tac solo se indispensabili

Andare in basso

tac solo se indispensabili Empty tac solo se indispensabili

Messaggio Da XENA il Gio 29 Apr 2010 - 21:42

Rischio di tumore dopo esposizione alle radiazioni della tomografia computerizzata

L’introduzione
della tomografia computerizzata ( TC ) ha inaugurato una nuova era
nella diagnostica medica. Condizioni che una volta richiedevano la
laparoscopia diagnostica possono ora essere diagnosticate in modo
non-invasivo. L’anatomia del cervello vivente, in precedenza opaca, può
essere ora visualizzata.

Ad eccezione dei pazienti allergici al colorante o con insufficienza
renale, la tomografia computerizzata era fino a poco tempo fa
considerata una tecnica sicura.

Due articoli, pubblicati su Archives of Internal Medicine, pongono ora
il problema della sicurezza di questo strumento diagnostico.

Ogni giorno, più di 19.500 scansioni di tomografia computerizzata sono
eseguite negli Stati Uniti, sottoponendo ogni paziente all’equivalente
di 30-442 radiografie toraciche per scansione. Quello che sta emergendo
è che le alte dosi di radiazioni delle scansioni potrebbero tradursi
nello sviluppo, in futuro, di tumori.

Uno studio ha esaminato 1.119 pazienti sottoposti a 11 più comuni tipi
di esami tomografici. Dall’analisi delle cartelle ospedaliere è stato
osservato che il dosaggio delle radiazioni variava ampiamente tra i
differenti tipi di esami, con dosaggi mediani compresi tra 2 mSv per
una scansione TC alla testa e 31 mSv per una scansione all’addome e
alla pelvi.
Il numero stimato di esami TC che potrebbe portare allo sviluppo di un
caso tumorale variava anche per il tipo di scansione TC, oltre all’età
e al sesso del paziente. Ad esempio è stato stimato che 1 donna su 270
e 1 uomo su 600 che si sottopongono a coronarografia TC a 40 anni potrà
sviluppare in seguito un tumore a causa delle radiazioni ricevute. Un
caso di cancro potrà verificarsi ogni 8.100 donne e 11.080 uomini, di
età attorno ai 40 anni, sottoposti a scansione TC di routine alla testa.
Per i pazienti di 20 anni il rischio è stato stimato doppio, mentre per
i pazienti di 60 anni è ritenuto essere approssimativamente più basso
del 50%.

Nell’altro studio è stato costruito un modello di probabilità in grado
di stimare i rischi tumorali età-specifici per ciascun tipo di
scansione. Da questo modello è emerso che le scansioni TC effettuate
nei soli Stati Uniti nel 2007 potrebbero aver provocato quasi 29.000
futuri tumori. Un terzo di questi possibili tumori riguarderebbe
scansioni effettuate su una popolazione di età compresa tra i 35 e i 54
anni, il 15% sarebbe la conseguenza di scansioni effettuate in bambini
e adolescenti. Due terzi dei tumori potrebbero interessare la
popolazione femminile.

Sulla base di questi dati è opportuno valutare il rapporto
rischio-beneficio prima di sottoporre un paziente a tomografia
computerizzata.

Fonte: Archives of Internal Medicine, 2009

___________________________________________________
tac solo se indispensabili 196mna
XENA
XENA
AdminSalute
AdminSalute

Femmina
Numero di messaggi : 10983
Località : scheda madre
Data d'iscrizione : 22.12.07

https://salutenaturale.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum