Galangal:dalle erbe un antiemorragico salvita

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Galangal:dalle erbe un antiemorragico salvita

Messaggio Da XENA il Sab 5 Dic 2009 - 17:51

Articolo del dottor R.Chianese

DALLE ERBE UN ANTIEMORRAGICO SALVAVITA (27-1-2009) ==========

Un preparato costituito da:

- GALANGAL (detto anche ZENZERO BLU perchè simile allo zenzero)
- ORTICA
- FOGLIE di VITE
- LIQUIRIZIA e
- TIMO

pare che sia in grado di BLOCCARE qualsiasi EMORRAGIA.

Il FARMACO, di origine NATURALE e denominato ABS (Ankafed Blood Stopper), è prodotto e commercializzato in Turchia dalla Ankafeld

L’ "inventore" del farmaco è Huseyin Cahit Firat: non un medico ma un ex uomo di affari che si è sempre interessato di ERBE.

La sua SICUREZZA è stata verificata con una serie di test condotti in Turchia fra il 2006 e il 2007 da Ibrahim Haznedaroglu all’UNIVERSITA' HACETTEPE .

Anche in Slovenia verrà richiesta l’autorizzazione al commercio, che poi sarà valida in tutta L'Unione Europea

Per la sua EFFICACIA e SICUREZZA ingenti quantitativi di ABS sono stati inviati a GAZA tramite la Mezza Luna Rossa (La Croce Rossa Medio Orientale)





-

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femminile
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Galangal:dalle erbe un antiemorragico salvita

Messaggio Da XENA il Sab 5 Dic 2009 - 18:28

L’antiemorragico turco che promette miracoli



La notizia sta facendo il giro dei siti web: un rivoluzionario farmaco antiemorragico, chiamato Abs (sigla che sta per Ankafed Blood Stopper) e inventato in Turchia, promette di bloccare in pochi secondi qualsiasi tipo di emorragia. A darne l'annuncio non è una rivista scientifica, ma il quotidiano turco Today's Zaman che definisce il prodotto la «scoperta del secolo». Ecco i dettagli. L'inventore del farmaco, di origine organica, si chiama Huseyin Cahit Firat e non è un medico: è un ex uomo di affari e si è sempre interessato di erbe. Il prodotto infatti è un mix di galangal (una radice simile allo zenzero e infatti si chiama anche zenzero blu), ortica, foglie di vite, liquirizia e timo che ha rivelato un'efficacia, dicono, del 100 per cento nell' arrestare qualsiasi emorragia.

TEST DI TOSSICITÀ- Il suo meccanismo d'azione non è chiaro: sembra che sia in grado di formare (analogamente ad altri antiemorragici in commercio), nel giro di pochi secondi un reticolo di proteine (già presenti nel sangue) sulle ferite in modo da bloccare il sanguinamento, senza effetti coagulanti sul sangue in circolo. Per ora è stato utilizzato con successo in 682 ospedali e su 500 ambulanze come agente emostatico. Sembra funzionare anche sulle emorragie gengivali in pazienti con emofilia e diabete. Il farmaco viene venduto in ampolle, spray e tamponi e può essere utilizzato da tutti, non necessariamente da un medico. La sua sicurezza è stata verificata con una serie di test condotti fra il 2006 e il 2007 da Ibrahim Haznedaroglu all'Università Hacettepe che ne ha dimostrato l'assenza di citotossicità (tossicità cellulare). Test analoghi stanno per essere condotti anche in Slovenia dove verrà richiesta l'autorizzazione al commercio, autorizzazione che, una volta concessa, varrebbe anche per gli altri Stati Europei.

FERITE DI GUERRA - L'azienda produttrice del'Abs, la Ankaferd, ha donato alla Mezzaluna Rossa, l'analogo della Croce Rossa, due tonnellate del farmaco perché lo invii agli ospedali di Gaza dove il conflitto fra Palestinesi e Israeliani ha fatto centinaia di feriti.

PIASTRINE -Per rimanere nel campo delle terapie che interferiscono con le attività del sangue, vale la pena di segnalare un'altra notizia, che questa volta, però arriva dalle pagine di una prestigiosa rivista medica, il Journal of Clinical Investigation. L'obiettivo dei ricercatori, che hanno condotto lo studio, era quello cercare un modo per impedire la coagulazione del sangue e, in particolare, la formazione di trombi sulla parete delle arterie (soprattutto delle coronarie) da sfruttare nella prevenzione dell'infarto. Un team di studiosi dell'Università di Bristol ha trovato il bersaglio da aggredire: le piastrine, cellule del sangue che contribuiscono a formare i trombi aderendo alle pareti del vaso sanguigno, e, in particolare, una proteina, chiamata Pkc alfa, che favorisce appunto la formazione di trombi. Rimuovendo il gene di questa proteina nei topi, i ricercatori hanno dimostrato che non si formano più trombi. L'idea adesso è quella di trovare nuovi farmaci che bloccando questa proteina, mettano al riparo dal rischio cardiovascolare. E che, rispetto alle cure oggi usate,, a base di aspirina, abbiano meno effetti collaterali quali i rischi di sanguinamento.

Adriana Bazzi
© Corriere salute

___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femminile
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum