vit c -Maurizio Blondet giornalista malato di microcitoma

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

vit c -Maurizio Blondet giornalista malato di microcitoma

Messaggio Da XENA il Lun 27 Giu 2011 - 10:02



Grazie L. per la segnalazione dell'articolo. pollice alto

LA MIA AVVENTURA ASCORBICA


di Maurizio Blondet, giornalista

Una cura dei tumori basata su iniezioni di Vitamina C

«Beh, il suo tumore non è aumentato», mi dice il medico di base dopo aver esaminato la PET che mi hanno fatto fare il 15 maggio. Me lo dice come incidentalmente, perchè anche lui era per la chemio preventiva, e quando gli ho detto un mese fa che non l'avrei mai fatta, ha subito replicato: «Lei è libero di... ma non si aspetti che le faccia ricette per cure tipo Di Bella». La PET precedente risale al 2 febbraio; sono dunque più di tre mesi da che il mio microcitoma (operato precocemente) tace.



Non mi faccio illusioni, s'intende. Il microcitoma è coralmente definito «molto aggressivo», la recidiva post-operatoria altissima e rapidissima, tanto da far ritenere che sia proprio l'intervento ad accelerare il processo.



Semplicemente, mi godo una libertà provvisoria: e calcolo che non avendo dato ascolto all'oncologa, secondo cui avrei dovuto cominciare la chemio preventiva (cisplatino, cortisone, radiazioni e non so che altro) «subito, immediatamente dopo l'operazione», mi son goduto due mesi di relativa buona salute soggettiva, risparmiandomi le devastazioni inutili dei farmaci neoplastici. Bisogna accontentarsi, e nelle mie condizioni le settimane risparmiate dalla sofferenza diventano preziose come gioielli.



Del resto, assumo che la malattia sia incurabile. Lo afferma lo stesso National Cancer Institute, il serissimo istituto governativo americano che riporta con minuziosa precisione lo stato dell'arte, e tutte le informazioni che possono saziare la curiosità, riguardo ad ogni specie di tumore. In calce al capitolo «Informazioni generali sul cancro a piccole cellule» (microcitoma significa appunto a piccole cellule, ma suona più scientifico, e dà l'ompressione che i dottori sappiano con che cosa hanno a che fare) è posta, in grassetto, questa avvertenza:



«Per la massima parte dei pazienti con tumore a piccole cellule, i trattamenti correnti non costituiscono cura del cancro» (For most patients with small cell lung cancer, current treatments do not cure the cancer). (General Information About Small Cell Lung Cancer)

http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/treatment/small-cell-lung/Patient



La chemioterapia, vien detto chiaro, non cura nulla. Altrove vien ripetuto che «gli attuali trattamenti sono insoddisfacenti per quasi tutti i pazienti» con questo cancro. Ma questa avvertenza in grassetto è replicata in calce alla descrizione di praticamente ogni tipo di neoplasia, salvo forse per certo linfomi.



A quanto pare, la frase è stata inserita non su suggerimento dei medici ma dagli avvocati; in USA si rischiano cause miliardarie per promesse terapeutiche infondate; solo in Italia si può proclamare in TV che « siamo a un passo dal debellare i tumori», o «abbiamo migliorato di molto la sopravvivenza» o «disponiamo oggi di chemioterapie mirate e meno invasive» (balla assoluta: nel mio caso mi hanno proposto, a scopo preventivo, il solito bombardamento pesante e indiscriminato di sostanze tossiche e cancerogene) nel chiedere il 5 per mille da parte dello IEO, l'istituto privato-convenzionato di Veronesi.



La chemio viene dunque proposta (imposta) come risposta alla domanda psicologica dei pazienti spaventati dalla diagnosi («Dottore, mi salvi») da esperti che ne conoscono perfettamente l'inefficacia; e che esercitano questotrattamento come un vero esercizio della crudeltà, crudeltà per cui hanno mano libera (ho ricevuto resoconti di calvarii individuali che fanno rizzare i capelli in testa...), e che un giorno, spero, porterà l'intera oncologia ad essere definita come crimine contro l'umanità.



Personalmente, mi sforzo di adottare un altro atteggiamento; anzichè l'inane ansia di sfuggire alla morte, buttarmici a capofitto; una volta in grazia di Dio, non c'è più motivo di aver paura.



Ma allora, Blondet, non stai facendo alcuna cura?



Me lo chiedono diversi amici. Una cura la sto facendo. A scarico di coscienza, sto sottoponendomi ad iniezioni in dosi crescenti di acido ascorbico (vitamina C) in vena, dosi che dovrebbero diventare molto alte (30-50 grammi a infusione) sotto il controllo di un medico di cui non faccio il nome, perchè ha già (naturalmente...) i suoi guai giudiziari per questa colpa, aggravata dal fatto che non cerca di farci soldi.



È, con qualche miglioramento, la vecchia cura proposta mezzo secolo fa da Linus Pauling, che lì per lì ricevette per questo persino il Nobel. La terapia fu poi liquidata da sperimentazioni cliniche condotte dalla clinica Mayo del Minnesota, che smentì le speranze sollevate. Il fatto è che alla Mayo si trattarono i pazienti della sperimentazione con acido ascorbico in alte dosi per via orale, credendo (o fingendo di credere) che l'assorbimento intestinale della sostanza presa per bocca fosse così alto, da equivalere all'assorbimento in vena... i risultati furono provvidenzialmente deludenti.



Attualmente, però, il trattamento con IVC (Intra-venous C vitamin) in megadosi di pazienti cancerosi è tornato in auge in diverse cliniche americane e britanniche: anzi, è vista come una terapia legittima « per i pazienti che deliberatamente rifiutano la chemio» (così il dottor Julian Kenyon, direttore medico della Dove Clinic for Integrated Medicine, London e Winchester).



Una seria rivista scientifica, il Proceedings of National Academy of Sciences, ha pubblicato i risultati di un lavoro di vari scienziati che hanno comprovato come «dosi farmacologiche (cioè altissime) di ascorbato» siano riuscite a produrre «una riduzione di un aggressivo glioblastoma nel topo», ed anche tumori delle ovaie e del pancreas. I ricercatori non si peritano di raccomandare questa terapia su pazienti umani «con prognosi infausta e opzioni terapeutiche limitate». (Pharmacologic doses of ascorbate act as a prooxidant and decrease growth of aggressive tumor xenografts in mice)

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18678913?ordinalpos=1&itool=EntrezSystem2.PEntrez.Pubmed.Pubmed_ResultsPanel.Pubmed_RVDocSum



Qui il testo completo dello studio

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2516281/



Il lavoro spiega anche il meccanismo d'azione della vitamina C. Normalmente, anche in alte dosi, essa è un potente anti-ossidante, e in quanto tale un sostegno del sistema immunitario. In dosi ancora più alte, però, diventa un pro-ossidante: converte i radicali liberi in perossido di idrogeno, una sostanza (è l'acqua ossigenata, H2O2, in cui il secondo atomo di ossigeno facilmente si libera bruciando i tessuti) fortemente tossica per le cellule, in quanto ne danneggia la membrana. Senonchè, le cellule normali del corpo sono in grado di neutralizzare il perossido di idrogeno, grazie a un importantissimo enzima chiamato catalasi, che le cellule sane producono, anzi che è ubiquitario in tutti gli organismi animali e vegetali http://it.wikipedia.org/wiki/Catalasi



Le cellule tumorali invece non sono capaci di produrre la catalasi, sicchè sono senza difesa davanti all'azione tossica del perossido, il prodotto di scarto della vitamica C in altissime dosi; le cellule cancerose verrebbero dunque uccise in modo selettivo, tanto più che l'acido ascorbico si concentra, com'è stato comprovato dagli esami del siero, preferenzialmente attorno ai tumori solidi piuttosto che nei tessuti sani, a causa della somiglianza chimica della vitamina C col glucosio, di cui le cellule tumorali sono ghiotte.



Se questo è vero, il trattamento con dosi altissime di acido ascorbico endovena otterrebbe quello che la chemioterapia promette e non mantiene: uccidere selettivamente le cellule cancerose, risparmiando invece i tessuti sani.



Vedo anche, spigolando qua e là, allusioni dei medici favorevoli a questo tipo di cura ad un « protocollo del Kansas», con precise linee guida indicate da una dottoressa Jeanne Drisko, che all'università del Kansas dirige il Programma di Medicina Integrata.



Dosi crescenti di vitamina C infuse in flebo « due volte la settimana» è il metodo seguito dal dottor Thomas Cowan, con il controllo della concentrazione della vitamina nel sangue immediatamente dopo l'infusione; «una volta raggiunti i livelli ottimali, si continua fino a quando constati una remissione(dell'avanzata della neoplasia); se la remissione si verifica, la terapia è continuata per sei mesi fino a un massimo di due anni, nello sforzo di cambiare l'intero corso della patologia».



Ecco un po' di altri studi recenti sull'ascorbico in alte dosi: PDF

http://www.acamnet.com/driskoelecs2011.pdf



La rivelazione del meccanismo d'azione dell'acido ascorbico in dosi farmacologiche non solo vendica Linus Pauling (che del meccanismo per cui la vitamina C aveva azione anti-tumorale non seppe dare ragione); ma anche, mi pare, in qualche modo rafforza la posizione dei credenti nella terapia alternativa a base di ascorbato di potassio. Come forse è noto a molti lettori, l'idea venne a un chimico fiorentino di nome Gianfranco Valsè Pantellini nel 1947, dopo aver fatto visita ad un amico orefice con cancro gastrico terminale. Trovò che il malato riusciva ormai a nutrirsi solo con limonate rese effervescenti dal bicarbonato; i medici gli davano poche settimane di vita. Invece, mesi dopo, il canceroso appariva guarito (morirà otto anni più tardi, di infarto). Pantellini vide che, per un errore del farmacista, il bicarbonato con cui l'orefice mescolava il suo succo di limone non era comune bicarbonato di sodio, ma di potassio. Errore felice: come intuì il chimico, mentre il sodio resta nei tessuti liquidi esterni alla cellula, sangue e siero, il potassio svolge un ruolo essenziale nei processi metabolici intra-cellulari, portando (per semplificare) la vitamina C direttamente all'interno delle cellule.



Gli effetti collaterali della terapia (frequenza di urinare, a volte lieve diarrea) non sono nemmeno paragonabili con gli effetti collaterali della chemio. Del resto, l'acido ascorbico è la sola vitamina che non provochi iper-vitaminosi, quasi che la natura (Dio?) l'avesse predisposta per le alte dosi prescritte dal Kansas Protocol.



La vitamina C ad alte dosi ha anche un costo incredibilmente modesto rispetto alla chemio. Una confezione con 5 fiale (5 cc.) costa 3,6 euro. Il costo diventa però ragguardevole quando si giunge ad infusioni quotidiane di 30 o 50 o 75 cc., sostenute per mesi.



E qui entra di nuovo in causa il mio medico di base che «non fa ricette di cure alternative». Ho provato a portargli lo studio sopra citato col meccanismo d'azione spiegato (l'esistenza della catalasi, penso, sarà una scoperta anche per molti dottori), ma ho commesso l'errore di portargli il testo inglese dello studio pubblicato dalla rivista dell'Accademia delle Science USA. Lui l'ha sventolato allontanandolo da sè come fosse un insetto molesto: «Sono sicuro che posso trovare decine di articoli che dicono il contrario». Il fatto è che non ci sono...



Ciò mi ha fatto meditare sulla formazione dei medici di base. Dopo la laurea, oberati dal lavoro per lo più burocratico, tutto il loro aggiornamento lo ricevono dagli informatori scientifici, ossia dai propagandisti e piazzisti delle aziende farmaceutiche, da esse pagati e sguinzagliati negli ambulatori con le borse di cuoio piene del nuovo farmaco brevettato da raccomandare, piccoli e grandi omaggi, offerte di partecipare a seminari sul nuovo farmaco a Portofino o a Lanzarote, pranzo cena e pernottamento, con signora.



Questa non è solo corruzione. La pratica propagandistica deforma la mentalità dei medici nel senso di rafforzare in loro una preferenza assoluta per i farmaci confezionati; per i farmaci di «grandi case farmaceutiche»; per i farmaci «nuovi» rispetto a farmaci vecchi, parimenti efficaci e spesso meno pericolosi (esempio in cardiologia: il Clopdigrel, o Plavix della Sanofi-Aventis, è un fluidificante del sangue più o meno efficace quanto l'aspirina, ma va controllato accuratamente perchè provoca danni al... midollo spinale).



Non esistono più medici – ma ho fatto a tempo a conoscerne almeno un paio – che compongono o propongono galenici. Per esempio, ci sono donne a Rimini che hanno gratitudine eterna per il mio ex suocero, un burbero medico croato che le salvò dallo sfiguramento di gravi ustioni, senza bisogno di ricorrere al chirurgo plastico, con una pomata di sua composizione (ne aveva ottenuto la formula da una zingara, diceva): una pomata per comporre la quale, però, il dottor Minak andava ogni mattina al macello a raccogliere midollo di bue fresco, cosa che la Sanofi-Aventis certo non fa.



Ho conosciuto medici che ancora prescrivevano pillole di calcio che altro non erano che polvere d'ossa, altro sottoprodotto di macelleria – fino a quando le pillole non sono scomparse dalle farmacie, perchè costavano troppo poco per fare profitto. Ho conosciuto ancora medici che curavano l'acne o altre foruncolosi con l'Ittiolo, tratto da scisti bituminosi, dal caratterisctico odore di pesce affumicato; o prescrivevano, non ricordo per quale affezione, acido ursinico, tratto dal grasso d'orso. Erano cure efficaci; ma non conviene più produrle. Anche l'acido ascorbico iniettabile viene fabbricato da qualche piccola ditta praticamente su ordinazione.



Il mio medico sa solo che la vitamina C endovena «era un'idea di Pauling, ma superata». I nuovi studi non lo raggiungono, se non gliene parla il promotore scientifico della Merck o della Squibb.



Proverò a tornare alla carica, assicurandolo che non metterò la vitamina a carico della ASL – l'ente previdenziale dei giornalisti rimborsa persino l'omeopatia e gli integrativi, purchè li prescriva il medico curante – ma non ho molte speranze. La mia cura, presto o tardi, dovrà fermarsi per impossibilità dello scrivente ad avere la prescrizione firmata dal medico, di cui necessito. Confido più che mai nelle preghiere di tutti, e nella volontà di Cristo.



P.S.: Secondo le ultime notizie, la FDA (Food and Drug Administration) si appresta a vietare la somministrazione di acido ascorbico in vena, fra le proteste di diverse cliniche americane che già l'hanno adottata. Sarà curioso vedere quale scusa troveranno stavolta: effetti collaterali dell'unica vitamina che non produca iper-vitaminosi? A quando una valutazione degli effetti collaterali della Ciclofosfamide, la mostarda azotata vescicante che cominciò la sua carriera nelle trincee per avvelenare i soldati a migliaia?




Published by Dr. Claudio Capozza

Holistic Medicine,Homeopathy,Homotoxicology,
Kinesiology, Naturopathy,Orthomolecular Medicine
http://www.omeonet.info/
http://tinyurl.com/iurn




Pubblicato da wtvaustralia a 11:01 0 commenti:
Posta un commento

Post più recente Post più vecchio Home page
Iscriviti a: Commenti sul post (Atom) KIKIRRO


Dr. Claudio Capozza
Giuliano Guareschi

Figlio d'arte.Giornalista, vice direttore per oltre 50 anni del quotidiano "La Fiamma", pubblicato a Sydney e letto in tutta Australia. Adesso scrittore e opinionista.
Iscriviti a Web Tv Australia
Post



___________________________________________________
avatar
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femminile
Numero di messaggi : 10982
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

http://salutenaturale.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: vit c -Maurizio Blondet giornalista malato di microcitoma

Messaggio Da Nata il Mar 20 Set 2011 - 23:51

C´é qualcuno che sa come stá oggi Blondet?

Nata
Nuovo Iscritto
Nuovo Iscritto

Femminile
Numero di messaggi : 33
Età : 57
Località : estero
Data d'iscrizione : 15.09.11

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum