione contro gli effetti negativi della crisi importanti di vita sul nostro corpo, colpisce anche molti. La mancanza di esposizione al sole pure. E 'successo tutto contemporaneamente.

DDD: Siete stati trattati solo con metodi convenzionali.
Come lei suggerisce nel nostro nuovo libro?

D. S.-S. : No. L'operazione e la chemioterapia sono necessarie. Ma c'era il tumore, e il campo. La medicina moderna deve affrontare entrambi.

GOLD: Esattamente. Darvi consigli molto specifici per stare in salute: camminare, mangiare bene. I prodotti alimentari di base?

D. S.-S. : Molto semplicemente, i nostri piatti, dobbiamo cambiare le proporzioni. Piuttosto che una bistecca grande, un pezzo di carne o di pesce: il 20% da prodotti di origine animale, e l'80% di verdure. Le migliori verdure sono cavolo, cipolla, aglio .. Aggiungo erbe, timo, rosmarino, basilico. Raccomando bere tre tazze di tè verde al giorno, senza cibo, e introdurre curcuma sul piatto. La curcuma è l'infiammazione naturali più efficaci: un cucchiaino trimestre tre volte alla settimana è sufficiente.

GOLD: Tu sei uno psichiatra. Il morale nella lotta contro la malattia, non importa molto, giusto?

D. S.-S. : Certo. Questo argomento è anche un capitolo che ho seguito interamente nel mio libro di essere molto chiaro. Lo stress non causa il cancro, ma vediamo che alcune risposte allo stress, disperazione prolungati, interferire con la capacità del corpo di difendere, per meglio combattere. Una donna affetta da cancro e che sarà supportato da una rete di amici aumenterà le sue possibilità di recupero.

GOLD: Pensi che i ricercatori troveranno l'arma definitiva contro il cancro?

D. S.-S. : No. Non ci saranno cure miracolose. Il cancro è un po 'come il disturbo del clima: la conclusione finale di cattiva gestione delle risorse. Egli dovrà vivere con, mobilitare le risorse del suo corpo, aiutano a disintossicare.

Intervista Sabine Bernède

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Un nuovo meccanismo per comprendere l'importanza della vitamina D

Messaggio Da XENA il Ven 23 Apr 2010 - 17:32

Un nouveau mécanisme pour comprendre l’importance de la vitamine D


On sait que la vitamine D – fabriquée par la peau lorsqu’elle est exposée au soleil – protège contre les infections, contre les maladies cardiaques, et même contre la progression de plusieurs types de cancers. Dans une étude récente, des chercheurs Danois de l’Université de Copenhague, ont mis en évidence un des effets majeurs de la vitamine D sur le système immunitaire.





De façon simplifiée, on peut imaginer que lorsqu’un antigène (Ag) particulier, viral, bactérien ou issu d’une lignée de cellules cancéreuses, est présent dans le corps, il est d’abord avalé (« phagocyté ») par des cellules spécialisées du système immunitaire qu’on appelle macrophages puis « présenté » à des lymphocytes T spécialisés. Lorsqu’ils sont correctement « activés », ces lymphocytes (des cellules blanches spécialisées) se divisent ensuite en deux types de cellules : des lymphocytes « tueurs » (les « natural killer ») qui ont pour fonction d’attaquer et de détruire toutes les cellules porteuses de l’antigène étranger, et des cellules mémoires qui conservent la trace spécifique de cet antigène, de façon quasi-permanente.



L’équipe de chercheurs de Copenhague à montré que la vitamine D est indispensable à la mise en route de toute cette machinerie immunitaire : si les cellules T ne disposent pas de quantités suffisantes de vitamine D dans le sang, la fabrication des cellules tueuses ne se fait pas, ni la multiplication des cellules responsables de conserver la mémoire de l’antigène en cas d’une nouvelle apparition des intrus à l’avenir.



Ceci me permet de vous rappeler la recommandation du groupe de plus de 40 experts internationaux qui à lancé un appel au sujet de la vitamine D en Février de cette année : les personnes dont la santé est fragilisée par une maladie chronique – y compris le cancer – devraient s’assurer de faire tester par leur médecin leur taux sanguin de 25OH Vitamine D (à la fois D2 et D3). Elles devraient ensuite s’assurer, avec leur médecin si possible, que leur taux est au dessus de 30 ng/ml (certains experts recommandent plus de 50 ng/ml pour les patients atteints d’un cancer, mais c’est encore un sujet débattu au sein de la communauté scientifique).



En l’absence de test du taux sanguin, la Société Canadienne du Cancer recommande à toutes les personnes qui vivent à des latitudes peu exposées au soleil – comme celle du Canada, ou de la France, de la Belgique et de la Suisse – de prendre 1.000 Unités Internationales de vitamine D par jour pendant les mois d’automne et d’hiver, et toute l’année si elles ne s’exposent pas au soleil, si elles ont une peau foncée (qui fabrique moins de vitamine D avec le soleil du printemps et de l’été) ou si elles ont plus de 65 ans. C’est aussi la recommandation de notre groupe d’experts internationaux.



BIBLIOGRAPHIE



Von Essen MR et coll. : Vitamin D controls T cell antigen receptor signaling and activation of human T cells. Nature immunology 2010; 11(4): 344-9

***

Un nuovo meccanismo per comprendere l'importanza della vitamina D
da David Servan-Schreiber ultima modifica 22/04/2010 11:41
Invia tramite e-mail

E 'noto che la vitamina D - prodotto dalla pelle se esposta ai raggi solari - protegge contro le infezioni, contro le malattie cardiache, e anche contro la progressione di molti tumori. In un recente studio, i ricercatori danesi dell'università di Copenhagen hanno identificato un notevole effetto della vitamina D sul sistema immunitario.





In parole povere, si può immaginare che, quando l'antigene (Ag) specifici, infezioni virali, batteriche o da una linea di cellule di cancro è presente nel corpo, viene prima ingerito (fagocitato) dalle cellule specializzate del sistema immunitario chiamate macrofagi poi "presentato" a cellule T specializzarsi. Se opportunamente "attivati" questi linfociti (globuli bianchi specializzati), poi si dividono in due tipi di cellule: linfociti "killer" (il "natural killer") la cui funzione è quella di attaccare e distruggere tutte le cellule recanti l'antigene straniero e le celle di memoria che conservano la traccia specifica che l'antigene, una quasi-permanente.



Il team di ricercatori di Copenaghen, ha mostrato che la vitamina D è essenziale per l'apertura di tutti i macchinari immunitario che, se le cellule T non hanno adeguate quantità di vitamina D nel sangue, la produzione di cellule killer fare non è, né la proliferazione delle cellule responsabili della conservazione della memoria dell'antigene in caso di nuova insorgenza di intrusi in futuro.



Questo mi permette di ricordare la raccomandazione del più di 40 esperti internazionali ha lanciato un appello su vitamina D nel febbraio di quest'anno: le persone la cui salute è indebolito da malattie croniche - tra cui il cancro - deve garantire che essi ricevano i livelli testati da medico il loro sangue di 25OH vitamina D (sia D2 e D3). Essi dovrebbero quindi garantire, se possibile con il loro medico, il loro tasso è superiore a 30 ng / ml (alcuni esperti consigliano più di 50 ng / ml per i pazienti con cancro, ma è ancora un argomento dibattuta all'interno della comunità scientifica).



In assenza di controllo del sangue, la Canadian Cancer Society raccomanda che tutte le persone che vivono a latitudini meno esposti al sole - come il Canada, o in Francia, Belgio e Svizzera - a prendere 1000 unità internazionali di vitamina D al giorno durante l'autunno e l'inverno e per tutto l'anno se non sono esposti al sole, se hanno la pelle più scura (che produce meno vitamina D con il sole primavera ed estate) o se sono più di 65 anni. E 'anche la raccomandazione del nostro gruppo di esperti internazionali.

BIBLIOGRAFIA

Von Essen R. et al. : La vitamina D controlla cellule T antigene recettore segnalazione e l'attivazione di cellule T. Nature Immunology 2010, 11 (4): 344-9

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 29 Apr 2010 - 21:49

http://www.guerir.org/Members/david_servan_schreiber/anticancer-1/archive/2010/04/29/visualisation-guidee-david-servan-schreiber-radiotherapie


visualizzazione guidata per aiutarvi durante la radioterapia

da David Servan-Schreiber aggiornamento 29/04/2010 14:01


* Relax


Sono felice di condividere con voi ancora una terza incisione di visualizzazione guidata. Questa "auto-ipnosi" vi aiuterà a preparare e vi accompagnerà durante il trattamento radioterapico.

. Funziona
sullo stesso modello come i due precedenti, che avevano lo scopo di
preparare per la chirurgia (clicca qui) e la chemioterapia (clicca
qui). Potete anche trovare un record non correlati al trattamento (clicca qui), se si preferisce.


Rilassamento guidato per la radioterapia


Attraverso
questo lavoro di immagini mentali, tutti noi possiamo imparare a
rilassarsi e preparare meglio i nostri corpi per sperimentare un
trattamento che è sempre una scarsa aggressività. L'obiettivo
è quello di utilizzare questa forma di rilassamento a fare il massimo
uso della terapia durante il tentativo di ridurre gli effetti
collaterali.



Come è possibile? Perché le immagini che forma nella nostra testa innescare risposte fisiologiche. Quando
siamo preoccupati, ad esempio, la tensione muscolare (collo, spalle,
mandibola), si produce più cortisolo e noradrenalina (il che significa
che si dorme meno bene), noi urinare più spesso, e le nostre cellule
immunitarie sono meno efficaci. Al
contrario, se pensiamo a cose piacevoli, la nostra pressione verso il
basso, i nostri muscoli si rilassano, il nostro sistema immunitario è
più attivo, budella e il nostro lavoro migliore digestione, e così via.


Il
protocollo di visualizzazione guidata per la radioterapia che ho
registrato per voi qui è basato su protocolli che sono utilizzati in
molti ospedali inglesi e americani per ridurre gli effetti collaterali
del trattamento.


Questo
tipo di riduzione di imaging collaudata in ansia, senso migliore di
energia durante il periodo di trattamento, e, in generale, la Sandspit
sulla qualità della vita . [1]

In
un altro studio, le persone che hanno utilizzato la visualizzazione
durante il trattamento ricevuto un "livello di comfort migliorato",
soprattutto durante le prime tre settimane di trattamento, che sono
spesso le più difficili. [2]

Infine,
per coloro che hanno difficoltà rimane immobile durante il trattamento
con radiazioni esterne - come i bambini, alcuni clinici hanno riportato
che l'ascolto di visualizzazioni guidate come questo può ridurre i
movimenti inutili e il l'ansia di coloro che hanno una tendenza claustrofobico. [3]


In
tutti i medici antiche tradizioni mediche, guaritori, sciamani hanno
usato la capacità della mente di agire sul corpo per facilitare la
guarigione. In
realtà l'effetto placebo (nel cuore della moderna scienza medica, dal
momento che ogni studio scientifico si sviluppa gesta di ingegno e
comporta costi notevoli per il controllo '', migliorando il paziente è
inevitabilmente dovuta all'effetto placebo), testimonia la potenza di questi "corpo-mente.


Il
protocollo di autoipnosi offro questo non può sostituire i trattamenti
del cancro convenzionali (chirurgia, chemioterapia, radioterapia,
ecc.). Non è garantito per essere efficace per voi. For contro, vi posso dire con certezza è che:


1 / E ti farà del male


2 / Vi aiuterà a sentire che si ripristina un poco controllo su quello che accade a voi e ai vostri trattamenti. Si vive così i trattamenti meno passiva e meno violento


3
/ Alcuni studi molto rispettabili hanno dimostrato che tali protocolli
in alcuni casi potrebbe avere effetti impressionanti sulla riduzione
degli effetti collaterali (dolore, nausea, affaticamento) durante i
trattamenti. [3, 4]





ISTRUZIONI

[dailymotion]
Relaxation guidée pour la radiothérapie
Caricato da guerir. - Video notizie dal mondo.[/dailymotion]





Il mio consiglio per l'utilizzo di queste registrazioni sono:


1 / lo sento ogni giorno per una settimana prima della seduta di radioterapia prima


2
/ Ascoltatelo subito prima (o durante la radioterapia, se il
dispositivo non deve ostacolare o interferire con il funzionamento del
vostro mp3 o il vostro mp3 con il funzionamento della macchina
radioterapia!)


3
/ sentirlo di nuovo ogni giorno per un paio di giorni dopo la
somministrazione di radioterapia, in quanto questo sembra utile. Ascolto in post-radiazione è particolarmente importante nel facilitare il recupero.





BIBLIOGRAFIA





1. Richardson,
MA, et al. Coping, atteggiamenti di vita, e le risposte immunitarie di
immagini e di supporto di gruppo dopo il trattamento del cancro della
mammella. Terapie alternative in salute e medicina, 1997. 3: p. 62-70.


2. Kolcaba, K. e C. Fox, gli effetti di immaginazione guidata sul comfort delle donne con cancro mammario iniziale fase in terapia di radiazione. Oncol nurs Forum, 1999. 26 (1): p. 67-72.


3. Bertoni, F., et al. Ipnosi INSTEAD di anestesia generale in radioterapia pediatrica: un rapporto di tre caselle. Radiother Oncol, 1999. 52: p. 185-190.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 3 Giu 2010 - 22:08

consumare agrumi e tè verde per ridurre il rischio di cancro
Inviato il 28/05/2010 da Christopher Arobaz Invia tramite e-mail
Parole chiave: agrumi tè verde

Mangiare frutta agrumi e tè verde per ridurre il rischio di cancro

Ricercatori giapponesi hanno seguito per otto anni una coorte di 42.470 adulti, chiedendo loro sul loro consumo di agrumi e tè verde. La riduzione del rischio di cancro appare significativa, soprattutto per il cancro del pancreas e la prostata.


I risultati di questo studio giapponese pubblicato sull'International Journal of Cancer, nel gennaio 2010, ha mostrato un significativo effetto dose-risposta per le persone che consumano tè verde e agrumi. La riduzione del rischio di cancro quasi il 20% di questi individui, rispetto a coloro che non lo fanno. Per quelli il cui consumo di agrumi è alto (ogni giorno), il profitto è massimo.

Tuttavia, il beneficio appare meno forte, quando i partecipanti non si consumano tè verde.


Il nostro consiglio: Mangiare una varietà di agrumi, tutti i giorni in stagione e sono le più gustose! Ricordate che portare questo sapore della frutta che è così sinonimo di piacere, senza gli effetti di zuccheri raffinati. E non dimenticate la vostra tazza di tè verde al giorno!

Fonte:

1. Li WQ, Kuriyama S, Li D, et al. Citrus consommation e l'incidenza del cancro: il Ohsaki Cohort Study. Int. J. Cancro, febbraio 2010.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 3 Giu 2010 - 22:12

In futuro, potrebbe aumentare considerevolmente il potenziale agricolo anticancro di alcune verdure
Inviato il 27/05/2010 da Christopher Arobaz Invia tramite e-mail
Parole chiave: pomodoro Broccoli

In futuro, potrebbe aumentare considerevolmente il potenziale agricolo anticancro di alcune verdure

I ricercatori hanno arricchito broccoli con selenio e composti biochimici. Esse hanno dimostrato nei ratti che la loro attività antitumorale può essere migliorata.

Il broccolo arricchito sembra essere un buon modo per assorbire il selenio, un oligoelemento molto utile per la salute. Inoltre, la miscela risultante sembra avere proprietà anticancro più potente del broccoli da solo. Questo è il risultato di una ricerca presso la University of Illinois pubblicato nell'agosto del 2009 nel giornale della chimica agricola ed alimentare.

Gli autori non sanno se l'attività antitumorale è dovuto al selenio, direttamente o indirettamente, aumentando la sintesi di glucosinolati. Hanno anche fatto delle ricerche su broccoli vegetali miste in polvere, pomodori, i pomodori ricchi di licopene, i pomodori ricchi di licopene + carotenoidi, i cavoli broccoli, broccoli coltivate su terreni ricchi di selenio. Sembra che l'attività di ciascuno possono influenzare diverse regioni, quali il fegato di pomodori ricchi di licopene + carotenoide.


Il nostro consiglio: perché non mescolare le verdure nel piatto? I broccoli verdi con pomodoro rosso, per esempio? Sarà molto bello e le virtù di entrambi verdura sembrano potenziare nel loro insieme.



Fonte:

1. Ann Liu G et al. "Nutrire pomodoro e broccoli in polvere arricchito con bioattive marcatori bioattività MIGLIORA nei ratti," Giornale di chimica agricola ed alimentare 57, no. 16 (26 agosto 2009): 7.304-7.310.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Dom 13 Giu 2010 - 11:24

Les oméga-3s pourraient ralentir aussi la progression d’un des cancers solides les plus fréquents de l’enfant
* Acides gras
Dans un nouvel article du International Journal of Cancer, des chercheurs de l’Institut Karolinska de Stockholm expliquent comment les acides gras oméga-3 semblent contribuer à la fois à la prévention du cancer et à l’inhibition de la croissance des cellules cancéreuses.

Dans cette étude publiée le mois dernier, les chercheurs suédois font la démonstration – chez des rats – que les cellules du neuroblastome (un des cancers solides les plus fréquents chez l’enfant), ne se développent pas autant quand les animaux sont nourris avec des doses importantes d’un acide gras oméga-3 à longue chaine, le DHA (acide docosahexaénoique).[1]


Pour mémoire, les trois principaux acides gras oméga-3 sont :

- L’ALA (acide alpha linolénique), qu’on trouve dans l’herbe, les plantes, les noix, les graines de lin et de colza, et les algues. Il est composé de 18 atomes de carbone et on l’appelle donc un acide gras oméga-3 « à courte chaine ».


- Une fois consommé par les animaux, les poissons en particulier, mais aussi les poules ou les vaches, ou les humains, l’ALA est transformé dans leur organisme en acides gras oméga-3 « à longues chaines » qui sont :


* L’EPA (acide éicosapentaénoique) avec 20 atomes de carbone, qui est abondant dans le poisson en particulier et à un effet anti-inflammatoire dans le corps et sans doute antidépresseur

* Le DHA (acide docosahexaénoique) avec 22 atomes de carbone, qui sert surtout à la constitution des membranes des cellules, particulièrement dans le cerveau, et à la stabilité des membranes du cœur.

Quand les animaux de l’étude consomment des quantités importantes de DHA avant d’être greffés avec un million de cellules de neuroblastome humain, plusieurs d’entre eux ne développent pas de tumeur du tout. Et pour la plupart des autres, les tumeurs qui se développent sont beaucoup plus petites que dans le groupe témoin dont le régime alimentaire n’est pas riche en DHA.



De la même façon, le DHA administré aux rats qui ont déjà développé un neuroblastome fait régresser le poids et le volume de ces tumeurs dans la plupart des cas.


Lorsqu’ils ont examiné la biologie des tumeurs, ils ont constaté que plus les tumeurs avaient incorporé de DHA dans leur tissu et plus elles avaient régressé. Par contre, les quelques tumeurs qui, pour des raisons encore mal comprises, n’avaient pas ou peu incorporé de DHA, n’avaient pas réduit de volume.



Les mécanismes évoqués pour expliquer ces résultats sont multiples :


- Le DHA incorporé aux tumeurs est rapidement oxydé et les cellules cancéreuses sont plus sensibles à l’oxydation que les cellules normales, ce qui induit leur mort. (Voire mon blog sur l’étude du Pr Bougnoux à Tours qui est arrivé à une conclusion similaire dans le ralentissement du cancer du sein pendant la chimiothérapie avec le DHA)

- Dans l’organisme, le DHA est transformé en molécules biologiquement actives qui réduisent l’inflammation et l’angiogénèse dont les tumeurs ont besoin pour grandir.

- Une caractéristique des cellules cancéreuses est précisément qu’elles échappent habituellement à leur mort naturelle. Or le DHA agit sur les « signaux de transduction » au plus profond du métabolisme des cellules et en particulier sur ceux qui contrôlent la mort cellulaire naturelle (« apoptose »).


Les chercheurs du Karolinska font le lien entre leur étude chez les rats et la démonstration par une équipe américaine travaillant en Alaska que la fréquence des cancers est jusqu’à 10 fois inférieure chez les enfants eskimos dont le taux d’oméga-3 en général, et de DHA en particulier, est très supérieur, de part leur régime riche en poissons, à celui des enfants de la même région qui ont un régime occidentalisé.[2]


Attention cependant il s’agit d’une étude sur des animaux, qui doit être transposée chez l’homme avec précaution. Les doses utilisées étaient très significatives, puisqu’il s’agissait de 120 mg/Kg/jour à 2,1 g/Kg/jour. Pour un enfant de 10 kg, cela ferait entre 1,2 g et 21 g de DHA par jour. A ces doses élevées, il y a un risque d’effets secondaires, en particulier de problèmes digestifs (y compris diarrhées) et de troubles de la coagulation du sang (hypo-coagulabilité, avec risque de saignements).


La source la plus fréquente de DHA sont les huiles de poisson purifiées (débarrassées notamment des contaminants qui se fixent facilement dans la graisse des poissons d’eau froide) et traitées pour augmenter leur taux de DHA par rapport à la quantité d’EPA. Il est aussi possible aujourd’hui de trouver du DHA fabriqué par des algues et qui n’est donc pas d’origine animale, ce qui convient mieux aux végétariens.

Bibliographie

1. Gleissman, H., et al., Omega-3 fatty acid supplementation delays the progression of neuroblastoma. International Journal of Cancer, 2010. 9999(999A).

2. Lanier, A.P., et al., Childhood cancer among Alaska Natives. Pediatrics, 2003. 112: p. e396

________________________________

Gli Omega-3 possono anche rallentare la progressione di uno dei tumori solidi più comuni nei bambini
da David Servan-Schreiber aggiornamento 2010/06/11 01:14

* Grassi

In un altro articolo del Journal of Cancer, i ricercatori del Karolinska Institute di Stoccolma spiegare come omega-3 acidi grassi appaiono di contribuire sia alla prevenzione del cancro e l'inibizione della crescita della cellula cancerosa.



In questo studio, pubblicato il mese scorso, i ricercatori svedesi hanno dimostrato - nel ratto - le cellule di neuroblastoma (uno dei tumori solidi più frequenti nei bambini), non crescono molto quando gli animali sono nutriti con Le grandi dosi di omega-3 a lunga catena, DHA (acido docosaesaenoico) [1].



Per la cronaca, i tre principali omega-3 sono:



- ALA (acido alfa linolenico), che si trova in erba, piante, frutta secca, semi di lino e di colza, e alghe. E 'composta da 18 atomi di carbonio ed è quindi chiamato omega-3 "filiera corta".



- Quando consumato dagli animali, in particolare pesce, ma le galline o mucche, o umani, ALA viene convertito nel loro corpo di omega-3 "a lunga catena", che sono:



* EPA (acido eicosapentaenoico) con 20 atomi di carbonio, che è ricca di pesce e, in particolare, un anti-infiammatorio nel corpo e probabilmente antidepressivo

* DHA (acido docosaesaenoico), con 22 atomi di carbonio, che serve soprattutto alla formazione delle membrane cellulari, in particolare nel cervello, e la stabilità delle membrane del cuore.



Quando gli animali dello studio consumano grandi quantità di DHA prima di essere innestati con un milione di cellule di neuroblastoma umano, molti di loro non sviluppano tumori a tutti. E per molti altri, i tumori che si sviluppano sono molto più piccoli del gruppo di controllo la cui dieta è ricca di DHA.



Allo stesso modo, DHA somministrato ai ratti che hanno già sviluppato un regresso neuroblastoma è il peso e il volume di questi tumori, nella maggior parte dei casi.



Nell'esaminare la biologia dei tumori, hanno trovato che i tumori più DHA sono stati inseriti nei loro tessuti ed erano caduti. Per contro, i pochi tumori che, per ragioni ancora poco conosciuta, aveva poco o incorporati DHA non aveva ridotto in volume.



I meccanismi invocati per spiegare questi risultati sono molteplici:



- DHA viene rapidamente ossidato incorporato in tumori e cellule tumorali sono più sensibili all'ossidazione rispetto a quelle normali, inducendo la loro morte. (Vedi il mio blog per lo studio di Pr Tours Bougnoux successo a una conclusione simile per rallentare il cancro al seno durante la chemioterapia con DHA)



- Nel corpo, il DHA viene convertito in molecole biologicamente attive che riducono l'infiammazione e angiogenesi che i tumori hanno bisogno di crescere.



- Una caratteristica delle cellule di cancro è proprio che di solito perso la loro morte naturale. Ma gli atti DHA sul "trasduzione del segnale" metabolismo cellulare profonda e in particolare quelli che controllano la morte naturale delle cellule (apoptosi).



I ricercatori del Karolinska effettuare le connessioni tra il loro studio sui ratti ha dimostrato da un team di lavoro degli Stati Uniti che in Alaska incidenza del cancro è 10 volte più bassa tra i bambini eschimesi, il cui sangue omega-3, in generale, e DHA, in particolare, è molto più elevato, grazie alla loro dieta ricca di pesce, i figli della stessa regione che hanno una dieta occidentalizzata [2].



Fate attenzione anche se è uno studio su animali, che devono essere attuate in esseri umani con cautela. Le dosi usate erano molto significativi, come era 120 mg / kg / die a 2.1 g / kg / die. Per un bambino di 10 kg, questo sarebbe tra 1,2 g, e 21 g di DHA al giorno. A queste dosi elevate, vi è il rischio di effetti collaterali, in particolare i problemi gastrointestinali (diarrea) e disturbi della coagulazione del sangue (ipo-coagulabilità, con rischio di emorragie).



La fonte più comune di DHA sono oli di pesce, purificato (liberato particolare contaminanti che si depositano facilmente nel grasso dei pesci di acqua fredda) e trattate per aumentare il loro tasso di DHA rispetto alla quantità di EPA. E 'anche possibile oggi trovare DHA prodotti dalle alghe e quindi non di origine animale, che è più adatto per i vegetariani.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da LUNA il Dom 13 Giu 2010 - 15:19

Non cita quali tipi di alghe?
avatar
LUNA
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 3566
Località : New york
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Lun 21 Giu 2010 - 12:55

Un suivi psychologique améliore et prolonge la vie des femmes en rechute du cancer du sein
par David Servan-Schreiber Dernière modification 18/06/2010 15:56
Envoyer par mail

Une nouvelle étude de Barbara Andersen, de l'Université de l'Ohio, montre que femmes victimes d'une rechute de cancer du sein, qui suivent un enseignement proche de celui que je recommande dans ANTICANCER (conseils alimentaires, exercice physique modéré, et pratiques de gestion du stress) augmentent la capacité de leur système immunitaire et réduisent leur risque de mortalité de 59%.

Dans un précédent blog, je vous avais signalé une étude très importante de Barbara Andersen, qui montrait que des femmes à qui on annonçait un dagnostic de cancer du sein s'en sortaient mieux quand elles bénéficiaient d'un suivi psychologique et d'un programme d'accompagnement anticancer. Bien sur, beaucoup étaient déprimées au départ, après le diagnostic, mais leur risque de dépression se réduisait de façon considérable sur une période d'un an quand elles apprenaient à pratiquer un exercice de relaxation quotidien, à manger différemment, à faire plus d’activité physique, et à demander de l’aide autour d’elles.

Mais l'amélioration allait plus loin que le bien-être psychologique. Elle se mesurait aussi par une réduction du taux d’inflammation dans leur corps, et une augmentation de l’activité de leur système immunitaire. Après 11 ans de suivi, les femmes qui avaient reçu cet enseignement réduisaient leur risque de mortalité de près de 70% par rapport à celles qui avaient eu le même traitement médical mais pas ce programme.

Barbara Andersen a poursuivi son étude en prenant en compte les épisodes de rechute, et publie cette semaine ses résultats dans Clinical Cancer Research, paru le 16 juin 2010. Les résultats sont convergents et donnent des arguments à tous ceux qui souhaitent, comme moi, que l'on aide les patients à mobiliser leur capacité naturelle à guerir.

En reprenant les femmes de son échantillon qui avaient rechuté, et en proposant à la moitié d'entre elles, tirées au hasard, de participer à un nouveau programme de suivi psychologique et d'apprentissage d'un style de vie favorable à la santé, l'équipe de l'Université de l'Ohio a pu mesurer, durant 12 mois, que les femmes avaient de meilleurs indicateurs d'immunité quand elles suivaient le nouveau programme. Pour elles, des prises de sang régulières montraient une augmentation des lymphocytes (T-cells) et des cellules tueuses (Natural Killer cells), capables de supprimer les tumeurs. En revanche, ces marqueurs ne s'amélioraient pas pour l'autre groupe.

Le résultat en terme de survie est impressionnant : au bout de 12 mois, la mortalité du groupe avec intervention est diminuée de près de 60% par rapport au groupe sans intervention.

C'est un résultat très encourageant, qui ne doit pas être négligé. Les critiques ne manqueront pas de pointer la faiblesse de l'échantillon, mais cela ne peut être qu'une incitation à reproduire cette expérience, qui a déjà sauvé la vie de dizaines de femmes, sans aucun autre effet secondaire que de leur rendre la vie plus agréable malgré l'angoisse de la rechute.



Sources :


Clin Cancer Res. 2010 Jun 15;16(12):3270-8. Epub 2010 Jun 8.
Biobehavioral, immune, and health benefits following recurrence for psychological intervention participants.
Andersen BL, Thornton LM, Shapiro CL, Farrar WB, Mundy BL, Yang HC, Carson WE 3rd.
Department of Psychology, The Ohio State University, Columbus, OH 43210, USA. andersen.1@osu.edu

Mon blog sur la précédente publication de Barbara Andersen, publiée dans "Cancer"

Andersen, B. et al. (2008) Psychologic Intervention Improves Survival for Breast Cancer Patients
Cancer 2008;113:3450–8. copyright 2008 American Cancer Society.

lo stato psicologico migliora e prolunga la vita delle donne con carcinoma mammario recidivante

Un nuovo studio da Barbara Andersen della Ohio University dimostra che le donne che soffrono di una recidiva di cancro al seno, che ricevono un'istruzione simile a quella che io raccomando a antitumorali (consigli dietetici, esercizio fisico moderato, e gestione dello stress Practice) aumentare la capacità del loro sistema immunitario e ridurre il loro rischio di mortalità del 59%.

In un blog precedente, avevo segnalato un importante studio di Barbara Andersen, che ha trovato che le donne che hanno annunciato un cancro al seno dagnostic andata meglio se stavano ricevendo assistenza psicologica e programma antitumorali di accompagnamento. Certo, molti di loro sono depressi dopo la diagnosi iniziale, ma il loro risk di depressione era ridotta in modo significativo in un periodo di uno anno dove loro stessi diventano practice uno exercise daily di rilassamento, mangiare in modo diverso, per rendere più attività fisica, e per chiedere aiuto intorno a loro.

Ma il miglioramento è andato al di là del benessere psicologico. E 'anche misurato da una riduzione del tasso di infiammazione nei loro corpi, e aumento dell'attività del loro sistema immunitario. Dopo 11 anni di follow up, le donne che avevano ricevuto questo addestramento ridotto il loro rischio di morte di quasi il 70% rispetto a quelli che avevano lo stesso trattamento medico, ma non il programma.

Barbara Andersen continuò il suo studio prendendo in considerazione gli episodi di recidiva, e pubblica i risultati di questa settimana in Clinical Cancer Research, pubblicato 16 Giugno 2010. I risultati sono coerenti e dare munizioni a coloro che vogliono, come me, che aiuta i pazienti a mobilitare la loro naturale capacità di guarire.

Tornando donne nel suo campione, che avevano avuto una recidiva, e offrendo la metà di essi scelti a caso a partecipare ad un nuovo programma di formazione psicologica e uno stile di vita favorevoli per la salute, gruppo di ricerca dell'Università dell'Ohio è stato misurato durante 12 mesi, che le donne erano migliori indicatori di immunità quando hanno seguito il nuovo programma. Per loro, regolari esami del sangue hanno mostrato un aumento dei linfociti (cellule T) e le cellule NK (cellule Natural Killer) in grado di sopprimere i tumori. Tuttavia, tali indicatori non migliorano per l'altro gruppo.

Il risultato in termini di sopravvivenza è impressionante: dopo 12 mesi, con il gruppo di intervento la mortalità è stata ridotta di quasi il 60% rispetto al gruppo senza alcun intervento.

E 'un risultato molto incoraggiante, che non deve essere trascurato. I critici non riescono a punto il piccolo campione, ma questo non può essere un incentivo a replicare, che ha già salvato la vita di decine di donne, senza alcun effetto collaterale che rende la loro vita meglio, nonostante la paura di una ricaduta.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

evitare vit A nei filtri solari

Messaggio Da XENA il Ven 25 Giu 2010 - 14:38

Les crèmes solaires riches en vitamine A peuvent augmenter les risques de cancer
Posté le 24/06/2010 par Christophe Arobaz Envoyer par mail
Mot-clés: Vitamine A Soleil

Les crèmes solaires riches en vitamine A peuvent augmenter les risques de cancer

A l'approche de l'été, l'heure est venue de porter un œil critique sur l'accessoire du plagiste : la crème solaire. Généralement, elles sont mal utilisées. Personne ne peut affirmer qu'elles suffisent à éviter les risques de cancer dus à une trop grande exposition au soleil. De plus, certaines semblent être toxiques et... cancérigènes.






Les adeptes de la peau mate, qui choisissent de passer leurs vacances à changer de couleur de peau, mettent beaucoup d'espoir dans les crèmes solaires. Les fabricants ne tiennent pas à les décevoir, promettant un hale parfait en toute sécurité.

Pourtant chacun a fait l'expérience d'un coup de soleil, alors même que le tube magique figurait bien sur la liste des courses. Souvent, on oublie de l'appliquer suffisamment. Il faudrait en mettre toutes les deux heures pour garder une bonne efficacité, sans compter qu'elle peut se diluer dans les vagues.

En ce qui concerne la réduction des risques de cancer par les crèmes solaires, les études ne sont pas conclusives. D'après le Environmental Working Group (EWG), une ONG américaine, il n'y a de bons résultats que pour le carcinome spinocellulaire, qui ne représente que 16% de ces cancers de la peau. Ce n'est malheureusement pas le plus dangereux.

On remarque au contraire que l'incidence des cancers de la peau augmente dans les pays développés. Il existe même des études qui montrent que les gros utilisateurs sont plus à risque. Une des explications est que les crèmes solaires donnent un faux sentiment de sécurité et poussent les gens à rester trop longtemps exposés. Une tendance renforcée par l'arrivée sur le marché des indices de protection élevés.

En corolaire, un autre effet indésirable est que les crèmes solaires empêchent les gens d'accumuler de la vitamine D, même pendant une exposition au soleil d'été.

Enfin, il semble qu'un des composants fréquents des crèmes solaires peut provoquer une cancérisation des cellules de la peau quand il est exposé à la lumière. Il s'agit de la vitamine A, étiquetée parfois "retinyl palmitate" ou "retinol" sur les tubes.

Dans une étude de la Food and Drug Administration américaine, les chercheurs ont montré que des souris, qui avaient reçu une crème solaire riche en vitamine A avaient développé un cancer de la peau plus rapidement (21% de temps en moins avant de développer un cancer qu'un groupe témoin qui bénéficiait de crème solaire sans vitamine A). Ces travaux ne sont pas définitifs et seront publiés en entier à la fin de l'année.

De plus, rien ne peut garantir que notre peau réagit de la même façon que les souris de laboratoires sans fourrure, génétiquement modifiées pour être plus facilement victimes d'un cancer. Cependant, par prudence cet été il faudra bien lire les étiquettes.

Notre conseil : Sentez ce qui est bon pour vous - protégez-vous en restant à l'ombre quand c'est nécessaire. Couvrez votre peau de jolis tissus et votre tête d'un beau chapeau, vous serez magnifique et bien protégé(e). Par prudence, choisissez des crèmes solaires sans vitamine A.


Le dossier du Environmental Working Group (EWG)

National Toxicology Program (NTP). Pathology Tables, Survival and Growth Curves from NTP Long-Term Studies. Technical Report Pathology Tables and Curves. TR-568 All-trans-retinyl palmitate.


Filtri solari sono ricche di vitamina A può aumentare il rischio di cancro
Inviato il 24/06/2010 da Christopher Arobaz Invia tramite e-mail
Parole chiave: Vitamina un Sole

Filtri solari sono ricche di vitamina A può aumentare il rischio di cancro

Con l'avvicinarsi dell'estate, è il momento di prendere un occhio critico sulla spiaggia accessorio guardiano: la protezione solare. In generale, sono male utilizzati. Nessuno può dire che essi sono sufficienti per evitare il rischio di cancro a causa di un'eccessiva esposizione al sole. Inoltre, alcuni sembrano essere tossici e ... agenti cancerogeni.






I seguaci della gente dalla pelle scura che scelgono di trascorrere le loro vacanze a cambiare colore, mettere un sacco di speranza in filtri solari. I costruttori non voglio deluderli, promettendo un kicker perfetta sicurezza.

Eppure ognuno ha vissuto una scottatura, anche se la magia tubo apparso anche sulla lista della spesa. Spesso si dimentica di applicare sufficiente. Essa dovrebbe essere attuata ogni due ore per mantenere una buona efficacia, per non parlare può essere diluito nelle onde.

Per quanto riguarda la riduzione del rischio di cancro da filtri solari, gli studi non sono conclusivi. Secondo l'Environmental Working Group (EWG), una ONG americana, ci sono buoni risultati per il carcinoma a cellule squamose, che rappresenta solo il 16% di questi tumori della pelle. Questo purtroppo non è il più pericoloso.

Notiamo invece che l'incidenza del cancro della pelle è in aumento nei paesi sviluppati. Ci sono anche studi che dimostrano che gli utenti pesanti sono più a rischio. Una spiegazione è che creme solari forniscono un falso senso di sicurezza e costringono le persone a rimanere troppo a lungo esposti. Una tendenza rafforzata con l'arrivo sul mercato per gli indici ad alta protezione.

A corollario, un altro effetto collaterale è che creme solari impediscono alle persone di accumulo di vitamina D, anche durante l'esposizione al sole estivo.

Infine, sembra che una componente comune dei filtri solari possono causare cellule cancerose sulla pelle quando esposta alla luce. Questi sono la vitamina A, a volte chiamata "retinil palmitato" o "retinolo" sui tubi.

In uno studio della Food and Drug Administration, i ricercatori hanno dimostrato che i topi che avevano ricevuto una crema solare ricco di vitamina A avevano sviluppato il cancro della pelle in modo più rapido (21% in meno tempo prima di sviluppare il cancro un gruppo di controllo per la protezione solare che godeva senza vitamina A). Queste opere non sono definitivi e sarà pubblicata integralmente entro la fine dell'anno.

Inoltre, non vi è alcuna garanzia che la nostra pelle reagisce nello stesso modo che i topi di laboratorio senza pelliccia, geneticamente modificati per essere più facilmente vittime di cancro. Tuttavia, con un'attenta questa estate che sarà lui a dover leggere le etichette.

Il nostro consiglio: Feel ciò che è buono per voi - proteggersi rimanendo in ombra quando è necessario. Cover lenzuola la tua pelle bella e la testa un bel cappello, sarai bella e ben protetti (e). Per precauzione, scegliere la protezione solare senza vitamina A.



___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 25 Giu 2010 - 15:55

Cet été, profitez des pèches, des prunes et de leurs vertus
Posté le 25/06/2010 par Christophe Arobaz Envoyer par mail
Mot-clés: Fruits

Cet été, profitez des pèches, des prunes et de leurs vertus

Les pèches et les prunes contiennent des composés chimiques anticancer qui ralentissent la croissance des cellules cancéreuses, notamment celles qui ne sont pas hormono-dépendantes.





Les pêches et les prunes sont des fruits riches en antioxydants. Les prunes en contiennent au moins autant que les myrtilles par exemple. Ils contiennent des composés capables de ralentir la croissance des cellules cancéreuses : les flavonoïdes, les procyanidines, et les phenols.

Les chercheurs du laboratoire privé Texas AgriLife Research ont montré, dans une étude parue l'été dernier dans le Journal of Agricultural and Food Chemistry, que ces composés étaient capables de ralentir la croissance de cellules humaines de cancer du sein, tout en préservant les cellules normales.

Cet effet anticancer semble limité aux cellules cancéreuses non hormono-dépendantes.

Notre conseil : C'est un péché de ne pas manger de pèches en été : ce slogan publicitaire n'est pas tout neuf, mais il est facile à retenir.



Giuliana Noratto et al., “Identifying Peach and Plum Polyphenols with Chemopreventive Potential against Estrogen-Independent Breast Cancer Cells,” Journal of Agricultural and Food Chemistry 57, no. 12 (Juin 24, 2009): 5219-5226.


[b]Questa estate, pesche, prugne e le loro virtù
Inviato il 25/06/2010 da Christopher Arobaz Invia tramite e-mail
Parole chiave: Frutti

Questa estate, pesche, prugne e le loro virtù

Le pesche e prugne contengono composti antitumorali che rallentare la crescita delle cellule tumorali, compresi quelli che non sono ormone-dipendenti.




Le pesche e le susine sono frutti ricchi di antiossidanti. Prugne contenere almeno nella misura in cui i mirtilli, per esempio. Essi contengono composti che possono rallentare la crescita delle cellule tumorali: flavonoidi, procianidine e fenoli.

I ricercatori provenienti da laboratori privati Texas AGRILIFE La ricerca ha dimostrato in uno studio pubblicato l'estate scorsa nel giornale della chimica agricola ed alimentare, questi composti sono stati in grado di rallentare la crescita di cellule umane di cellule di cancro al seno, preservando normale.

Questo effetto anticancro sembra limitata alle cellule non-cancerose in ormone-dipendenti.

Il nostro consiglio: E 'un peccato non mangiare le pesche in estate: questo slogan non è certo nuovo, ma è facile da ricordare.[/b]

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da Hengel il Sab 26 Giu 2010 - 9:52

Il buon funzionamento di quello che è definito "Sistema Immunitario" dipende dalla capacità di questo di disporre di una sufficiente saturazione di vitamina C, e quindi che l'ambiente sia neutro.

Tutte le malattie, cancro compreso, si sviluppano perchè l'ambiente diventa acido, e più è acido più gravi sono e diventano le malattie.

A mano a mano che l'ambiente da acido si porta al neutro, le malattie, tutte, cominciano un percorso di regressione.

Hengel
Nuovo Iscritto
Nuovo Iscritto

Maschio
Numero di messaggi : 49
Età : 68
Località : Pordenone
Data d'iscrizione : 21.06.10

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Lun 4 Ott 2010 - 12:22

Stress accelera lo sviluppo di metastasi
30/09/2010
Stress accelera lo sviluppo di metastasi

Il ruolo dello stress nel cancro è oggetto di controversia. Nessuno studio ha dimostrato che potrebbe essere la causa della malattia. Ma lo stress cronico si crede ad alimentare la crescita delle cellule tumorali. I ricercatori d...ell'Università di Los Angeles, credono di aver dimostrato il meccanismo sottostante.





I
ricercatori dell'Università della California, che pubblicano la loro
ricerca in Cancer Research, settembre 2010 arrivò ad un risultato
spettacolare, che apre nuove prospettive terapeutiche. Sottoponendo
i topi a uno stress lieve per due settimane (sono stati limitati a
poche ore al giorno in un luogo angusto), sono stati in grado di
misurare la progressione della loro metastasi e confrontati con topi di
controllo, che non erano stressate.

Il tumore primario non ha reagito in modo diverso, ma comunque, ha sottolineato topi ha sviluppato metastasi 30% in più!

I
ricercatori sono stati in grado di dimostrare che gli atti di stress al
momento del tumore primitivo è in grado di reclutare mobilitati
macrofagi del sistema immunitario a cavalcare.

Ancora più importante, essi dimostrano che i beta-bloccanti possono impedire questo processo e quindi di ridurre le metastasi. Questi
farmaci, usati in cardiologia, sono oggetto di ulteriori ricerche per
valutare il loro interesse nella lotta contro il cancro.



Il
nostro consiglio: i farmaci possono bloccare gli effetti negativi dello
stress, ma molti approcci permettere a tutti di ridurre la sua risposta
allo stress. Il più semplice è il lento, profondo respiro pochi minuti al giorno. Per andare oltre, prova a cuore coerente e rilassamento guidato.
Mostra tutto
Guerir.org :
Le stress accélère le développement des métastases

www.guerir.org

Le rôle du stress dans le cancer fait l'objet d'une controverse. Aucune étude n'a démontré qu'il pouvait être la cause de la maladie. Mais le stress chronique est soupçonné d'alimenter le développement des cellules cancéreuses. Des chercheurs de l'Université de Los Ange...les pensent avoir démontré le ...

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da Hengel il Lun 4 Ott 2010 - 17:42

Qualunque malattia della serie delle malattie autoimmuni, trova origine nell'attività dei microorganismi patogeni che deiventano attivi in ambiente acido.

Questi microorrganismi vengono attivati da onde elettromagnetiche che possono avere origine interna all'organismo, e origine esterna.

Lo stress genera dei flussi di onde elettromagnetiche di origine endogena interna e quindi alcuni microorganismi ricevono lo stimolo da questi segnali.

Resta però valido il concetto che se l'ambiente in cui essi si trovano ad agitarsi, non è acido, le reazioni patogene non avvengono.

Di conseguenza non si sviluppano malattie o complicazioni varie.

In sintesi, una buona e corretta alimentazione prevale su ogni condizione di sviluppo di malattie. Anzi, contribuisce alla loro regressione.

Hengel
Nuovo Iscritto
Nuovo Iscritto

Maschio
Numero di messaggi : 49
Età : 68
Località : Pordenone
Data d'iscrizione : 21.06.10

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 26 Nov 2010 - 23:34

Les amateurs de soja ont un risque diminué de 30 %
Posté le 24/11/2010 par Christophe Arobaz Envoyer par mail
Mot-clés: Soja





Les amateurs de soja ont un risque diminué de 30 %

Le risque de développer un cancer du sein invasif est inversement proportionnel aux habitudes de consommation de soja, selon une étude présentée lors d'un colloque de l'American Association of Cancer Research, à Philadelphie. Il est diminué de 30% pour les femmes pré-ménopausées qui consomment le plus d'isoflavones, en comparaison avec celles qui en consomment le moins.






L'étude présentés à la neuvième édition annuelle de la "Cancer Prevention Research Conference" a inclus 683 femmes atteintes du cancer du sein et 611 femmes sans la maladie. L'apport total de soja dans l'étude était faible - 75 % des participants ont déclaré ne jamais manger de soja à tous.

Les chercheurs ont constaté de plus que celles qui consommaient le plus d'isoflavones avaient une diminution de 30 pour cent de risque de cancer de stade I, mais aussi une diminution de 70% du risque d'avoir une tumeur de plus de 2 centimètres, et une diminution du risque de cancer du sein de stade 2 de 60 %. Ces liens n'ont pas été observés chez les femmes ménopausées.


Notre conseil : les isoflavones sont très présentes dans le soja, mais aussi dans les haricots blancs et les céréales. Vous pouvez par exemple utiliser du lait de soja dans vos céréales de petit déjeuner.


Source :

Résultats présentés à la neuvième édition annuelle de la "Cancer Prevention Research Conference", conférence annuelle de l'American Association for Cancer Research, à Philadelphie du 7 au 10 novembre 2010. Communiqué de presse.





li amanti della soia hanno un rischio ridotto del 30%
Inviato il 24/11/2010 da Christopher Arobaz Invia via mail
Parole chiave: soia

Gli amanti della soia hanno un rischio ridotto del 30%

Il rischio di sviluppare carcinoma mammario invasivo è inversamente proporzionale alle abitudini di consumo della soia, secondo uno studio presentato a un convegno della American Association of Cancer Research di Philadelphia. Si è giù del 30% per le donne in menopausa che consumano la maggior parte isoflavoni rispetto a coloro che consumano meno.






Lo studio presentato alla nona edizione annuale di "Cancer Prevention Research Conference" incluso 683 donne con carcinoma mammario e 611 donne senza la malattia. L'assunzione totale di soia nello studio è stata bassa - il 75% dei partecipanti ha dichiarato di non mangiare soia a tutti.

I ricercatori hanno trovato più di quelli che mangiavano più isoflavoni aveva un 30 per cento il rischio di cancro di stadio I, ma anche una diminuzione del 70% rischio di avere un tumore maggiore di 2 centimetri, e un ridotto rischio di tumore mammario in stadio 2 del 60%. Questi collegamenti non sono stati osservati nelle donne in postmenopausa.


Il nostro consiglio è gli isoflavoni sono presenti nei semi di soia, ma anche fagioli e cereali. Ad esempio è possibile utilizzare il latte di soia nella vostra cereali per la colazione.


Fonte:

I risultati presentati alla nona edizione annuale di "Cancer Prevention Research Conference", Conferenza annuale della American Association for Cance


___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Ven 29 Lug 2011 - 22:07

Dernier hommage à David Servan-Schreiber
Posté le 29/07/2011 par webmestreEnvoyer par mail
Mot-clés:David Servan-SChreiberhommage


David s’est éteint dimanche 24 juillet. Il a succombé à une récidive d’un cancer du cerveau, contre lequel il se battait depuis 19 ans.

Après des études de médecine en France, David part s’installer à Pittsburg aux Etats-Unis où il mène des recherches en neurosciences cognitives. C’est au cours de ces recherches, à 31 ans, qu’il découvre qu’il est atteint d’une tumeur au cerveau. Il ne s’est alors pas contenté du protocole de soins très performants de la médecine conventionnelle, mais il s’est également intéressé aux effets des médecines douces complémentaires.

Défenseur des mécanismes d'auto guérison présents dans le cerveau humain, il publie de retour en France en 2003 son livre « Guérir » qui deviendra un véritable best-seller international. Dans ce livre, David propose des méthodes faisant appel au corps pour comprendre et traiter la dépression et la souffrance mentale. Il fait également connaître la technique de l’EMDR, qui fait appel à des mouvements oculaires.


En 2007, David publie « Anticancer ». Il y dévoile sa propre expérience du cancer, mais surtout ses découvertes scientifiques. L’exercice physique, l’alimentation, la lutte contre le stress et la méditation, qui sont les fondamentaux de la méthode anticancer, permettent de renforcer les défenses naturelles pour favoriser et compléter les traitements traditionnels.


Avant de nous quitter, il a tenu à écrire son dernier livre, « On peut se dire au revoir plusieurs fois », pour s’assurer que sa rechute n’entamera pas la crédibilité de la méthode anticancer. Encore une fois ce livre connaît un fort succès auprès du grand public.


David n’a eu de cesse de prodiguer ses conseils pour aider chacun à rester en bonne santé ou à lutter contre la maladie. Il a ouvert des portes sur une nouvelle façon de vivre sa vie ou sa maladie.

David è morto Domenica 24 Luglio. Ha ceduto a una recidiva di cancro al cervello, contro cui ha combattuto per 19 anni.

Dopo aver studiato medicina in Francia, David si trasferì a Pittsburg negli Stati Uniti dove svolse attività di ricerca in neuroscienze cognitive. E 'stato durante questa ricerca, a 31 anni, che scopre di essere è affetto da un tumore al cervello. ha fatto non solo semplicemente il protocollo di trattamento ad alte prestazioni di medicina convenzionale, ma ha anche esaminato gli effetti della medicina complementare alternativa.

Ha difeso i meccanismi di auto-guarigione presenti nel cervello umano, ha pubblicato di nuovo in Francia nel 2003 il suo libro "La guarigione" che poi diventerà un vero bestseller internazionale. In questo libro, David fornisce i metodi usando il corpo per capire e curare la depressione e la sofferenza mentale. Ha inoltre fatto conoscere la tecnica di EMDR, che utilizza i movimenti oculari.

Nel 2007, David ha pubblicato "anticancro". E racconta la sua esperienza del cancro, ma anche scoperte scientifiche. Esercizio fisico, alimentazione, la lotta contro lo stress e la meditazione, che sono il metodo fondamentale di anti-cancro, possono rafforzare le difese naturali per sostenere e integrare i trattamenti tradizionali.

Prima di 'partire', egli ha voluto scrivere il suo ultimo libro, "Si può dire addio più volte" per garantire che la sua ricaduta non deve erodere la credibilità del metodo anticancro. Ancora una volta questo libro ha un elevato successo di pubblico.

David ha continuato a fornire consulenza per aiutare tutti a stare bene e di lottare contro la malattia. Ha aperto le porte ad un nuovo modo di vivere la sua vita o la salute.


http://info.france2.fr/sante/david-servan-schreiber-est-mort-69793457.html

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Lun 1 Ago 2011 - 21:59





___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Gio 11 Ago 2011 - 23:35

David Servan-Schreiber : son hymne à la vie
Élisabeth Marshall - publié le 28/07/2011

Le cancer a fini par l’emporter, à l’âge de 50 ans. Le médecin et chercheur en neurosciences nous laisse sa méthode anticancer et un bouleversant message.


David Servan-Schreiber © E. Robert Espalieu


C’est un petit livre-testament *qui, avec la mort, le 24 juillet dernier, de David Servan-Schreiber, prend toute sa force. Comme une grande leçon de vie en trois actes. Leçon de lucidité et de courage, d’abord. Le neuropsychiatre, devenu lui-même patient, après trois opérations au cerveau, affronte son mal avec clairvoyance : "Je connaissais les pronostics de mon cancer, je pouvais retarder l’échéance, gagner des années de répit. Mais je ne pouvais faire que cette tumeur disparaisse à jamais."

Son plan de bataille ? Faire face à la maladie et à sa mort prévisible en prenant tous les moyens. Sa méthode anticancer (médiatisée par son livre Guérir), c’est d’abord ça : lutter aux côtés des thérapies conventionnelles, avec des approches complémentaires. Il y gagnera une rémission de 19 ans. Et c’est sa deuxième leçon de vie : nos capacités vitales, corps, cœur, esprit, doivent être mobilisées tout entières, dans un programme où l’alimentation et la gestion du stress, mais aussi
la méditation et même le voyage à Lourdes (!) ont toute leur place.

Troisième et dernière leçon, de gratitude, cette fois. Elle nous vaut les pages les plus émouvantes. Son hommage à ses trois frères, qui se relaient à ses côtés, ses paroles à ses enfants, à ses malades. "La vie est une longue préparation à cet instant souverain de la mort." Et il devient essentiel de "bien dire au revoir, de préparer son départ", écrit celui qui, resté médecin jusqu’au bout, tient à accompagner les siens avant de "passer de l’autre côté". "Me découvrir fragile, mortel m’a ouvert les yeux sur l’infini trésor de la vie et de l’amour."

* On peut se dire au revoir plusieurs fois, chez Robert Laffont, 14 €.

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da XENA il Mer 26 Ott 2011 - 10:59

Riprendo le news dal blog di David Servan




Un protocollo di 4.000 pazienti con melanoma maligno sono stati analizzati. I soggetti sono stati divisi in 3 gruppi a seconda che avevano preso i beta-bloccanti e la durata d'uso di questi farmaci, o per meno di 3 mesi consecutivi o per un periodo più lungo.

Le persone che non hanno mai assunto i beta-bloccanti e quelli che hanno meno di tre mesi di vita , hanno un rischio paragonabile di morte. Al contrario, quelli trattati con beta-bloccanti per più di tre mesi hanno un rischio ridotto del 64% dei decessi legati alla loro melanoma. E ha ridotto il rischio del 19% delle morti per tutte le cause....


Mélanome : avantage à ceux qui prennent des bêtabloquants !
Posté le 24/10/2011 par webmestreEnvoyer par mail
Mot-clés:mélanomebêtabloquants


Parmi les personnes atteintes d’un cancer de la peau, à savoir un mélanome malin, celles qui suivent un traitement par bêtabloquants ont un risque réduit de mortalité toutes causes confondues et encore plus réduit de mortalité par cancer de la peau. Suite à cette constatation, on peut se demander s’il ne serait pas judicieux d’intégrer dans le protocole thérapeutique des bétabloquants chez les personnes atteintes d’un mélanome…







Rappelons que le mélanome est le cancer de la peau le plus redoutable, dont la fréquence a très fortement progressé au cours des 20 dernières années, probablement en raison de la toast-attitude. En effet le principal facteur de risque de mélanome est l’exposition au soleil et la survenue de coups de soleil durant l’enfance et l’adolescence. Afin d’endiguer cette progression des cancers de la peau, les dermatologues recommandent d’examiner et de faire examiner très régulière sa peau, à la recherche d’anomalies, notamment une tâche ou un grain de beauté qui évolue en forme, en taille, en couleur et/ou en contour.



Les dossiers de 4.000 patients atteints d’un mélanome malin ont été analysés. Le sujets ont été répartis en 3 groupes selon qu’ils avaient ou non pris des bêtabloquants et selon la durée d’utilisation de ces médicaments, soit durant moins de 3 mois consécutifs ou sur une période plus longue.



Les personnes qui n’ont jamais pris de bêtabloquants et celles qui en ont pris durant moins de 3 mois, présentent un risque de décès comparable. En revanche, celles qui ont été traitées par bêtabloquants pendant plus de 3 mois, ont un risque réduit de 64% de décès lié à leur mélanome. Et un risque réduit de 19% de décès toutes causes confondues.



En conclusion, cette spécialisé pharmaceutique, que l’on prescrit généralement dans le traitement des troubles cardiaques et de l’hypertension artérielle, pourrait aussi être utilisée dans le traitement des mélanomes. Côté mode d’action, on soupçonne les bêtabloquants d’inhiber la croissance tumorale en limitant la formation de nouveaux vaisseaux. Mais les bêtabloquants pourraient également inhiber l’action des hormones du stress, les catécholamines, connues pour favoriser la progression de certains types de cancers.



Source : Lemeshow S. et al., Cancer Epidemiology Biomarkers & Prevention October 2011 20; doi: 10.1158/1055-9965.EPI-11-0249.






___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: David Servan-Schreiber, sistema immunitario

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum