Rito ebraico

Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da mara il Gio 4 Mar 2010 - 16:46

Se ti va scrivilo qui il significato!Interessa anche a me.

mara
Utente Senior
Utente Senior

Femmina
Numero di messaggi : 5443
Età : 46
Località : san mauro
Data d'iscrizione : 18.05.08

Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da Ospite il Gio 4 Mar 2010 - 16:49

Mah, forse questo non è un argomento da pausa caffè, ma se fossi stata
in ufficio lo avrei raccontato, magari senza essere ascoltata, appunto,
in pausa caffè.

Lo scrivo sul Forum perchè è una mia curiosità. Vi racconto:

Stamani, appunto, per curiosità, ho partecipato ad un funerale ebraico.

Non
c'era nulla di programmato, mi trovavo lì per caso perchè dopo il mio
incidente domestico non ero più riuscita ad andare a Milano a trovare
mia madre. Alla Porta Nord del Cimitero Maggiore, di fronte, si trova
il Cimitero Ebraico, c'è proprio una strada che divide le due porzioni.
Di solito i cancelli sono sempre chiusi, si intravvedono i monumenti
quasi tutti uguali, di color grigio scuro, ognuno con la stella di
Davide impressa e qualcuno con il candelabro. Quasi nulla fiori e il
cartello esposto avverte che per segno di rispetto bisogna entrare a
capo coperto.

Stamattina c'era un gruppo di persone, molti di
loro, uomini, con il classico "zucchetto" (non so se si chiama così),
altri a capo scoperto, il rabbino capo riconoscibile dal cappello nero
a larga tesa e la barba lunga, l'altro rabbino con uno zucchetto molto
più grande degli altri, segno forse del grado. All'arrivo del defunto,
si è creato un piccolo corteo fino alla cappella centrale. Qui il
feretro è stato appoggiato su una grande pietra con ai lati quattro
candele scure. Nessun altro addobbo. Il rabbino ha iniziato una nenia
in ebraico dondolandosi sui piedi e l'altro rabbino non partecipava al
canto ma anch'esso si dondolava. Dopo, parole che spesso sentiamo noi
cattolici durante i funerali. Il rabbino prediceva che anche se
fisicamente la persona non era più accanto a noi, era comunque con noi
e in questa maniera sarebbe stato ovunque noi fossimo. Non un gesto da
parte di nessuno, una compostezza incredibile, solo due ragazze, non
ebree evidentemente, ridacchiavano di nascosto per chissà che cosa.

E
poi la sepoltura, semplicissima nella nuda terra. Il rabbino ha preso
la pala e ha cominciato a prendere terra da un cumulo per gettarlo
nella buca, questo per tre volte e molti uomini si sono avvicendati a
fare la stessa cosa, ognuno sempre per tre volte fino a riempire di
terra la metà. Io osservavo, mi sentivo un po' in imbarazzo, mi pareva
di oltraggiare una tradizione ma volevo vedere come finiva. A questo
punto il rabbino, con una forbice in mano, si è avvicinato ai figli del
defunto e, come quando ai matrimoni si taglia la cravatta, ha fatto un
taglio alla loro camicia, ma senza asportarne stoffa. E così anche alla
vedova, quasi ad impremere sui vestiti una ferita. Ho chiesto ad una
signora cosa volesse dire quel gesto, ma non lo sapeva, anche lei era
cattolica ed era lì perchè era un'amica.

Con questo gesto è
terminata la cerimonia, ognuno è uscito dal cimitero ed io,
istintivamente, al cancello, come faccio sempre, mi sono voltata e mi
sono fatta il segno della croce.

Volevo raccontarvelo perchè
mi ha colpito molto. La mia ulteriorire curiosità è andare a cercare su
internet il significato del taglio sul petto.



***



L'ho trovato, Mara. Avevo intuito giusto.




Il rito ebraico del funerale e del lutto

Veglia funeraria
Veglia tradizionale in presenza della famiglia, uomini e donne riuniti. Dei salmi sono letti in continuazione e in presenza di una candela che simbolizza l’immortalità dell’anima. Il corpo non deve mai restare solo.

Cure di conservazione
Normalmente proibite, sono obbligatorie in caso di rimpatrio in Israele, poiché il cofano viene aperto ed il corpo inumato direttamente in terra.

Posa nella bara
Il defunto riposa sul dorso, con il viso rivolto verso l’alto, con le braccia lungo il corpo, con la testa appoggiata su un cuscinetto con dentro terra d’Israele, di cui il corpo ne è ugualmente cosparso.

Feretro
Il feretro è in legno, semplice, e può portare, fissata al di sopra, una stella di David.

Cerimonia nel luogo di culto
Non si passa dalla Sinagoga, considerata come un luogo di vita.

Partecipazione della famiglia
Le tappe del lutto sono strettamente definite dalla famiglia (7 giorni, 30 giorni, un anno). Il primo periodo è caratterizzato da numerosi divieti e visite da parte della comunità. Alla fine dei 30 giorni finisce il lutto, esclusi gli orfani (1 anno). Per un anno si recita una preghiera, il Kaddish, e si accende una luce (gesto ripetuto ogni anno). Prima della partenza per il cimitero, viene eseguito ai familiari uno strappo rituale del vestito indossato, sul lato destro in segno di dolore.

Cremazione
Proibita. Non riconosciuta dalle autorità religiose.

Fiori
Di principio non si usano fiori, ma non sono proibiti.

Cimitero
E’ il luogo della cerimonia. In processione, sosta davanti alla Sinagoga se è un fedele o un “Saggio”. Al cimitero orazione funebre fatta dal rabbino, ognuno getta 3 manciate di terra, quindi viene recitato il Kaddish, la preghiera dei morti. Tutti si lavano le mani senza asciugarle per restare simbolicamente con il defunto e la sua famiglia.

Monumenti funebri
Generalmente, si realizzano trascorsi 11 mesi. Portano una iscrizione ebraica, la stella di David e talvolta il simbolo delle tavole della Legge.."

Bè, leggerlo è una cosa, esserne testimoni, vi assicuro, è un'altra. Io ho grande rispetto per le religioni che non sono la mia, cerco di entrarne nei contenuti, spesso non le capisco... Su una cosa non mi ero sbagliato: il taglio sul petto è infatti un segno di dolore, non poteva essere che così.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da Ospite il Gio 4 Mar 2010 - 17:14

Naturalmente chiedo scusa per l'argomento, ma avrei raccontato di qualcosa di più allegro se me ne fosse capitata l'occasione. saluta

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da hugbert il Sab 6 Mar 2010 - 10:59

Hai un bel modo di decrivere le cose Elena, semplice ed efficace nella sua poesia...dovresti cimentarti in qualcosa di più ...un libro? pensaci.
avatar
hugbert
Nuovo Iscritto
Nuovo Iscritto

Maschio
Numero di messaggi : 70
Età : 52
Località : sabina
Data d'iscrizione : 05.02.10

Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da grazia il Dom 7 Mar 2010 - 18:45

beh, Elena, non scusarti, anzi , grazie per la testimonianza postata...Hai semplicemente trasmesso un pò di cultura sul culto (gioco di parole) dei defunti di religione non cattolica, in questo caso ebraica... In effetti il taglio sul vestito, fa pensare simbolicamente ad una lacerazione, in questo caso, degli affetti...Non è cosa comune assistere ad un funerale di rito non cattolico, ed è spontanea la curiosità di conoscere usi e costumi diversi dai nostri... pollice alto
avatar
grazia
Utente Senior
Utente Senior

Numero di messaggi : 2515
Data d'iscrizione : 28.03.08

Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da klodia il Dom 7 Mar 2010 - 19:07

Lo "zuccotto" si chiama Kippah

klodia
forista esperto
forista esperto

Femmina
Numero di messaggi : 631
Età : 48
Località : ovunque
Data d'iscrizione : 14.01.08

Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da klodia il Dom 7 Mar 2010 - 19:20

Anni fa sono stata invitata al matrimonio di due amici ebrei.
E' stata davvero una bella di cerimonia, piena di poesia e molto piu' coreografica rispetto alle cattoliche.
La ceriomonia viene officiata sotto un baldacchino e vi partecipa tutta la famiglia, genitori, fratelli e sorelle.
Molto bello é il molmento in cui la sposa fa sette (mi pare) giri intorno allo sposo, per simboleggiare la costruzione del focolare.
All'interno della sinagoga tuttti gli uomini, ebrei e non devono portare la Kippah.

klodia
forista esperto
forista esperto

Femmina
Numero di messaggi : 631
Età : 48
Località : ovunque
Data d'iscrizione : 14.01.08

Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da grazia il Lun 8 Mar 2010 - 1:43

Si, Klodiia...è affascinante la conoscenza di riti diversi dai nostri, che trasmettono , comunque, nella simbologia, significato profondo alle tappe fondamentali della vita di un essere umano...
Vuoi mettere quanto è coinvolgente un rito che richiama a valori religiosi, rispetto ad un rito civile , più frettoloso e impoverito di quella solennità che dovrebbe esaltarne il significato ?
avatar
grazia
Utente Senior
Utente Senior

Numero di messaggi : 2515
Data d'iscrizione : 28.03.08

Torna in alto Andare in basso

Re: Rito ebraico

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum