ZINCO ,UN MICRONUTRIENTE DA NON SOTTOVALUTARE

Andare in basso

ZINCO ,UN MICRONUTRIENTE DA NON SOTTOVALUTARE Empty ZINCO ,UN MICRONUTRIENTE DA NON SOTTOVALUTARE

Messaggio Da LUNA il Sab 24 Ott 2009 - 14:59


23/10/2009 - Due studi pubblicati recentemente, uno sul Journal of Nutrition e l’altro sull’American Journal of Nutrition, hanno riportato risultati sorprendenti riguardo un micronutriente, lo zinco, del quale si parla poco ma che riveste un’importanza fondamentale nell’organismo.
I ricercatori hanno trovato sia in modelli animali che in uomini apparentemente sani con un basso apporto di zinco nella dieta, significativi livelli di danno al DNA.
Secondo questi studi, il deficit di zinco causa la rottura dei filamenti del DNA e l’incremento dell’apporto di tale nutriente ha mostrato di correggere questo danno.
Gli studi degli ultimi anni hanno approfondito il ruolo di questo micronutriente in malattie infettive, funzione immunitaria, danni al DNA e cancro.
“La carenza di zinco è un argomento che in passato è stato trascurato, perché non sappiamo molto riguardo il suo ruolo metabolico e i meccanismi che ne controllano l’assorbimento, ma nemmeno come analizzarne le concentrazioni nell’organismo con accuratezza”, ha spiegato Emily Ho, professore associato al Linus Pauling Institute ed esperta a livello internazionale sul ruolo alimentare dello zinco.
Tuttavia gli studi hanno mostrato che lo zinco è essenziale per proteggere contro lo stress ossidativo e aiuta la riparazione del DNA.
“In uno studio clinico sull’uomo, siamo stati in grado di dimostrare l’incremento del danno del DNA causato dalla carenza di zinco”, ha affermato la prof.ssa Ho. “E’ dimostrato che un inadeguato apporto di zinco ha delle conseguenze sulla salute delle cellule”, ha continuato la ricercatrice.
“Molti studi” ha continuato Ho, “hanno focalizzato l’attenzione sulla correlazione tra deficit di zinco e cancro alla prostata, la seconda causa di morte per cancro negli uomini americani, perché la prostata è l’organo di maggiore deposito di zinco nell’organismo”.
Quando la prostata è colpita dal cancro i livelli di zinco scendono rapidamente. Alcuni studi suggeriscono che aumentare i livelli di zinco nella prostata potrebbe rappresentare uno strumento di prevenzione del cancro della prostata ed essere una terapia potenzialmente strategica.
Vi sono dati concernenti la relazione tra apporto di zinco e cancro a esofago, seno, collo e testa.
Almeno due miliardi di persone al mondo potrebbero soffrire di carenza di zinco che è diffusa anche nei paesi sviluppati. Si calcola che negli USA circa il 12% della popolazione sia a rischio di carenza di zinco. Lo stesso problema riguarda il 40% degli anziani, a causa di un apporto dietetico inadeguato e di un minore assorbimento di tale nutriente.
Il deficit di zinco che può verificarsi con l’invecchiamento può contribuire a una maggiore incidenza di infezioni e malattie autoimmuni, affermano i ricercatori nel Journal of Nutrition. Secondo la dr.ssa Ho, un apporto inadeguato è così diffuso tra gli anziani che questi dovrebbe considerare di assumere un multivitaminico per assicurarsene livelli sufficienti.
Lo zinco si trova in natura associato con alimenti proteici quali manzo e pollo e, in alte concentrazioni, in molluschi come le ostriche. E’ reperibile anche da fonti vegetali, ma le piante lo assorbono scarsamente e quindi i vegetariani dovrebbero controllare attentamente il loro apporto dietetico.
Lo zinco è un micronutriente essenziale per numerosi processi cellulari, ma la sua eccessiva assunzione può interferire con l’assorbimento di importanti nutrienti come ferro e rame.
Le conseguenze della carenza di zinco negli adulti sono state trascurate a dispetto del riconoscimento dei sintomi da decenni. Numerosi dati indicano che la carenza di zinco può aumentare il rischio di alcune malattie croniche, incluso il cancro, questo grazie al suo ruolo di difesa antiossidante e di riparazione del DNA.
Bibliografia
Song Y et al. Journal of Nutrition 2009 Sep;139(9):1626-31. Song Y et al. American Journal of Clinical Nutrition2009 Aug;90(2):321-28.
LUNA
LUNA
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 3566
Località : New york
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

ZINCO ,UN MICRONUTRIENTE DA NON SOTTOVALUTARE Empty Re: ZINCO ,UN MICRONUTRIENTE DA NON SOTTOVALUTARE

Messaggio Da Dezeb il Sab 24 Ott 2009 - 15:55

è bene bilanciare l'assunzione di zinco prendendo anche il rame,

per lo zinco è indicato un rda tra qualche milligrammo fino a 15
per il rame da meno di 1 milligrammo fino a 3
il rapporto tra i due minerali zinco-rame deve essere 10:1
ovvero se si prende 10 milligrammi di zinco si deve prendere 1 milligrammo di rame,

tabella del ministero della salute (per i minerali la quantità da assumere è strettamente definita)
www.ministerosalute.it/alimenti/dietetica/dieApprofondimento.jsp%3Flang%3Ditaliano%26label%3Dint%26id%3D381+rda+minerali&cd=1&hl=it&ct=clnk&gl=it" target="_blank" rel="nofollow">http://209.85.129.132/search?q=cache:PSlaH16KwvcJ:www.ministerosalute.it/alimenti/dietetica/dieApprofondimento.jsp%3Flang%3Ditaliano%26label%3Dint%26id%3D381+rda+minerali&cd=1&hl=it&ct=clnk&gl=it

in passato, circa una ventina di anni fa e poi anche dopo (è utile per il diabete, oltre a produzione enzimi e partecipazione in svariate reazioni...), ho preso zinco gluconato per molto tempo, senza prendere il rame, ebbene, anche se non ho avuto grossi problemi (prendevo ogni tanto un multiminerale) tra le cose che ho notato, però, è stato che prendendo il rame ho avuto un cambiamento nell'interesse per esempio mentale o direi l'approccio, con lo zinco si privilegia la analiticità con il rame invece più il versante emotivo

comunque, consiglio a chi prende lo zinco di non trascurare l'assunzione di rame.
Dezeb
Dezeb
Utente Senior
Utente Senior

Maschio
Numero di messaggi : 1431
Età : 50
Località : N
Data d'iscrizione : 29.12.07

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum